Passa ai contenuti principali

Blitzkrieg!

Ovvero: guerra lampo!
Era questo il nuovo concetto strategico su cui si basarono i grandi successi tedeschi all'inizio della seconda guerra mondiale.
Conscio delle potenzialità del carro armato, nuova arma da poco entrata in servizio, il generale Heinz Guderian elaborò un nuovo metodo di utilizzo dei corazzati (in parte già sviluppato dagli inglesi), che ne prevedeva la concentrazione su un punto di massimo sforzo (Stutzpunkt) per lo sfondamento delle linee nemiche ed il conseguente aggiramento del fronte, accerchiando l'avversario e dividendolo in sacche più piccole da eliminare con la fanteria. La lenta artiglieria trainata venne sostituita dai bombardieri a tuffo Stukas: in tal modo l'esercito del Reich ebbe ben presto ragione delle truppe corazzate francesi, la cui dottrina d'utilizzo prevedeva ancora lo sparpagliamento dei mezzi in piccoli gruppi d'appoggio alla fanteria:
Qui vediamo le truppe tedesche che entrano in una cittadina francese, mentre due carristi sconfitti abbandonano il mezzo danneggiato (un Hotchkiss H35) e si avviano alla prigionia:
Un carro 35(t) sfila lungo la strada, affiancato da una squadra cacciacarri, armata di fucilone anticorazzato.
Il panzer 35(t) era di produzione cecoslovacca (la "t" della sigla indica la nazione di provenienza in tedesco, non il peso); dopo l'annessione del Sudetenland nel 1938 e l'invasione del resto del Paese, la Wermacht (l'esercito tedesco) si impossessò delle fabbriche Skoda, continuandone la produzione.
In molti punti il mezzo era superiore al Panzer I e si rivelò un'ottima base per lo sviluppo di molti altri mezzi durante il conflitto, tra cui i cacciacarri Hetzer e Marder.
Qui sotto vediamo due carristi davanti al loro Panzerjager I: un cacciacarri creato unendo lo scafo del Panzer I al cannone anticarro cecoslovacco da 47 mm:
Dal retro possiamo vedere l'interno del mezzo con la culatta del cannone. In pratica, il Panzerjager I fu una soluzione d'emergenza per sopperire alla mancanza di cacciacarri semoventi e fu abbandonato appena furono disponibili mezzi più efficienti.
Tutti i carristi indossano la tenuta nera delle truppe corazzate, con il berretto ampio e floscio che fu sostituito già nel 1941 con la bustina nera, a causa della scomodità nell'utilizzo con le cuffie. I soldati indossano la prima versione della tenuta da combattimento, con giacca grigioverde (feldgrau) e pantaloni grigio topo.

I mezzi tedeschi sono della Italeri, il carro francese è della Trumpeter, con figurini Dragon; anche le rovine sono della Italeri, mentre il mattonato stradale è autocostruito in Das. Piccole schegge di mattoncini in cotto e brecciolina simulano le macerie.
La colorazione dell'edificio in rovina è realizzata con un fondo spray e lavature in nero.

Per una rassegna di film di guerra cliccate qui.

A presto!

Commenti

Post popolari in questo blog

Panzer VI b - Tigre reale

Prodotto tra il 1944 ed il 1945, il Tigre II (o Tigre B - Sd. Kfz.182) fu la risposta alle richieste del comando tedesco per un carro armato superpesante.
Le foto, scattate nel museo dei corazzati di Bovington (UK), mostrano le due versioni del mezzo in esame.
Le prime due riguardano un esemplare con torretta Porsche e mimetizzazione a 3 toni (giallo-ocra, verde, rosso-marrone).
Dopo solo 50 mezzi prodotti, si decise di cambiare il disegno della torretta in favore di quella progettata dalla Henschel, poichè si temeva che la curvatura inferiore del mantelletto potesse deviare i colpi in arrivo verso la corazza superiore (più sottile) del mezzo. Nella foto seguente si vede un modello dotato della nuova torretta e coperto di zimmerit.
Lo zimmerit era una pasta antimagnetica composta da solfato di bario (40%), polivinilacetato (PVA) per il 25%, pigmento ocra (15%), segatura (10%) e solfito di zinco per il restante 10%, che aveva lo scopo di impedire alle mine magnetiche di aderire al mezz…

Torri lancia dadi 2

In molti giochi può essere necessario confrontare i risultati dei lanci di dado contemporanei dei vari giocatori, quindi occorre pensare più in grande di quanto fatto in precedenza:
Questa è una doppia torre lancia dadi, con tanto di raccoglitore per i dadi da lanciare.
La base è una scatola di legno porta minuteria, già ripartita in varie sezioni.

Le torri, le finestre ed i portoni sono di cartone pesante e l'effetto stucco è fatto con vinavil e carta casa; una volta asciutto, ho passato un'abbondante lavatura in color ocra. La base è stata verniciata con vernice spray.

Per vedere come dissimulare una torre lancia dadi in un diorama, cliccate qui.

A presto!

Fokker DR I Dreidecker

Per contrastare la superiorità tecnica degli aerei inglesi, nel 1916 la Fokker ricevette la richiesta di un nuovo caccia triplano, sul modello del Sopwith Triplane in dotazione al nemico.
Il risultato fu un aereo tanto famoso quanto controverso: il DR I.
Entrato in linea nel 1917, si dimostrò subito inferiore nelle prestazioni rispetto ai contemporanei, a parte nel rateo di salita; il suo punto di forza stava nelle grande maneggevolezza, data dalle ali più spesse e più corte, che consentivano una più rapida rotazione sull'asse.
Le ali, inoltre, erano scatolate,quindi dotate di struttura portante interna, il che consentiva di fare a meno della maggior parte dei tiranti necessari sugli altri velivoli dell'epoca, ma il miglioramento dell'aerodinamica si pagava con un maggior peso complessivo della macchina.
Il DR I utilizzava un motore rotativo, i cui cilindri, cioè, erano posti a stella sull'asse di trasmissione e l'intero blocco motore ruotava con esso, creando un …