Passa ai contenuti principali

Imperial War Museum - Duxford

Il museo occupa il sito della base aerea di Duxford, edificata durante la prima guerra mondiale anche grazie al lavoro coatto dei prigionieri di guerra tedeschi. La base fu ampiamente usata anche durante il secondo conflitto sia dall’aeronautica inglese che da quella americana, rimanendo poi in attività fino al 1961. Fu trasformata in museo nel 1977 ed attualmente ospita la più grande raccolta europea di aerei, ospitati negli hangar originali della struttura militare.
Nella AirSpace exhibition hall troviamo alcuni tra i più famosi aerei di tutti i tempi, come l’Avro Lancaster ed il Vulcan, che hanno fatto la storia dei bombardieri…
  …come pure un esemplare del Concorde, interamente visitabile, di cui vediamo la cabina di pilotaggio:
Proseguendo all’esterno lungo il tracciato della pista di volo troviamo questo B-17 restaurato in condizioni operative:
All’interno del padiglione americano, che ospita la più grande raccolta di aerei USA al di fuori degli Stati Uniti, troviamo l’SR-71 Blackbird…
…e il maestoso B-52:
L’ultimo edificio è dedicato alla guerra terrestre, ed è preceduto da un carro armato Centurion con pala apripista:
All’interno sono stati raccolti molti mezzi corazzati moderni e della seconda guerra mondiale, tra cui un T-55…
…e un cannone semovente M12:
Diorami in scala reale forniscono l'ambientazione operativa per alcuni dei pezzi esposti.
Attualmente il museo ospita anche delle officine attrezzate per il restauro dei velivoli, che vengono fatti volare durante alcuni periodi dell’anno. Il complesso fa parte del sistema museale dell'Imperial War Museum.

Per maggiori dettagli cliccate qui.
A presto!

Commenti

Gino Patricolo ha detto…
Affascinante e utile questa serie di post sui musei. Qui si vede lo stesso B17 che ho costruito da bambino ed il blackbird, che però realizzai in versione "sperimentale". Quanti ricordi!
luca tempesta ha detto…
lieto che ti piaccia, ne aggiungerò altri più in la.

Post popolari in questo blog

Carica di storia (USS Missouri)

Varata nel 1944, partecipò alle operazioni contro Iwo Jima ed in seguito ospitò la firma della resa ufficiale del Giappone (2 settembre 1945) al termine della Seconda Guerra Mondiale: è la corazzata Missouri.
Dopo la Guerra di Corea fu posta in riserva per circa 30 anni; dopo il raddobbo ed il rientro in linea nel 1986, partecipò alla Prima Guerra del Golfo. Attualmente, è un museo galleggiante ancorato nel porto di Pearl Harbor.
Nelle foto si vedono le torrette con i calibri principali da 406mm e gli innumerevoli pezzi di calibro inferiore, che costellano la nave per tutta la sua lunghezza:
Come d'uso durante la Seconda Guerra, la Missouri imbarcava due idrovolanti per la ricognizione, che venivano fatti decollare per mezzo di catapulte idrauliche e recuperati con una gru:
Dati tecnici:
Dislocamento: 59300 t; lunghezza: 271,27 m; larghezza: 32,92 m; equipaggio: 2788.

Modello in plastica della Hasegawa in scala 1.250.
Splendido il dettaglio delle molte parti da assemblare, con p…

L'assedio di Sebastopoli

Nell'ottobre del 1941 le truppe tedesche hanno quasi completato l'invasione della Crimea.
Solo la piazzaforte di Sebastopoli, con il suo porto fortificato, resiste ancora, e lo farà fino al luglio del 1942.
In queste foto vediamo l'ingresso degli assedianti nella città:
La fanteria, appoggiata da un panzer IV, combatte strada per strada:

Di seguito, alcune viste al livello del terreno:

I soldati esplorano ogni angolo alla ricerca del nemico e sfruttano le macerie come riparo:

Per finire, un primo piano sui mortaisti, che forniscono appoggio ravvicinato all'avanzata:

Diorama in scala 1/35 con tutti gli elementi in plastica.
Il panzer IV (cliccate qui per maggiori dettagli) è della Italeri, i figurini della Tamiya e gli edifici della Miniart.
I marciapiedi sono stati realizzati con la masonite, mentre il piano stradale è un foglio di pasta Das, steso con un mattarello e modellato con uno stencil a rilievo che riproduce i ciottoli.
Le macerie si ottengono con pietre decor…

La corazzata Bismarck

Dedicata al cancelliere tedesco Otto von Bismarck, la nave è stata immortalata nel famoso film che narra, con estrema precisione, i fatti relativi alla prima ed ultima missione della corazzata (Panzerschiffe) tedesca, vanto della Kriegsmarine:
Uscita in mare con l'incrociatore Prinz Eugen, fu intercettata dalla Home fleet britannica, ma, dopo un breve scontro a fuoco, riuscì ad affondare la corazzata Hood e a danneggiare gravemente la Prince of Wales. Nonostante la nave avesse incassato un colpo che ne aveva causato un forte appruamento, l'ammiraglio Lutjens decise comunque di proseguire verso l'Atlantico, per poi riparare nei porti della Francia occupata, ma la caccia da parte inglese fu implacabile e portò all'affondamento della corazzata al largo del golfo di Biscaglia.
Nella foto precedente si nota la falsa onda dipinta sullo scafo, che, unitamente alla prua più scura del resto della fiancata, contribuiva a ridurre la lunghezza della nave, falsandone il rilevamento…