Passa ai contenuti principali

Il pianeta delle scimmie

Titolo originale: Planet of the Apes

Anno: 1968

Regia: Franklin J. Schaffner

Interpreti: Charlton Heston, Roddy McDowall, Kim Hunter

Trama:
Nell'anno 3978 un'astronave con a bordo 4 astronauti termina il suo viaggio nel lago di un pianeta sconosciuto. Uno dei componenti della squadra è morto a causa di un difetto nel sistema di ibernazione, mentre gli altri 3 devono raggiungere la riva più vicina su di un canotto, poichè la navicella sta affondando. Lasciato il posto per esplorare i dintorni, Dodge, Taylor e Landon vengono coinvolti nella battuta di caccia di alcune scimmie antropomorfe che uccidono il primo e catturano gli altri due insieme ad altri uomini, che, dall'aspetto, si direbbero appartenenti ad una civiltà preistorica. Imprigionato ed afono a causa di un colpo alla gola, Taylor scopre che le scimmie sono la razza dominante del pianeta e gli umani sono loro schiavi, mentre il suo compagno viene fatto lobotomizzare dal dottor Zaius, che teme che la sua capacità di parola possa essere sfruttata dagli esponenti del partito anti-schiavista per dimostrare che gli umani sono capaci di pensieri coerenti e dunque non possono essere sfruttati liberamente. Grazie all'aiuto di Cornelius e Zira, due scienziati, Taylor riesce a fuggire insieme a Nova, una donna che era stata imprigionata con lui, e a rifugiarsi in una zona vietata alle scimmie dai loro stessi governanti. Qui i fuggitivi trovano manufatti che testimoniano l'esistenza di una civiltà umana precedente a quella delle scimmie, svelando un mistero gelosamente custodito da Zaius, che li raggiunge insieme ad alcuni soldati e tenta di ucciderli. Dopo un breve scontro, Taylor cattura Zaius e costringe gli altri inseguitori alla resa, quindi chiede ed ottiene di essere lasciato libero con Nova nella Zona Proibita. Avviatosi a cavallo lungo la spiaggia, raggiunge i resti della Statua della Libertà, che gli rivelano di essere tornato sulla Terra dopo una catastrofe atomica che ha praticamente cancellato la civiltà umana.

Tratto dal romanzo omonimo di Pierre Boulle, il film è un'icona del cinema di fantascienza, che incarna la paura dell'olocausto nucleare dettata dalla Guerra Fredda, che in quegli anni era al suo culmine. Forte il tema della lotta all'oscurantismo, che ricalca il pensiero del movimento liberista e pacifista che era nato nelle università americane, soprattutto a causa del rifiuto per la guerra in Vietnam. Memorabili le ultime parole del protagonista: « Sono a casa... sono a casa. L'astronave è ricaduta sulla Terra sconvolta dalle esplosioni atomiche. Voi Uomini, l'avete distrutta! Maledetti, maledetti per l'eternità! Tutti! »

Nella foto: la dottoressa Zira.
A presto!

Commenti

Post popolari in questo blog

Teche per diorami

Ok, abbiamo finito il nostro diorama, quindi, dopo avergli trovato un posto dove poggiarlo per ammirarlo in tutta comodità, sorge un problema: come proteggerlo dalla polvere?
La soluzione più dispendiosa è senza dubbio farsi realizzare una teca in vetro o plexiglass su misura, ma io preferisco operare in proprio.
Vi propongo alcune idee.
Partiamo da questo diorama warhammer fantasy, la cui copertura è realizzata con fogli di vetro sintetico da 4 mm di spessore:
Il materiale non costa poco ed è difficile da tagliare, ma è abbastanza rigido da sopportare il suo stesso peso anche per grandi dimensioni, come in questo caso.
Di seguito una variante realizzata con lo stesso tipo di plexiglass e adatta per modellini lunghi e stretti, come questo cannone ferroviario:
Il disegno triangolare consente di risparmiare sul materiale, dato che si può fare a meno del pannello per il tetto; il nastro di fissaggio è del tipo trasparente extra-forte, mentre alcuni gommini trasparenti adesivi posti ai l…

La pipa di Bilbo Baggins

Un tratto distintivo della cultura Hobbit è l'utilizzo dell'Erba-pipa, che, come dice il nome, viene consumata in pipe di legno di varie fogge.
Ho tentato di riprodurre quella di Bilbo, zio di Frodo:
Il cannello è costituito da una bacchetta di plastica curvata a mano e tagliata per inserirsi nella scanalatura che ho ricavato in un pomolo di legno che serviva come parte terminale di un'asta per tende.
L'innesto è stato reso più solido con una vite che unisce i due pezzi; la colla bianca di tipo americano cementa e stucca ottimamente la giunzione.
La parte superflua del fornello è stata tagliata con una smerigliatrice, mentre il fregio è in balsa, lavorato con un mini trapano.
Per la verniciatura, ho steso una mano di primer spray trasparente, coperta poi dal colore definitivo.
Fregio e spirale sono dipinti a pennello.

A presto!

Torri lancia dadi

Il fritillus o turricula (in latino) era utilizzato già dai Romani per evitare che qualcuno barasse tirando i dadi da gioco.
La struttura di una torre lancia dadi è semplice: si tratta di una scatola con alcuni scivoli all'interno, su cui il dado rimbalza, in modo che il risultato del lancio sia veramente casuale.
Stanno tornando in voga per i wargames e i giochi di ruolo, poichè è necessario tirare i dadi su un tavolo ingombro di miniature, che rischiano di essere travolte.
Vediamone un esempio:
Questa è inclusa in un diorama, che rappresenta una torre abitata da orchi e goblin, con tanto di Troll dei pantani sullo sfondo! Qui sotto si vede l'ingresso dei dadi, con l'orco di vedetta...
... e qui l'uscita, direttamente nel fossato.
La colorazione del pantano si ottiene con un fondo verde scuro, coperto nella parte centrale da una passata di blu prima che il colore di fondo asciughi del tutto.  Per entrambi i colori ho utilizzato delle bombolette spray da carrozziere. O…