Passa ai contenuti principali

Sancta Sanctorum: il tavolo da modellismo

Punto centrale dell'hobby in scala ridotta è il tavolo da modellismo:
Il tavolo stesso è lo strumento più importante: un posto dove operare e dove lasciare gli attrezzi e i modellini in fase di ultimazione, senza che nessuno debba aver motivo di metterci le mani!
Cominciamo il giro turistico, e, procedendo da sinistra verso destra, troviamo due scatole piene di barattoli di colore di varie marche, acquistati a seconda delle necessità e dei prezzi: in tutta onestà, non ho trovato differenze di resa tali da giustificare prezzi esagerati; lo stesso dicasi per i pennelli.
Per facilitare il mescolamento delle vernici prima di usarle, ho inserito nei barattoli dei piombi da pesca da 5 grammi: sono efficaci e di poco prezzo.
Nel portapenne in alto ci sono le lime ed accanto vediamo stuzzicadenti, taglierino e collanti vari:
Al centro c'è un'altra scatola con i colori di uso più frequente, con relativa vaschetta per acqua con portapennelli incorporato (acquistata da LIDL per pochi euro).
I grossi cosi di plastica sulla sinistra sono i piedistalli delle uova di Pasqua, riciclati come appoggi sopraelevati per dipingere i figurini con più comodità, mentre i bicchierini al centro sono ex-misurini per il collutorio, che utilizzo per mescolare i colori (i misurini, non il collutorio!).
Domina la scena il sottomano che protegge la scrivania, su cui ho poggiato un tagliere IKEA in plastica, sottilissimo e resistentissimo, che reca i segni di molte battaglie:
Sulla destra troviamo l'attrezzatura pesante.
Accanto al telefono ci sono il morsetto da banco ed il minitrapano, mentre sulla sinistra vediamo il saldatore a stagno e, al di sopra, tronchesine, pinzette, pinza a becco e succhielli, appesi alla parete della libreria con due sostegni magnetici IKEA:
Continuando il giro, abbandoniamo il tavolo e troviamo l'indispensabile cassettiera portaminuteria (pochi euro da OBI), al di sopra della quale spiccano la radio e la luce spot a batteria.
Si notano pure una lente d'ingrandimento da tavolo ed alcuni attrezzi di riserva.
Ancora oltre, vediamo il portarotolo realizzato con un gamba di tavolo di metallo (OBI) fissata al muro.
Lo spago per arrosti che c'è accanto simula perfettamente il cordame nei diorami.
Sulla sinistra, lo stucco da muri, la pasta abrasiva (utile per togliere i residui di colla e vernice dalle mani) e una minima parte dei volumi necessari a documentarsi:
Sulla parete alle spalle della postazione è appesa un'ulteriore cassettiera (LIDL) per catalogare i pezzi d'avanzo:
In ultimo, parliamo dell'illuminazione.
Non si può fare a meno di una lampada da tavolo orientabile con lampadina a risparmio energetico a luce rigorosamente fredda (solare), in modo da avere una visione chiara della resa dei colori utilizzati.
La stessa lampadina (non è necessario che sia di marca) va applicata al modello illustrato di lampada con lente d'ingrandimento, che consente una precisione maggiore nel dettaglio dei pezzi.
Al centro del tavolo si nota una banalissima pedana rotante in plastica (le sottomarche vanno bene come i modelli più costosi), che si rivela indispensabile per accedere a tutte le parti dei modellini più ingombranti e consente lo studio delle ombre per le successive lavature e lumeggiature:
Quanto illustrato è stato realizzato in base alla mia esperienza di modellista, ma è ovvio come non ci sia uno standard assoluto; quello che posso dirvi senza remore è di trovarvi un posto tranquillo, illuminato ed arieggiato, non occorre che sia anche particolarmente spazioso.


A presto!

Commenti

Anonimo ha detto…
eccezionale
luca tempesta ha detto…
grazie infinite!
Blogger ha detto…
You might be eligible to get a free $350 Ikea Gift Card.
Blogger ha detto…
What is So Very Different About Your valentina Psychic Love Reading?

As a Professional Tarot Reader and Psychic Empath - I am able to assist you, right now, regarding the crucial happiness of your true heart. And the first words I wish to say to you are:

"Love, light and blessings to you xxx"

Post popolari in questo blog

Castello lancia dadi

Avendo a disposizione un castello in plastica della MiniArt in scala 1/72, ho deciso di sviluppare un progetto più ambizioso della semplice costruzione della solita fortificazione a pianta quadrata:
Ho modificato le mura con il taglierino per allargare l'angolo di contatto tra le parti, inoltre ho sopraelevato il tutto ad altezze differenti inserendo dei pezzi di legno al di sotto di ogni torre.
Il risultato è una struttura a spirale discendente:
I vuoti sono stati riempiti con schiuma di poliuretano e pezzi di polistirolo, in seguito ricoperti con bende gessate.
Un'ulteriore particolarità del diorama è che ogni torre è utilizzabile come lancia dadi, con i punti di raccolta perfettamente integrati nel paesaggio:
La base in legno è delle dimensioni di 56x36 cm e l'intero diorama è stato dipinto con vernice acrilica spray, tranne le porte e il sentiero, che sono stati realizzati a pennello.
Piccole quantità di erba da presepe sono state incollate con la colla vinilica Vina…

Il ponte di Remagen

Titolo originale: The bridge at Remagen
Anno: 1969
Regia: John Guillermin
Interpreti: George Segal, Ben Gazzara, Robert Vaughn, E.G. Marshall
Trama: Durante la seconda guerra mondiale, l’avanzata degli americani verso il cuore della Germania arriva al Reno. L’esercito tedesco in ritirata ha distrutto tutti i ponti per rallentare gli Alleati, ma quello presso la città di Remagen è ancora in piedi e sarà lo scenario di una battaglia feroce tra i soldati americani che tenteranno di attraversarlo e i militari tedeschi che proveranno a distruggerlo con tutti i mezzi.
Il film si discosta in alcuni episodi secondari dalla cronaca storica della battaglia realmente avvenuta. Buona la ricostruzione di armi ed equipaggiamenti, con personaggi un po’ stereotipati, come era tipico del cinema degli anni ’60; nonostante questo, però, la storia evidenzia comunque come il passaggio del ponte sia stato dovuto più ad un errore da parte dei tedeschi che ad un’effettiva superiorità tattica degli Alleati. Pec…

Tu non puoi passare!

Nelle miniere di Moria si svolge uno scontro epocale.
Per favorire la fuga dei suoi compagni, Gandalf affronta un Balrog: un orrore delle profondità della terra, portato alla luce dalla cupidigia dei Nani, che hanno scavato troppo in profondità alla ricerca di mithril.
Un ponte di pietra sospeso su un abisso senza fondo è il palcoscenico del confronto:



Gandalf si erge coraggiosamente a fronteggiare il mostro, che avanza brandendo una spada di fuoco.
Al termine della lotta, il mago sprofonda nelle viscere della terra assieme al suo antagonista, ma chissà che questa per lui non sia la fine, ma un nuovo inizio...
Il figurino di Gandalf è in metallo (28mm); la veste è in grigio scuro con lavature in nero e lumeggiature a pennello asciutto in 2 tonalità di grigio più chiaro; i capelli sono dipinti in grigio e lumeggiati con più passate di bianco a pennello asciutto.
Il Balrog è in plastica ed al nero di fondo è stata applicata una lavatura di rosso per ottenere l'effetto "lava"…