Vivi, te lo ordino!

Frankenstein a parte, la frase si adatta perfettamente al rituale di evocazione illustrato in questo post:


Un sacerdote non-morto richiama un demone da un altro piano di esistenza, mentre alcuni scheletri di guardia (in metallo, GW) controllano la situazione:

Molto bello il dettaglio dell'altare e del sacerdote (metallo, GW), che richiede pazienza e precisione nella colorazione; per quanto riguarda gli scheletri che fanno da base, è sufficiente dipingerli in primer bianco e applicare lavature in nero, e il gioco è fatto.

 Dall'alto si vede l'intero gruppo incluso nella confezione GW:



 Passando dall'evocante all'evocato, vediamo alcune foto del demone (metallo, Rackham):

 Il mantello è ricchissimo di particolari da mettere in risalto con i colori e le lavature; da segnalare una certa difficoltà nell'assemblaggio dei pezzi più piccoli.


L'ambientazione è uno stampato della GW, disegnato per il warhammer 40k e da me modificato per il fantasy. I dettagli fantascientifici si eliminano con un taglierino, inoltre, aggiungendo erba da presepe e brecciolina (incollati con il vinavil), si ottiene un'aria di maggiore abbandono, che favorisce l'atmosfera generale.

OK, il sacerdote è in stile egizio, mentre le guardie hanno un aspetto più "europeo", ma, in fondo, una volta morti, penso che nemmeno voi ci fareste più molto caso, vi pare?

Per una rassegna di film fantasy cliccate qui.
A presto!

Commenti

Fed ha detto…
a me il sacerdote fa pensare al caro vecchio zio Tibia!
luca tempesta ha detto…
...sai che hai ragione?
Monty ha detto…
Hello!
I really like much your dioramas, it very beautiful. You took beautiful figurines and they are well painted.
The scene is well and the very detailed details of the base.
Pretty work.
luca tempesta ha detto…
many thanks, Monty!
Blogger ha detto…
FreedomPop is Britian's first FREE mobile communications provider.

Voice, text & data plans priced at £0.00/month.

Post più popolari