Passa ai contenuti principali

Inferno bianco

Il diorama in questione illustra un combattimento urbano durante l'invasione dell'URSS del 1941:
I soldati cercano riparo in un'officina distrutta, appoggiati da un autoblindo che funge da carro comando, come si evince dall'antenna a traliccio che lo ricopre.
Qui si nota il tornio elettrico in primo piano, mentre sullo sfondo si intravede il blindato coperto di neve.
Un ferito si ripara in un angolo, mentre i commilitoni avanzano.
Tra le macerie giacciono anche due cadaveri.
Gli scontri furono cruenti e la mancanza di equipaggiamento adatto durante le prime fasi dell'avanzata costò la vita a molti uomini.
Solo per fare un esempio, le divise bianche che si vedono su alcuni figurini, necessarie al mimetismo in ambiente invernale, nella realtà erano realizzate con le lenzuola. 

Diorama in scala 1:35, con il fondale in resina (Verlinden), figurini e autoblindo in plastica (Tamiya). La neve sull'autoblindo è fatta con un po' di gesso inumidito e passato direttamente sul modello con le dita, mentre i fiocchi di neve sui soldati e sul terreno si realizzano con una spruzzata leggerissima dall'alto di vernice bianca.

Per una panoramica sui film di guerra cliccate qui.

A presto!

Commenti

Post popolari in questo blog

Space Marines Primaris Aggressors (finitura livello gioco)

Gli Aggressors sono pronti a sbaragliare il nemico con le potenti armi a loro disposizione:



Miniature Games Workshop in scala 28mm.
Finitura a livello gioco con primer spray blu e colori acrilici Citadel; la base è stata decorata con un colore grigio testurizzato della stessa marca.

A presto!

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…

Il Bf-109 di Franz Stigler

Il 20 dicembre 1943 un B-17 americano, chiamato "Ye Olde Pub", sta tentando disperatamente di tornare in Inghilterra dopo aver subito enormi danni durante una missione di bombardamento sulla Germania.
Franz Stigler, pilota di caccia e asso della Luftwaffe, nota l'aereo nemico e si alza subito in volo con il suo Bf-109 per abbatterlo.

Il pilota tedesco non ha difficoltà a raggiungere il bombardiere americano, ma, una volta affiancatolo, si accorge delle condizioni dell'aereo e del suo equipaggio: la coda è semi distrutta e la postazione del mitragliere è mancante,  un motore è fermo e un altro funziona a singhiozzo, la fusoliera è stata sventrata. E' proprio attraverso lo squarcio che Franz vede gli avieri feriti che cercano di aiutarsi l'un l'altro, mentre i due piloti si accorgono con orrore di essere in balia del nemico.
Rinunciando ad una facile 23° vittoria che gli avrebbe garantito la Croce di Ferro, e rischiando la fucilazione per l'accusa di tr…