Passa ai contenuti principali

La Caduta


Titolo originale: Der Untergang

Anno: 2004

Regia: Oliver Hirschbiegel

Interpreti: Bruno Ganz, Alexandra Maria Lara, Corinna Harfouch, Ulrich Matthes

Trama:
Durante la battaglia finale per la conquista di Berlino, Adolf Hitler ed il suo entourage si rinchiudono nel bunker sotto la Cancelleria. Sempre più estraniato dalla realtà, il Fuhrer comincerà a dare ordini senza senso, muovendo sulle mappe delle armate ormai inesistenti. Alla sua storia personale si affiancano quella della giovane segretaria Traudl Junge e della famiglia Goebbels al completo, che saranno testimoni del matrimonio di Hitler con Eva Braun (il 29 aprile 1945) e depositari del testamento politico e personale del Cancelliere del Reich. Venuto meno ogni vincolo di fedeltà alla causa nazionale ed alla persona del Fuhrer con la sua morte, ognuno tenterà una propria via di uscita, con la fuga o il suicidio.

Tratto da La Disfatta, di Joachim Fest, e Fino all’ultima ora, di Traudl Junge, il film ricostruisce con precisione storica quasi maniacale gli ultimi dieci giorni di vita del dittatore tedesco. Splendida la ricostruzione di armi, equipaggiamenti ed ambienti, che contribuiscono a ricreare quell’atmosfera di assurdo distacco da una realtà troppo dura da affrontare in cui vissero gli occupanti del Fuhrerbunker tra il 20 ed il 30 aprile 1945. La scelta di inserire all’inizio ed alla fine della storia due estratti dal film-intervista a Traudl Junge (pubblicato poco prima della sua morte, nel 2002) sposta l’attenzione dalla dimensione planetaria della seconda guerra mondiale a quella personale di una giovane donna all’oscuro di tutto e travolta dagli eventi, ricordandoci che la storia mondiale è fatta di singoli individui.

Nella foto: una scena di combattimento urbano.
A presto!

Commenti

Post popolari in questo blog

Gouged Eye blood bowl team

La squadra dei Gouged Eye è pronta a scendere in campo:
vediamo alcuni dei ruoli, di seguito il Thrower e un Goblin:

qui il Blocker e il Blitzer:

due linemen:

e, per finire, il Troll:


Tutti i figurini, tranne il Goblin, sono in plastica, prodotti dalla Games Workshop in scala 28mm.
Ho lavorato con i colori Citadel su un fondo primer colorato della stessa marca, usando il blu per il troll e il bianco per tutti gli altri.
La base è stata decorata con colla vinilica e erba elettrostatica.

A presto!

Lo sbarco in Normandia

Il 6 giugno 1944 lo SHAEF, il comando supremo delle forze di spedizione alleate, giocava la sua carta più rischiosa: l'operazione Overlord, ovvero la più grande operazione anfibia della storia.
Il tentativo effettuato due anni prima a Dieppe aveva dolorosamente insegnato che non era possibile prendere un porto nemico pesantemente fortificato, quindi si optò per la creazione di un'ampia testa di ponte, su cui poi si sarebbero creati dei porti con il rivoluzionario sistema di pontoni galleggianti Mulberry.
Dwight David Eisenhower, capo supremo dell'esercito alleato, aveva già preparato un messaggio da consegnare alla stampa in caso di fallimento, accollandosene tutta la responsabilità.
In queste immagini vediamo gli uomini della 29° divisione di fanteria USA che abbandonano il loro mezzo da sbarco (LCVP) e si lanciano sulla spiaggia francese, pesantemente difesa dai soldati tedeschi.
Alcuni di loro indossano un bracciale colorato che agisce da rilevatore di gas venefici, ca…

Elementi scenici per warhammer 40k

Ho realizzato una piattaforma di atterraggio e un generatore di energia da utilizzare sul tavolo da gioco:
Il generatore è costituito da una scatola di derivazione in plastica trattata con un fondo spray nero e, successivamente, con vernice ad effetto martellato:
La piattaforma di atterraggio è costituita da un ripiano in legno da 5 mm di spessore con tubi di cartone come pilastri. Il tutto è stato ricoperto con parti ritagliate da un foglio di alluminio da rivestimento.
L'alluminio è stato incollato ai supporti con colla per metallo.

A presto!