Passa ai contenuti principali

Un passaggio strategico (1/2)

Prima dell'avvento del trasporto aereo, i passi montani erano fondamentali per lo spostamento delle truppe, al punto che, ove possibile, venivano presidiati con piccole fortezze.
E' questo lo scenario che ho immaginato per questo diorama:


La base è di 50x50 cm, ed i due edifici sono autocostruiti, con la sola aggiunta di alcuni particolari, come porte, finestre, fregi (in plastica, della GW), doccioni e statue (in metallo, della Rackham).

I pavimenti sono realizzati in legno, utilizzando gli spiedini dell'IKEA, che hanno sezione quadrata (pavimento della torre) ed un'impugnatura piatta (pavimento della rocca), mentre la collina è fatta con la schiuma di poliuretano in bombola.


La pavimentazione del ponte e le merlature degli edifici sono fatte con blocchetti di argilla in vendita nei reparti dedicati alle belle arti e alla decorazione dei negozi di bricolage.




Gli edifici sono stati costruiti con fogli di plastica recuperati da cartelli segnaletici (tipo "vietato fumare") ricoperti di bende gessate (acquistabili nei negozi di belle arti) e poi dipinti.

Il fascione di pietra alla base delle strutture è un foglio adesivo comprato in un negozio di modellismo, mentre il portone principale è in listelli di cartoncino.

Leggi il seguito

Per una panoramica sui film fantasy cliccate qui.
A presto!

Commenti

Blogger ha detto…
You might be eligible to receive a $200 IKEA Gift Card.

Post popolari in questo blog

Space Marines Primaris Aggressors (finitura livello gioco)

Gli Aggressors sono pronti a sbaragliare il nemico con le potenti armi a loro disposizione:



Miniature Games Workshop in scala 28mm.
Finitura a livello gioco con primer spray blu e colori acrilici Citadel; la base è stata decorata con un colore grigio testurizzato della stessa marca.

A presto!

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…

Il Bf-109 di Franz Stigler

Il 20 dicembre 1943 un B-17 americano, chiamato "Ye Olde Pub", sta tentando disperatamente di tornare in Inghilterra dopo aver subito enormi danni durante una missione di bombardamento sulla Germania.
Franz Stigler, pilota di caccia e asso della Luftwaffe, nota l'aereo nemico e si alza subito in volo con il suo Bf-109 per abbatterlo.

Il pilota tedesco non ha difficoltà a raggiungere il bombardiere americano, ma, una volta affiancatolo, si accorge delle condizioni dell'aereo e del suo equipaggio: la coda è semi distrutta e la postazione del mitragliere è mancante,  un motore è fermo e un altro funziona a singhiozzo, la fusoliera è stata sventrata. E' proprio attraverso lo squarcio che Franz vede gli avieri feriti che cercano di aiutarsi l'un l'altro, mentre i due piloti si accorgono con orrore di essere in balia del nemico.
Rinunciando ad una facile 23° vittoria che gli avrebbe garantito la Croce di Ferro, e rischiando la fucilazione per l'accusa di tr…