Un brontolone pericoloso

Durante la II GM, l'esercito tedesco mise in campo una serie di veicoli specializzati per gli scopi più vari.
Uno di questi era il Brummbar (brontolone):
Concepito per il combattimento urbano, fu sviluppato a partire dallo scafo di un panzer IV, in cui la torretta fu sostituita da una casamatta ospitante un mortaio da 150mm.
Il suo scopo era quello di abbattere le mura degli edifici per impedire che il nemico vi si potesse trincerare.
Il diorama rappresenta un momento della rivolta di Varsavia del 1944. Il mimetismo a tre toni di colore e le ruote del treno di rotolamento prive di gommatura sono tipiche del periodo.
Le rastrelliere sui lati servivano a reggere gli schurtzen, ovvero delle grembiulature di piastre d'acciaio, che impedivano ai proiettili di raggiungere la struttura del mezzo; in pratica, il sistema consentiva una maggiore protezione senza significativi incrementi di peso. C'erano, però, dei difetti: il peggiore era che, essendo solo appese, spesso, durante la marcia su terreni accidentati, le piastre si sganciavano e venivano perse.
Con un primo piano possiamo distinguere il flammiere, che indossa un tipo di mimetica sviluppato nel 1943-44 e riservato alle truppe delle SS: era una casacca in tela leggera che si indossava sopra la blusa e si allacciava ai polsi ed attorno al colletto. anche il soldato sullo sfondo indossa una mimetica simile, ma in toni di marrone, anzichè di verde.
In termini modellistici, la realizzazione di tali divise comporta un gran lavoro: una volta asciugatosi il colore di base (verde o marrone) e fatte le prime chiazze più larghe (marroni o verdi), occorre prendere uno stuzzicadenti (io uso la punta di un rapidograph) e punteggiare il tutto con altri 2 toni di verde e 2 di marrone.
Tenendo presente che i figurini sono alti circa 5 cm, lo stippling è una tecnica lenta e laboriosa, però il risultato merita.
Per quanto riguarda lo scenario: la facciata della chiesa è in gesso, il marciapiede autocostruito in Das e le macerie sono realizzate con brecciolina da presepe dipinta in grigio e "lavata" in giallo ocra

Per una rassegna del cinema di guerra cliccate qui.

A presto!

Commenti

Post più popolari