Passa ai contenuti principali

A'Tuin

"Ho sempre sospettato che gli Dei avessero senso dell'umorismo, altrimenti perchè avrebbero piazzato il nostro mondo sul dorso di quattro elefanti che stanno appoggiati su una tartaruga che nuota nello spazio?"
Moist von Lipwig
La Grande A'Tuin, appartenente alla specie Chelys Galactica, è il personaggio più misterioso di Mondo Disco: nessuno sa quanti anni abbia, dove stia andando e perchè.
Persino il suo sesso è ignoto, anche se almeno una spedizione di astrozoologi ha tentato di svelare il mistero (la vicenda è raccontata nella miniserie The Colour of Magic).
Tra le città più importanti di Mondo Disco è impossibile non citare Ankh Morpork, sede dell'Università Invisibile, il cui computer centrale verrà interogato da Morte nel tentativo di scoprire cosa fosse successo a Hogfather.
Lungo il bordo del disco l'acqua degli oceani si riversa nello spazio, generando la schiuma che si vede tutto intorno.
Una leggenda sostiene che, originariamente, vi fossero cinque elefanti sul suo guscio, ma come sia accaduto che uno sia andato perso nello spazio, resta un enigma irrisolto.
Mancando un apposito kit di costruzione in commercio, ho dovuto imbarcarmi in una vera e propria "caccia alla tartaruga" in tutti i negozi di giocattoli, fino a trovarne una di tipo e dimensioni adatte ad accogliere i più piccoli elefanti che sia riuscito a trovare: quattro cuccioli in plastica prodotti dalla Schleich.
Necessitando di esemplari adulti ho dovuto "invecchiarli" fornendo loro apposite zanne realizzate con parti di stuzzicadenti incollate con Attak e dipinte con gli acrilici. Indispensabile una mano di primer spray trasparente, data la particolarità della plastica su cui poi ho steso i colori a pennello; una buona lavatura di colore marrone ha completato l'effetto.
Il disco è formato da alcuni dischi sovrapposti di plastica trasparente, del tipo che si trova sul fondo delle campane porta-cd e dvd, mentre l'effetto schiuma è fornito da ciuffi di ovatta incollati sul bordo.
La mappa di Mondo Disco è stata scaricata dal web e stampata su carta adesiva.
Ringrazio Fed per l'elaborazione ed il ridimensionamento dell'immagine.

A presto!

Commenti

Fed Zeppelin ha detto…
non c'è di che, è stato un piacere ^^
ale ha detto…
che bellooo!!avete trovato tutti pezzi!!!! :D
luca tempesta ha detto…
...e non è stato facile!

Post popolari in questo blog

Carica di storia (USS Missouri)

Varata nel 1944, partecipò alle operazioni contro Iwo Jima ed in seguito ospitò la firma della resa ufficiale del Giappone (2 settembre 1945) al termine della Seconda Guerra Mondiale: è la corazzata Missouri.
Dopo la Guerra di Corea fu posta in riserva per circa 30 anni; dopo il raddobbo ed il rientro in linea nel 1986, partecipò alla Prima Guerra del Golfo. Attualmente, è un museo galleggiante ancorato nel porto di Pearl Harbor.
Nelle foto si vedono le torrette con i calibri principali da 406mm e gli innumerevoli pezzi di calibro inferiore, che costellano la nave per tutta la sua lunghezza:
Come d'uso durante la Seconda Guerra, la Missouri imbarcava due idrovolanti per la ricognizione, che venivano fatti decollare per mezzo di catapulte idrauliche e recuperati con una gru:
Dati tecnici:
Dislocamento: 59300 t; lunghezza: 271,27 m; larghezza: 32,92 m; equipaggio: 2788.

Modello in plastica della Hasegawa in scala 1.250.
Splendido il dettaglio delle molte parti da assemblare, con p…

L'assedio di Sebastopoli

Nell'ottobre del 1941 le truppe tedesche hanno quasi completato l'invasione della Crimea.
Solo la piazzaforte di Sebastopoli, con il suo porto fortificato, resiste ancora, e lo farà fino al luglio del 1942.
In queste foto vediamo l'ingresso degli assedianti nella città:
La fanteria, appoggiata da un panzer IV, combatte strada per strada:

Di seguito, alcune viste al livello del terreno:

I soldati esplorano ogni angolo alla ricerca del nemico e sfruttano le macerie come riparo:

Per finire, un primo piano sui mortaisti, che forniscono appoggio ravvicinato all'avanzata:

Diorama in scala 1/35 con tutti gli elementi in plastica.
Il panzer IV (cliccate qui per maggiori dettagli) è della Italeri, i figurini della Tamiya e gli edifici della Miniart.
I marciapiedi sono stati realizzati con la masonite, mentre il piano stradale è un foglio di pasta Das, steso con un mattarello e modellato con uno stencil a rilievo che riproduce i ciottoli.
Le macerie si ottengono con pietre decor…

La corazzata Bismarck

Dedicata al cancelliere tedesco Otto von Bismarck, la nave è stata immortalata nel famoso film che narra, con estrema precisione, i fatti relativi alla prima ed ultima missione della corazzata (Panzerschiffe) tedesca, vanto della Kriegsmarine:
Uscita in mare con l'incrociatore Prinz Eugen, fu intercettata dalla Home fleet britannica, ma, dopo un breve scontro a fuoco, riuscì ad affondare la corazzata Hood e a danneggiare gravemente la Prince of Wales. Nonostante la nave avesse incassato un colpo che ne aveva causato un forte appruamento, l'ammiraglio Lutjens decise comunque di proseguire verso l'Atlantico, per poi riparare nei porti della Francia occupata, ma la caccia da parte inglese fu implacabile e portò all'affondamento della corazzata al largo del golfo di Biscaglia.
Nella foto precedente si nota la falsa onda dipinta sullo scafo, che, unitamente alla prua più scura del resto della fiancata, contribuiva a ridurre la lunghezza della nave, falsandone il rilevamento…