Passa ai contenuti principali

Terry Pratchett's Going Postal


Anno: 2010

Numero Episodi: 2

Regia: Jon Jones

Interpreti: Richard Coyle, David Suchet, Charles Dance, Claire Foy

Trama:
Moist von Lipwig è un truffatore incallito. Catturato dalle guardie di Ankh Morpork (una delle maggiori città di Mondo Disco), viene imprigionato e sottoposto ad una finta esecuzione. Una volta ripresosi, Moist si trova davati ad un bivio: accettare l'incarico del Patrizio (Lord Vetinari) di riaprire l'ufficio postale col grado di capo postino o morire realmente cadendo in un pozzo senza fondo. Accettato l'incarico, il nostro eroe tenta più volte la fuga, ma viene sempre riportato indietro dal golem mr. Pump, messo sulle sue tracce dal Patrizio. Nel tentativo di sbarazzarsi del suo custode, Moist si rivolge al Golem Trust, dove incontra Adora Belle Dearheart, figlia dell'inventore dei "Clacks", torri semaforiche per l'invio di messaggi che hanno soppiantato il servizio postale, ed ora in mano ad un affarista senza scrupoli, Reacher Gilt. Una serie di visioni notturne, causate dal vortice magico generato dall'accumularsi della posta negli anni, mostra al nuovo capo postino le tragiche conseguenze delle sue truffe e lo spinge a rimediare, in particolare nei confronti di Adora, il cui padre venne rovinato economicamente proprio a causa dei titoli bancari falsi smerciati da Moist. Durante una rocambolesca gara finale tra il carro della posta e le torri Clacks, le prove degli omicidi commissionati da Reacher Gilt per ottenere il monopolio delle comunicazioni, raccolte da Adora con l'aiuto di un ex socio del padre, vengono rese pubbliche; Reacher fugge, ma verrà ripreso più tardi dal Patrizio, che gli offrirà un'opportunità di salvezza, mentre Moist e Adora si divideranno gli incarichi di postino capo e di gestore dei Clacks.

Il terzo adattamento delle opere di Pratchett (dopo Hogfather e The Colour of Magic) ci riporta su Mondo Disco, parodia fantasy della nostra società, con una vera e propria elegia della parola scritta, che si oppone ad un necessario ma disumanizzante progresso. Per l'autore la scrittura è magica, al punto che l'ammassarsi di testi scritti (anche semplici lettere) provoca l'apertura di varchi dimensionali. Splendidi come al solito i personaggi e graffiante l'ironia di fondo, anche se intrisa di un pizzico di malinconia, assente nelle opere precedenti. Terry Pratchett si prodiga in un cammeo nel finale, nel ruolo del postino.

Nella foto: la Grande A'Tuin.
A presto!

Commenti

Blogger ha detto…
New Diet Taps into Revolutionary Plan to Help Dieters LOSE 20 Pounds in Only 21 Days!

Post popolari in questo blog

Panzer VI b - Tigre reale

Prodotto tra il 1944 ed il 1945, il Tigre II (o Tigre B - Sd. Kfz.182) fu la risposta alle richieste del comando tedesco per un carro armato superpesante.
Le foto, scattate nel museo dei corazzati di Bovington (UK), mostrano le due versioni del mezzo in esame.
Le prime due riguardano un esemplare con torretta Porsche e mimetizzazione a 3 toni (giallo-ocra, verde, rosso-marrone).
Dopo solo 50 mezzi prodotti, si decise di cambiare il disegno della torretta in favore di quella progettata dalla Henschel, poichè si temeva che la curvatura inferiore del mantelletto potesse deviare i colpi in arrivo verso la corazza superiore (più sottile) del mezzo. Nella foto seguente si vede un modello dotato della nuova torretta e coperto di zimmerit.
Lo zimmerit era una pasta antimagnetica composta da solfato di bario (40%), polivinilacetato (PVA) per il 25%, pigmento ocra (15%), segatura (10%) e solfito di zinco per il restante 10%, che aveva lo scopo di impedire alle mine magnetiche di aderire al mezz…

Sancta Sanctorum: il tavolo da modellismo

Punto centrale dell'hobby in scala ridotta è il tavolo da modellismo:
Il tavolo stesso è lo strumento più importante: un posto dove operare e dove lasciare gli attrezzi e i modellini in fase di ultimazione, senza che nessuno debba aver motivo di metterci le mani!
Cominciamo il giro turistico, e, procedendo da sinistra verso destra, troviamo due scatole piene di barattoli di colore di varie marche, acquistati a seconda delle necessità e dei prezzi: in tutta onestà, non ho trovato differenze di resa tali da giustificare prezzi esagerati; lo stesso dicasi per i pennelli.
Per facilitare il mescolamento delle vernici prima di usarle, ho inserito nei barattoli dei piombi da pesca da 5 grammi: sono efficaci e di poco prezzo.
Nel portapenne in alto ci sono le lime ed accanto vediamo stuzzicadenti, taglierino e collanti vari:
Al centro c'è un'altra scatola con i colori di uso più frequente, con relativa vaschetta per acqua con portapennelli incorporato (acquistata da LIDL per pochi…

Opera maxima (1/4)

Ebbene, sì: le manie di grandezza vengono anche a chi lavora in scala ridotta!
Il diorama che vi presento è il più grande che abbia realizzato: 100x150 cm.
E' diviso in tre tavole per renderne possibile lo spostamento ed è coperto con una teca di plexiglass da 4 mm di spessore, che ho rimosso per fare le fotografie.
Ma cominciamo:


Il fulcro del diorama è la fortezza in plastica della GW per Warhammer fantasy.
Tra assedianti e difensori, ho inserito quasi 300 (!) miniature in scala 28mm, rigorosamente assemblate e dipinte una per una dal sottoscritto.
Il generale sul grifone e l'ariete coperto sono in metallo, sempre della GW.
La vista dall'alto rende l'idea della mischia che si è accesa sotto le mura.
Molte miniature sono in plastica, una percentuale minore in metallo, e sono prodotte da diverse case: oltre la GW ci sono anche la Rackham e la Ral Partha.

Gli edifici interni sono autocostruiti in balsa, con un pavimento in gesso della Verlinden ed i tetti in resina dell…