Passa ai contenuti principali

Dopo il D-Day

Nei giorni successivi allo sbarco in Normandia, il comando tedesco, mossosi in ritardo, dovette cercare di arginare l'avanzata degli Alleati.
Nella campagna francese, alcuni soldati si muovono verso le posizioni loro assegnate:
Sulla sinistra, vediamo un membro della Feldgendarmerie (polizia militare) che chiede indicazioni ad un suo collega sulla strada da seguire:
Notare la mimetica del motociclista, interamente confezionata con tessuto italiano, requisito dopo l'08 settembre 1943. Sia la casacca che i pantaloni presentano un fondo verde con chiazze marrone-rossicce e ocra. Gli scarponcini bassi hanno preso il posto degli stivali in cuoio.
Il soldato in piedi indossa la Waffenrock (tenuta da combattimento) standard grigioverde, con un telo mimetico sull'elmetto con schema Platanenmuster (fondo marrone e puntini in due toni di verde e due di marrone).
La vista dal retro ci mostra la targa, che identifica la motocicletta (una Zundapp ks750) come appartenente alla polizia militare.
Sull'altro lato del ponte vediamo il mezzo del secondo gendarme, una BMW r/75, mentre sullo sfondo passa il conducente del cavallo che traina l'artiglieria:
Appesi alla cintura del soldato vediamo i porta caricatori per il mitra MP40.
Nonostante l'elevata meccanizzazione, l'esercito tedesco ha continuato a sfruttare ampiamente il traino animale per tutta la durata della seconda guerra mondiale:
Il pezzo d'artiglieria illustrato è un Raketenwerfer 43, conosciuto come Puppchen: un vero e proprio cannone controcarro in miniatura.
Nel carrello ci sono due mine magnetiche ed una valigetta porta granate.
Chiude il corteo un soldato con una vistosa fasciatura sulla testa, che indossa la casacca mimetica Platanenmuster sulla divisa da combattimento e porta a tracolla il fucile Karabiner 98k.

Tutti i figurini sono in plastica, in scala 1.35, prodotti dalla Tamiya e dalla Dragon.
Le fasce di cuoio che reggono le armi portate a spalla dai soldati e le briglie del cavallo sono strisce di carta d'alluminio dipinte in marrone rossiccio.
L'effetto polvere è realizzato con alcune passate di colore ocra a pennello asciutto.
Il brecciolino e l'erba da presepe sono stai incollati alla base con del vinavil.

Per una rassegna di film di guerra cliccate qui.

A presto!

Commenti

Blogger ha detto…
Quantum Binary Signals

Get professional trading signals sent to your cell phone daily.

Follow our signals today and gain up to 270% per day.

Post popolari in questo blog

Gouged Eye blood bowl team

La squadra dei Gouged Eye è pronta a scendere in campo:
vediamo alcuni dei ruoli, di seguito il Thrower e un Goblin:

qui il Blocker e il Blitzer:

due linemen:

e, per finire, il Troll:


Tutti i figurini, tranne il Goblin, sono in plastica, prodotti dalla Games Workshop in scala 28mm.
Ho lavorato con i colori Citadel su un fondo primer colorato della stessa marca, usando il blu per il troll e il bianco per tutti gli altri.
La base è stata decorata con colla vinilica e erba elettrostatica.

A presto!

Panzer VI b - Tigre reale

Prodotto tra il 1944 ed il 1945, il Tigre II (o Tigre B - Sd. Kfz.182) fu la risposta alle richieste del comando tedesco per un carro armato superpesante.
Le foto, scattate nel museo dei corazzati di Bovington (UK), mostrano le due versioni del mezzo in esame.
Le prime due riguardano un esemplare con torretta Porsche e mimetizzazione a 3 toni (giallo-ocra, verde, rosso-marrone).
Dopo solo 50 mezzi prodotti, si decise di cambiare il disegno della torretta in favore di quella progettata dalla Henschel, poichè si temeva che la curvatura inferiore del mantelletto potesse deviare i colpi in arrivo verso la corazza superiore (più sottile) del mezzo. Nella foto seguente si vede un modello dotato della nuova torretta e coperto di zimmerit.
Lo zimmerit era una pasta antimagnetica composta da solfato di bario (40%), polivinilacetato (PVA) per il 25%, pigmento ocra (15%), segatura (10%) e solfito di zinco per il restante 10%, che aveva lo scopo di impedire alle mine magnetiche di aderire al mezz…

Boeing 737-800

La serie 737 rappresenta il più diffuso tipo di aereo passeggeri per tratte medio-brevi in servizio su scala mondiale. La prima serie (737-100) è entrata in produzione nel 1967.
Nelle foto vediamo un modello 737-800 di proprietà della Ryanair, che dispone di circa 300 aerei di questo tipo. Il 737-800 appartiene alla cosiddetta "Next Generation", varata nel 1996, che prevede velivoli più grandi, meno rumorosi e con maggiore ottimizzazione del carburante.
Il velivolo, del costo di 80.8 milioni di dollari americani, è in grado di accogliere fino a 189 passeggeri.
Modello in plastica in scala 1/144 della Revell, interamente dipinto con vernice spray, a parte la linea gialla che si può realizzare a pennello o con un pennarello a vernice.
Buoni gli incastri ed ottime le decals, che offrono la possibilità di realizzare sia la vecchia livrea Ryanair, che quella illustrata, di nuovo tipo.
Il braccio che sostiene l'aereo è un attaccapanni da muro in plastica, forato e fissato al …