giovedì 29 marzo 2012

Teche per diorami

Ok, abbiamo finito il nostro diorama, quindi, dopo avergli trovato un posto dove poggiarlo per ammirarlo in tutta comodità, sorge un problema: come proteggerlo dalla polvere?
La soluzione più dispendiosa è senza dubbio farsi realizzare una teca in vetro o plexiglass su misura, ma io preferisco operare in proprio.
Vi propongo alcune idee.
Partiamo da questo diorama warhammer fantasy, la cui copertura è realizzata con fogli di vetro sintetico da 4 mm di spessore:
Il materiale non costa poco ed è difficile da tagliare, ma è abbastanza rigido da sopportare il suo stesso peso anche per grandi dimensioni, come in questo caso.
Di seguito una variante realizzata con lo stesso tipo di plexiglass e adatta per modellini lunghi e stretti, come questo cannone ferroviario:
Il disegno triangolare consente di risparmiare sul materiale, dato che si può fare a meno del pannello per il tetto; il nastro di fissaggio è del tipo trasparente extra-forte, mentre alcuni gommini trasparenti adesivi posti ai lati della base prevengono lo scivolamento delle pareti in caso di urti accidentali.
E' preferibile far tagliare le lastre direttamente nel negozio, se il servizio è disponibile, altrimenti occorre un taglierino pesante di tipo professionale o un tagliavetri, ma sempre con molta attenzione, poichè rimane comunque il rischio di una rottura al momento del distacco delle parti; la soluzione ideale sarebbe un tagliapiastrelle, ma di solito è costoso e di ampiezza insufficiente per una copertura come quella illustrata.
Per diorami più ridotti, si può utilizzare uno spessore più sottile (2 mm) dello stesso materiale, sezionabile con dei normali taglierini a lama larga: 
Sia nel diorama precedente che in quello successivo ho aggiunto un foglio di specchio sintetico sulle pareti di fondo, per migliorare l'effetto visivo: è un foglio di plastica che si può tagliare con lo stesso taglierino a lama larga di cui sopra ed incollare sul plexiglass con del nastro biadesivo.
Ora passiamo alla soluzione più economica fra tutte:
La copertura di questo diorama Warhammer 40000 è fatta con il materiale trasparente (Crilex) delle cornici a giorno da 70x100 cm.
Consiglio di acquistarle nei negozi di casalinghi economici, in modo da avere a buon prezzo sia la parte trasparente che il fondo di masonite, entrambi lavorabili con il taglierino ed entrambi utili per i diorami.

E' importante ricordare alcune cose:
1 - prima di coprire il diorama attendete almeno 24 ore dall'ultimo incollaggio;
2 - realizzate la copertura indipendentemente dal pezzo, in modo da poterla rimuovere per eventuali ritocchi;
3 - non usate mai il cianoacrilato (Attak) per incollare le parti trasparenti, poichè i vapori opacizzano le superfici; consiglio l'utilizzo dei normali collanti trasparenti in tubetto;
4 - all'occorrenza, rinforzate gli angoli con del nastro adesivo trasparente di tipo forte.

A presto!

giovedì 22 marzo 2012

Terry Pratchett's The Colour of Magic


Anno: 2008

Numero di puntate: 2

Regia: Vadim Jean

Interpreti: David Jason, Sean Astin, Tim Curry, Christopher Lee (voce di Morte)

Trama:
Il mago Rincewind (Scuotivento) viene cacciato dall’Università Invisibile per inettitudine e costretto da Lord Vetinari, il Patrizio di Ankh-Morpork, a fare da guida turistica al primo turista di Mondo Disco, Twoflower (Duefiori), che ha al seguito il suo Bagaglio, capace di camminare sulle proprie gambe e di affrontare qualunque avversario. Mentre Rincewind si allontana dalla città al seguito di Twoflower, l’Octavo, il testo che contiene gli otto incantesimi più potenti, comincia a dare segni di irrequietezza, a causa dell'allontanarsi di uno dei suoi incantesimi, che si è installato nella mente del mago molti anni prima. Ymper Trymon, un mago assetato di potere, nel frattempo elimina tutti coloro che ne ostacolano l’ascesa, compreso l’Arcicancelliere, di cui prenderà il posto, ma la magia contenuta nell'Octavo comincia a fuoriuscire dalla cella in cui il libro è incatenato, trasformando il bibliotecario in un orango. Volendo impadronirsi degli otto incantesimi, Trymon scatena una caccia all’uomo per ritrovare Rincewind, mentre la grande A’Tuin si dirige inspiegabilmente verso una stella che minaccia di distruggere Mondo Disco. Con l’aiuto dell’ormai anziano Cohen il barbaro, i due viaggiatori, dopo un breve passaggio nel mondo dell’aldilà, tornano ad Ankh-Morpork, in tempo per impedire a Trymon di assorbire tutta la magia dell’Octavo e dominare Mondo Disco.

