Passa ai contenuti principali

Terry Pratchett's The Colour of Magic


Anno: 2008

Numero di puntate: 2

Regia: Vadim Jean

Interpreti: David Jason, Sean Astin, Tim Curry, Christopher Lee (voce di Morte)

Trama:
Il mago Rincewind (Scuotivento) viene cacciato dall’Università Invisibile per inettitudine e costretto da Lord Vetinari, il Patrizio di Ankh-Morpork, a fare da guida turistica al primo turista di Mondo Disco, Twoflower (Duefiori), che ha al seguito il suo Bagaglio, capace di camminare sulle proprie gambe e di affrontare qualunque avversario. Mentre Rincewind si allontana dalla città al seguito di Twoflower, l’Octavo, il testo che contiene gli otto incantesimi più potenti, comincia a dare segni di irrequietezza, a causa dell'allontanarsi di uno dei suoi incantesimi, che si è installato nella mente del mago molti anni prima. Ymper Trymon, un mago assetato di potere, nel frattempo elimina tutti coloro che ne ostacolano l’ascesa, compreso l’Arcicancelliere, di cui prenderà il posto, ma la magia contenuta nell'Octavo comincia a fuoriuscire dalla cella in cui il libro è incatenato, trasformando il bibliotecario in un orango. Volendo impadronirsi degli otto incantesimi, Trymon scatena una caccia all’uomo per ritrovare Rincewind, mentre la grande A’Tuin si dirige inspiegabilmente verso una stella che minaccia di distruggere Mondo Disco. Con l’aiuto dell’ormai anziano Cohen il barbaro, i due viaggiatori, dopo un breve passaggio nel mondo dell’aldilà, tornano ad Ankh-Morpork, in tempo per impedire a Trymon di assorbire tutta la magia dell’Octavo e dominare Mondo Disco.

Molto liberamente tratto dai romanzi The Colour of Magic e The Light Fantastic, è il secondo adattamento televisivo (il primo è Hogfather) delle opere di Terry Pratchett, che appare nel ruolo dell’astrozoologo nel finale. L’umorismo dell’autore tocca e dissacra (bonariamente) tutti i grandi temi della letteratura fantasy, inserendoli in un mondo magico che è spesso lo specchio critico della nostra società. Essendo tratto dal primo romanzo della saga di Discworld, si vedono appena accennate alcune idee che troveranno pieno sviluppo nei libri successivi. Il colpo di scena finale è tenero e commovente, pur non abbandonando l’atmosfera leggera dell’opera.

Nella foto: il bibliotecario.
A presto!

Commenti

Post popolari in questo blog

Panzer VI b - Tigre reale

Prodotto tra il 1944 ed il 1945, il Tigre II (o Tigre B - Sd. Kfz.182) fu la risposta alle richieste del comando tedesco per un carro armato superpesante.
Le foto, scattate nel museo dei corazzati di Bovington (UK), mostrano le due versioni del mezzo in esame.
Le prime due riguardano un esemplare con torretta Porsche e mimetizzazione a 3 toni (giallo-ocra, verde, rosso-marrone).
Dopo solo 50 mezzi prodotti, si decise di cambiare il disegno della torretta in favore di quella progettata dalla Henschel, poichè si temeva che la curvatura inferiore del mantelletto potesse deviare i colpi in arrivo verso la corazza superiore (più sottile) del mezzo. Nella foto seguente si vede un modello dotato della nuova torretta e coperto di zimmerit.
Lo zimmerit era una pasta antimagnetica composta da solfato di bario (40%), polivinilacetato (PVA) per il 25%, pigmento ocra (15%), segatura (10%) e solfito di zinco per il restante 10%, che aveva lo scopo di impedire alle mine magnetiche di aderire al mezz…

Sancta Sanctorum: il tavolo da modellismo

Punto centrale dell'hobby in scala ridotta è il tavolo da modellismo:
Il tavolo stesso è lo strumento più importante: un posto dove operare e dove lasciare gli attrezzi e i modellini in fase di ultimazione, senza che nessuno debba aver motivo di metterci le mani!
Cominciamo il giro turistico, e, procedendo da sinistra verso destra, troviamo due scatole piene di barattoli di colore di varie marche, acquistati a seconda delle necessità e dei prezzi: in tutta onestà, non ho trovato differenze di resa tali da giustificare prezzi esagerati; lo stesso dicasi per i pennelli.
Per facilitare il mescolamento delle vernici prima di usarle, ho inserito nei barattoli dei piombi da pesca da 5 grammi: sono efficaci e di poco prezzo.
Nel portapenne in alto ci sono le lime ed accanto vediamo stuzzicadenti, taglierino e collanti vari:
Al centro c'è un'altra scatola con i colori di uso più frequente, con relativa vaschetta per acqua con portapennelli incorporato (acquistata da LIDL per pochi…

Opera maxima (1/4)

Ebbene, sì: le manie di grandezza vengono anche a chi lavora in scala ridotta!
Il diorama che vi presento è il più grande che abbia realizzato: 100x150 cm.
E' diviso in tre tavole per renderne possibile lo spostamento ed è coperto con una teca di plexiglass da 4 mm di spessore, che ho rimosso per fare le fotografie.
Ma cominciamo:


Il fulcro del diorama è la fortezza in plastica della GW per Warhammer fantasy.
Tra assedianti e difensori, ho inserito quasi 300 (!) miniature in scala 28mm, rigorosamente assemblate e dipinte una per una dal sottoscritto.
Il generale sul grifone e l'ariete coperto sono in metallo, sempre della GW.
La vista dall'alto rende l'idea della mischia che si è accesa sotto le mura.
Molte miniature sono in plastica, una percentuale minore in metallo, e sono prodotte da diverse case: oltre la GW ci sono anche la Rackham e la Ral Partha.

Gli edifici interni sono autocostruiti in balsa, con un pavimento in gesso della Verlinden ed i tetti in resina dell…