Passa ai contenuti principali

Scontro al Tempio dei Teschi 1/3

Il Tempio dei Teschi, luogo di immenso potere per gli adepti del Caos, è ormai in rovina, ma i suoi resti diroccati conservano ancora la capacità di amplificare la magia oscura...
Un gruppo di Elfi Alti, guidati da un principe sul suo drago blu, ingaggia battaglia con i guerrieri del Caos che vogliono appropriarsi di questo luogo maledetto:

Lo stregone oscuro si oppone con il suo drago verde alla minaccia che arriva dall'alto:

I grandi teschi di pietra recano i segni delle intemperie...
L'Occhio del Caos, con i suoi otto raggi, giace in frantumi, ma mostra ancora la sua antica potenza:

Lo scontro è feroce e senza quartiere...
Questo diorama, della grandezza di 50x40 cm, vede come punto centrale il Tempio dei Teschi della Games Workshop; anche le miniature, in plastica, sono della GW.I teschi più grandi sono stati lavorati con un saldatore a stagno per creare una superficie scabra, che si intonasse meglio con quella della piattaforma principale.
L'intero tempio, dopo la colorazione e la lavatura in ocra, è stato trattato a pennello asciutto con le stesse tonalità di colore usate per la prima mano, accentuando il contrasto tra creste e recessi.
Nei tratti di terreno scoperto tra le macerie, ho incollato lo stesso tipo di erba sintetica che ho poi usato anche per la copertura della base.
Il drago blu è stato staccato dalla base in dotazione nel kit e incollato con l'aggiunta di un perno di fissaggio sulla cima di un obelisco proveniente dalla scatola delle Rovine Arcane (plastica, GW), ma per un maggiore dettaglio in merito, vi rimando al prossimo post.

A presto!

Commenti

FD Mini Painting ha detto…
so cool luca !
Fed Zeppelin ha detto…
quanto mi piace questo diorama!!!
Monty ha detto…
pretty diorama with a pretty duel of dragons ^^
luca tempesta ha detto…
many thanks, you're all extremely kind!
Gino Patricolo ha detto…
Ciao Luca, è la prima volta che vedo il tuo blog e l'ho trovato molto interessante. Mi occupo principalmente di modellismo fantascientifico (star trek in particolare) ma per tradizione di "famiglia" sono affascinato da ogni forma di modellismo, specialmente figurini e miniature che considero la forma forse più "alta" di quest'arte. Se vuoi, più visitare il mio blog.
Morikun ha detto…
What a fantastic diorama !!

Such big minis in a such big scenery is not common !!

I always like dragons'fight and yours is very interesting : I really like the ambiant of the Temple of skulls : very very old, ruined, nearly erased... but obviously there is still some peoples who fight in... why ? Hum... very very mysterious ^^

Good job Luca, as usual my Dear ^^
luca tempesta ha detto…
the fact is that even the ruins have still power!
thanks for your compliments, i'm glad you like it!
bye

Post popolari in questo blog

Space Marines Primaris Aggressors (finitura livello gioco)

Gli Aggressors sono pronti a sbaragliare il nemico con le potenti armi a loro disposizione:



Miniature Games Workshop in scala 28mm.
Finitura a livello gioco con primer spray blu e colori acrilici Citadel; la base è stata decorata con un colore grigio testurizzato della stessa marca.

A presto!

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…

Il Bf-109 di Franz Stigler

Il 20 dicembre 1943 un B-17 americano, chiamato "Ye Olde Pub", sta tentando disperatamente di tornare in Inghilterra dopo aver subito enormi danni durante una missione di bombardamento sulla Germania.
Franz Stigler, pilota di caccia e asso della Luftwaffe, nota l'aereo nemico e si alza subito in volo con il suo Bf-109 per abbatterlo.

Il pilota tedesco non ha difficoltà a raggiungere il bombardiere americano, ma, una volta affiancatolo, si accorge delle condizioni dell'aereo e del suo equipaggio: la coda è semi distrutta e la postazione del mitragliere è mancante,  un motore è fermo e un altro funziona a singhiozzo, la fusoliera è stata sventrata. E' proprio attraverso lo squarcio che Franz vede gli avieri feriti che cercano di aiutarsi l'un l'altro, mentre i due piloti si accorgono con orrore di essere in balia del nemico.
Rinunciando ad una facile 23° vittoria che gli avrebbe garantito la Croce di Ferro, e rischiando la fucilazione per l'accusa di tr…