Passa ai contenuti principali

Il pianeta delle scimmie

Titolo originale: Planet of the Apes

Anno: 1968

Regia: Franklin J. Schaffner

Interpreti: Charlton Heston, Roddy McDowall, Kim Hunter

Trama:
Nell'anno 3978 un'astronave con a bordo 4 astronauti termina il suo viaggio nel lago di un pianeta sconosciuto. Uno dei componenti della squadra è morto a causa di un difetto nel sistema di ibernazione, mentre gli altri 3 devono raggiungere la riva più vicina su di un canotto, poichè la navicella sta affondando. Lasciato il posto per esplorare i dintorni, Dodge, Taylor e Landon vengono coinvolti nella battuta di caccia di alcune scimmie antropomorfe che uccidono il primo e catturano gli altri due insieme ad altri uomini, che, dall'aspetto, si direbbero appartenenti ad una civiltà preistorica. Imprigionato ed afono a causa di un colpo alla gola, Taylor scopre che le scimmie sono la razza dominante del pianeta e gli umani sono loro schiavi, mentre il suo compagno viene fatto lobotomizzare dal dottor Zaius, che teme che la sua capacità di parola possa essere sfruttata dagli esponenti del partito anti-schiavista per dimostrare che gli umani sono capaci di pensieri coerenti e dunque non possono essere sfruttati liberamente. Grazie all'aiuto di Cornelius e Zira, due scienziati, Taylor riesce a fuggire insieme a Nova, una donna che era stata imprigionata con lui, e a rifugiarsi in una zona vietata alle scimmie dai loro stessi governanti. Qui i fuggitivi trovano manufatti che testimoniano l'esistenza di una civiltà umana precedente a quella delle scimmie, svelando un mistero gelosamente custodito da Zaius, che li raggiunge insieme ad alcuni soldati e tenta di ucciderli. Dopo un breve scontro, Taylor cattura Zaius e costringe gli altri inseguitori alla resa, quindi chiede ed ottiene di essere lasciato libero con Nova nella Zona Proibita. Avviatosi a cavallo lungo la spiaggia, raggiunge i resti della Statua della Libertà, che gli rivelano di essere tornato sulla Terra dopo una catastrofe atomica che ha praticamente cancellato la civiltà umana.

Tratto dal romanzo omonimo di Pierre Boulle, il film è un'icona del cinema di fantascienza, che incarna la paura dell'olocausto nucleare dettata dalla Guerra Fredda, che in quegli anni era al suo culmine. Forte il tema della lotta all'oscurantismo, che ricalca il pensiero del movimento liberista e pacifista che era nato nelle università americane, soprattutto a causa del rifiuto per la guerra in Vietnam. Memorabili le ultime parole del protagonista: « Sono a casa... sono a casa. L'astronave è ricaduta sulla Terra sconvolta dalle esplosioni atomiche. Voi Uomini, l'avete distrutta! Maledetti, maledetti per l'eternità! Tutti! »

Nella foto: la dottoressa Zira.
A presto!

Commenti

Post popolari in questo blog

Carica di storia (USS Missouri)

Varata nel 1944, partecipò alle operazioni contro Iwo Jima ed in seguito ospitò la firma della resa ufficiale del Giappone (2 settembre 1945) al termine della Seconda Guerra Mondiale: è la corazzata Missouri.
Dopo la Guerra di Corea fu posta in riserva per circa 30 anni; dopo il raddobbo ed il rientro in linea nel 1986, partecipò alla Prima Guerra del Golfo. Attualmente, è un museo galleggiante ancorato nel porto di Pearl Harbor.
Nelle foto si vedono le torrette con i calibri principali da 406mm e gli innumerevoli pezzi di calibro inferiore, che costellano la nave per tutta la sua lunghezza:
Come d'uso durante la Seconda Guerra, la Missouri imbarcava due idrovolanti per la ricognizione, che venivano fatti decollare per mezzo di catapulte idrauliche e recuperati con una gru:
Dati tecnici:
Dislocamento: 59300 t; lunghezza: 271,27 m; larghezza: 32,92 m; equipaggio: 2788.

Modello in plastica della Hasegawa in scala 1.250.
Splendido il dettaglio delle molte parti da assemblare, con p…

L'assedio di Sebastopoli

Nell'ottobre del 1941 le truppe tedesche hanno quasi completato l'invasione della Crimea.
Solo la piazzaforte di Sebastopoli, con il suo porto fortificato, resiste ancora, e lo farà fino al luglio del 1942.
In queste foto vediamo l'ingresso degli assedianti nella città:
La fanteria, appoggiata da un panzer IV, combatte strada per strada:

Di seguito, alcune viste al livello del terreno:

I soldati esplorano ogni angolo alla ricerca del nemico e sfruttano le macerie come riparo:

Per finire, un primo piano sui mortaisti, che forniscono appoggio ravvicinato all'avanzata:

Diorama in scala 1/35 con tutti gli elementi in plastica.
Il panzer IV (cliccate qui per maggiori dettagli) è della Italeri, i figurini della Tamiya e gli edifici della Miniart.
I marciapiedi sono stati realizzati con la masonite, mentre il piano stradale è un foglio di pasta Das, steso con un mattarello e modellato con uno stencil a rilievo che riproduce i ciottoli.
Le macerie si ottengono con pietre decor…

La corazzata Bismarck

Dedicata al cancelliere tedesco Otto von Bismarck, la nave è stata immortalata nel famoso film che narra, con estrema precisione, i fatti relativi alla prima ed ultima missione della corazzata (Panzerschiffe) tedesca, vanto della Kriegsmarine:
Uscita in mare con l'incrociatore Prinz Eugen, fu intercettata dalla Home fleet britannica, ma, dopo un breve scontro a fuoco, riuscì ad affondare la corazzata Hood e a danneggiare gravemente la Prince of Wales. Nonostante la nave avesse incassato un colpo che ne aveva causato un forte appruamento, l'ammiraglio Lutjens decise comunque di proseguire verso l'Atlantico, per poi riparare nei porti della Francia occupata, ma la caccia da parte inglese fu implacabile e portò all'affondamento della corazzata al largo del golfo di Biscaglia.
Nella foto precedente si nota la falsa onda dipinta sullo scafo, che, unitamente alla prua più scura del resto della fiancata, contribuiva a ridurre la lunghezza della nave, falsandone il rilevamento…