Accerchiati!

Dopo la sorpresa iniziale, che aveva consentito all'esercito tedesco di penetrare in profondità in territorio sovietico, la difesa divenne più organizzata, ed iniziarono i contrattacchi.
In questo diorama, l'equipaggio di un panzer IV danneggiato cerca scampo, sotto la copertura dei propri compagni:

Notare gli spezzoni di cingolo agganciati allo scafo come corazza aggiuntiva.
I due carristi feriti (uno in ginocchio, qui sopra; l'altro si tampona la ferita al braccio, nella foto successiva) indossano la versione verde canneto della divisa da automezzo, che fu fornita come uniforme da lavoro e per il combattimento in climi caldi.
Come si può notare in queste due foto (precedente e successiva), anche i soldati dell'aeronautica (Luftwaffe) facenti servizio a terra furono impiegati come fanti, data la penuria di uomini. La loro divisa era identica a quella dell'esercito, ma in colore grigio-blu.
La marmitta, visibile sul retro del carro nella foto precedente, va dipinta in nero, con un marrone-rossiccio dato a pennello asciutto, per ricreare l'usura del metallo a causa dell'alta temperatura.

Il danno è evidente: il cingolo si è spezzato e la ruota motrice è distrutta; anche il treno di rotolamento è rovinato.
Questi effetti si ottengono con un piccolo saldatore (per deformare la plastica) e varie passate di nero a pennello asciutto, per simulare il nerofumo dell'esplosione.

Mezzo (Italeri) e figurini (Tamiya) in plastica, su uno scenario in resina della Verlinden. La scala è 1:35.

Vedi il mezzo dal vivo.

A presto!

Commenti

Post più popolari