Passa ai contenuti principali

Pennelli & co.

Strumento principale dell'arte modellistica è il pennello. Ne esistono di mille forme, dimensioni e prezzi.
Di seguito vediamo i modelli base:
Sulla sinistra troviamo i pennelli tondi, i cui modelli più piccoli (misura 000 e 00) sono indispensabili per la realizzazione dei particolari. I pennelli più grandi possono essere usati per il drybrush su grandi superfici. Sulla destra vediamo i pennelli a testa piatta, utili per la colorazione di aree più grandi, come la divisa di un figurino o la corazza di un carrarmato; sono utili anche per stendere le lavature.
Sull'estrema destra vediamo un pennello con setole a zoccolo, specifico per l'applicazione dello stippling, ovvero la punteggiatura della vernice, che si può ottenere anche con le spugnette da decoupage, come quelle che vediamo di seguito:
Di seguito i pennelli a ventaglio:
Si utilizzano principalmente per l'invecchiamento dei mezzi, poichè sono molto pratici per stendere le polveri di gesso, malta, pastello e perfino caffè macinato, che riproduce benissimo il colore del terriccio.
Nella foto seguente, i pennelli con la testa di silicone:
Non sono pennelli in senso stretto, ma si usano praticamente nello stesso modo. Servono per modellare stucco e Das, consentendo anche di applicare questi materiali nelle fessure più piccole.

I pennelli migliori in commercio sono quelli in pelo di Martora, ma possono costare anche 4 volte di più rispetto a quelli in setola artificiale. Personalmente, preferisco usarne di economici, poichè, se ben trattati, resistono abbastanza da giustificarne la minore qualità rispetto ai modelli più costosi, inoltre si può usarli senza problemi per il drybrush, tecnica notoriamente distruttiva per i pennelli. Per la manutenzione, se si usano i colori acrilici, è sufficiente sciacquare bene i pennelli con semplice acqua, riavviarne i peli nella giusta direzione con le dita e lasciarli asciugare in posizione verticale, senza premere sulla punta.

Per tutto ciò che non trovate in questa categoria di post, vi rimando alle spigolature.
A presto!

Commenti

ale ha detto…
..questo post piacerebbe molto a massi!
(p.s. sò tornataaaaaa!!!)
Morikun ha detto…
What a beautiful collection of pincels Oo

I hope I could have one like it TT

Now I know one secret of your skills Maestro Luca ^^
luca tempesta ha detto…
many thanks, Morikun!
all my "secrets" are at your disposal!
bye
Blogger ha detto…
FreedomPop is Britian's #1 ABSOLUTELY FREE mobile communications provider.

With voice, text and data plans starting at £0.00/month.

Post popolari in questo blog

Carica di storia (USS Missouri)

Varata nel 1944, partecipò alle operazioni contro Iwo Jima ed in seguito ospitò la firma della resa ufficiale del Giappone (2 settembre 1945) al termine della Seconda Guerra Mondiale: è la corazzata Missouri.
Dopo la Guerra di Corea fu posta in riserva per circa 30 anni; dopo il raddobbo ed il rientro in linea nel 1986, partecipò alla Prima Guerra del Golfo. Attualmente, è un museo galleggiante ancorato nel porto di Pearl Harbor.
Nelle foto si vedono le torrette con i calibri principali da 406mm e gli innumerevoli pezzi di calibro inferiore, che costellano la nave per tutta la sua lunghezza:
Come d'uso durante la Seconda Guerra, la Missouri imbarcava due idrovolanti per la ricognizione, che venivano fatti decollare per mezzo di catapulte idrauliche e recuperati con una gru:
Dati tecnici:
Dislocamento: 59300 t; lunghezza: 271,27 m; larghezza: 32,92 m; equipaggio: 2788.

Modello in plastica della Hasegawa in scala 1.250.
Splendido il dettaglio delle molte parti da assemblare, con p…

L'assedio di Sebastopoli

Nell'ottobre del 1941 le truppe tedesche hanno quasi completato l'invasione della Crimea.
Solo la piazzaforte di Sebastopoli, con il suo porto fortificato, resiste ancora, e lo farà fino al luglio del 1942.
In queste foto vediamo l'ingresso degli assedianti nella città:
La fanteria, appoggiata da un panzer IV, combatte strada per strada:

Di seguito, alcune viste al livello del terreno:

I soldati esplorano ogni angolo alla ricerca del nemico e sfruttano le macerie come riparo:

Per finire, un primo piano sui mortaisti, che forniscono appoggio ravvicinato all'avanzata:

Diorama in scala 1/35 con tutti gli elementi in plastica.
Il panzer IV (cliccate qui per maggiori dettagli) è della Italeri, i figurini della Tamiya e gli edifici della Miniart.
I marciapiedi sono stati realizzati con la masonite, mentre il piano stradale è un foglio di pasta Das, steso con un mattarello e modellato con uno stencil a rilievo che riproduce i ciottoli.
Le macerie si ottengono con pietre decor…

La corazzata Bismarck

Dedicata al cancelliere tedesco Otto von Bismarck, la nave è stata immortalata nel famoso film che narra, con estrema precisione, i fatti relativi alla prima ed ultima missione della corazzata (Panzerschiffe) tedesca, vanto della Kriegsmarine:
Uscita in mare con l'incrociatore Prinz Eugen, fu intercettata dalla Home fleet britannica, ma, dopo un breve scontro a fuoco, riuscì ad affondare la corazzata Hood e a danneggiare gravemente la Prince of Wales. Nonostante la nave avesse incassato un colpo che ne aveva causato un forte appruamento, l'ammiraglio Lutjens decise comunque di proseguire verso l'Atlantico, per poi riparare nei porti della Francia occupata, ma la caccia da parte inglese fu implacabile e portò all'affondamento della corazzata al largo del golfo di Biscaglia.
Nella foto precedente si nota la falsa onda dipinta sullo scafo, che, unitamente alla prua più scura del resto della fiancata, contribuiva a ridurre la lunghezza della nave, falsandone il rilevamento…