Molto liberamente tratto dai romanzi The Colour of Magic e The Light Fantastic, è il secondo adattamento televisivo (il primo è Hogfather) delle opere di Terry Pratchett, che appare nel ruolo dell’astrozoologo nel finale. L’umorismo dell’autore tocca e dissacra (bonariamente) tutti i grandi temi della letteratura fantasy, inserendoli in un mondo magico che è spesso lo specchio critico della nostra società. Essendo tratto dal primo romanzo della saga di Discworld, si vedono appena accennate alcune idee che troveranno pieno sviluppo nei libri successivi. Il colpo di scena finale è tenero e commovente, pur non abbandonando l’atmosfera leggera dell’opera.

Nella foto: il bibliotecario.
A presto!

giovedì 15 marzo 2012

Scontro al Tempio dei Teschi 3/3

Leggi tutto dall'inizio

Ora è la volta dei Guerrieri del Caos:
Il drago è in plastica, mentre il cavaliere è in metallo.
Si tratta di un vecchio kit della Games Workshop che prevede anche una testa ed una coda alternative in metallo per la cavalcatura.
Una volta dato il colore di fondo con un acrilico spray, ho proceduto con un drybrush in verde scuro ed una successiva lavatura in nero per il drago; lo stesso procedimento vale per il cavaliere, ma i due toni di verde sono stati invertiti.
Parliamo ora dei Guerrieri del Caos:
Sono figurini in plastica (GW) del reggimento omonimo.
Il colore di fondo è un rosso acrilico spray su cui ho dipinto i vari particolari.
La lavatura marrone per l'incarnato e nera per tutto il resto hanno dato profondità alle miniature.
Tutte le miniature sono state incollate con cianoacrilato (Attak).
Un'ultima nota tecnica: per realizzare una teca per questo diorama ho utilizzato del plexiglass da 2 mm di spessore, inserendo nella parete di fondo un foglio di specchio sintetico che consente una visione a 360 gradi senza bisogno di girare la base.

Per una panoramica sui film fantasy cliccate qui.
A presto!


giovedì 8 marzo 2012

Scontro al Tempio dei Teschi 2/3

Leggi tutto dall'inizio

Passiamo ad esaminare gli Elfi Alti:
Drago e cavaliere sono in plastica, della GW.
Per il drago ho usato un colore spray blu di fondo su cui ho applicato un drybrush viola e una lavatura nera; l'obelisco è in grigio con lavature ocra.
Per rendere maggiormente l'idea del drago in volo, ho eliminato la base fornita nella scatola di montaggio per sostituirla con l'obelisco del kit Rovine Arcane (plastica, GW).
Per la trasformazione è stato necessario ritagliare con attenzione la zampa destra del drago con un taglierino e poi forarla con un mini trapano per inserirvi un perno fatto con un pezzo di stuzzicadenti. 
La cima dell'obelisco è stata pure forata per accogliere il suddetto perno e le pareti lisce sono state irruvidite con un saldatore a stagno, per renderle più simili al resto. 
Passiamo alla fanteria.
Di seguito vediamo un capitano e un lanciere del kit Isola del Sangue (plastica, GW), trattati con uno spray grigio-metallo di fondo, dipinti con vernici acriliche e con le solite lavature (marrone per l'incarnato e nera per il resto), che esaltano i dettagli di corazze e abiti.
Le miniature sono state incollate alla base con collante cianoacrilato (Attak).
Per il dettaglio dei Guerrieri del Caos, vi rimando al prossimo post.

A presto!

giovedì 1 marzo 2012

Scontro al Tempio dei Teschi 1/3

Il Tempio dei Teschi, luogo di immenso potere per gli adepti del Caos, è ormai in rovina, ma i suoi resti diroccati conservano ancora la capacità di amplificare la magia oscura...
Un gruppo di Elfi Alti, guidati da un principe sul suo drago blu, ingaggia battaglia con i guerrieri del Caos che vogliono appropriarsi di questo luogo maledetto:

Lo stregone oscuro si oppone con il suo drago verde alla minaccia che arriva dall'alto:

I grandi teschi di pietra recano i segni delle intemperie...
L'Occhio del Caos, con i suoi otto raggi, giace in frantumi, ma mostra ancora la sua antica potenza:

Lo scontro è feroce e senza quartiere...
Questo diorama, della grandezza di 50x40 cm, vede come punto centrale il Tempio dei Teschi della Games Workshop; anche le miniature, in plastica, sono della GW.I teschi più grandi sono stati lavorati con un saldatore a stagno per creare una superficie scabra, che si intonasse meglio con quella della piattaforma principale.
L'intero tempio, dopo la colorazione e la lavatura in ocra, è stato trattato a pennello asciutto con le stesse tonalità di colore usate per la prima mano, accentuando il contrasto tra creste e recessi.
Nei tratti di terreno scoperto tra le macerie, ho incollato lo stesso tipo di erba sintetica che ho poi usato anche per la copertura della base.
Il drago blu è stato staccato dalla base in dotazione nel kit e incollato con l'aggiunta di un perno di fissaggio sulla cima di un obelisco proveniente dalla scatola delle Rovine Arcane (plastica, GW), ma per un maggiore dettaglio in merito, vi rimando al prossimo post.

A presto!