Passa ai contenuti principali

Dedicato alle mogli

La ricerca di documentazione sul campo è essenziale per i modellisti storici, quindi, ovunque ci sia un museo militare, la visita è d'obbligo.
Capita, però, che l'altra parte della coppia non sia altrettanto entusiasta della faccenda:
La foto a sinistra è stata scattata nel museo di Budapest, mentre quella a destra è della base di Duxford: l'espressione di mia moglie è decisamente eloquente!
Di solito lei mi abbandona al mio girovagare e si ferma nella caffetteria del museo o nell'immancabile parco che circonda l'edificio, ma succede anche che trovi comunque il modo di divertirsi, come è accaduto nel museo dei mezzi corazzati di Bovington:


Come sempre, è necessaria un pò di comprensione da parte di tutt'e due, in modo da non spazientirsi e godersi comunque la visita, e poi, come le dico spesso: grazie a me hai visitato posti in cui non saresti mai andata!
Ok, ok, ho capito!
Beh, vediamola così: in fondo, ci sono vizi peggiori!

A presto!

Commenti

Morikun ha detto…
Very funny post !! ^^

My wife doesn't like a lot minis too, but she's very kind to drop an eye on when I show her my last one ^^'

... Moreover, since I left GW minis, she's very happy XD

But you say it : in a couple, both side must understand the other... but it's not always easy at all isn't it ? ^^'

Serviteur,
Captain LOL ha detto…
Come dice Morikun Very funny post ;)
Ha le donne :) ! E vero che delle volte e difficile di amare in nostro hobby , ma quando mi fa un
pullover sono contento di metterlo , abbiamo ognuno il nostro passa tempo , ma e sempre la prima a darmi il suo punto di vista su il restato finale delle mie figurine :) . Ma per prendere la polvere sulle mie vetrine , sono io che lo faccio :) .
Ciao ci vediamo ;)
luca tempesta ha detto…
Hi Morikun!
my wife is very kind too, and she's also the official photographer of my miniatures!
it's not easy at all to understand and appreciate your partner, but you know: that's the true meaning of marriage!
bye
luca tempesta ha detto…
ciao Capitano!
anche mia moglie è sempre la prima a esaminare i miei modellini, e anche io preferisco spolverare da solo gli scaffali!
Al ha detto…
Cool post, you're lucky to have a wife with a sense of humour. Nice one!
luca tempesta ha detto…
thanks, Al!
Fed Zeppelin ha detto…
nonostante la mia stima e ammirazione per i tuoi modellini, la mia solidarietà va alla moglie anche perché altrimenti mi picchia ;)
Anonimo ha detto…
solidarietà! ma a chi dei due, non lo dico!

p.s. per mr. blogspot: io inserisco il numero per dimostrare di non essere un robot, ma sappi che i miei amici mi apprezzerebbero comunque, anzi... forse di più!

Alessandro
j.d ha detto…
Hola Amigo
JAJAJA chulo el reportaje,si como se dice esta afición nos pone en peligro con las mujeres y mas si las das un arma jajajaja,ten cuidado
UN SALUDO
luca tempesta ha detto…
@ Fed e Alessandro:
grazie dell'appoggio, capisco le vostre posizioni!
...e per quanto riguarda il discorso sull'essere un robot, trovo che Ale abbia ragione!
luca tempesta ha detto…
thanks j.d!
you're right: she wanted to shoot me!
be careful you too!
bye
alessandra ha detto…
ahahaha bravo un post su ida era obbligatorio...che santa donna hai sposato!!!
la foto con il pannello è meravigliosaaaaa
10+ a tutti e 2
luca tempesta ha detto…
@ ale:
lo so di essere fortunato, ma in fondo si diverte anche lei!
Simmy ha detto…
...dalle foto non saprei se tua moglie è dotata di grande pazienza come tutte le mogli/fidanzate di noi appassionati, oppure se la devi temere (moglie con mitragliatrice!).
A parte gli scherzi, il post è un giusto omaggio alla tua metà. Viva le donne e le mogli!
Simone
luca tempesta ha detto…
@Simone:
ormai la sua pazienza sfocia nella rassegnazione, ma, in fondo, non sarebbe divertente senza di lei!

Post popolari in questo blog

Castello lancia dadi

Avendo a disposizione un castello in plastica della MiniArt in scala 1/72, ho deciso di sviluppare un progetto più ambizioso della semplice costruzione della solita fortificazione a pianta quadrata:
Ho modificato le mura con il taglierino per allargare l'angolo di contatto tra le parti, inoltre ho sopraelevato il tutto ad altezze differenti inserendo dei pezzi di legno al di sotto di ogni torre.
Il risultato è una struttura a spirale discendente:
I vuoti sono stati riempiti con schiuma di poliuretano e pezzi di polistirolo, in seguito ricoperti con bende gessate.
Un'ulteriore particolarità del diorama è che ogni torre è utilizzabile come lancia dadi, con i punti di raccolta perfettamente integrati nel paesaggio:
La base in legno è delle dimensioni di 56x36 cm e l'intero diorama è stato dipinto con vernice acrilica spray, tranne le porte e il sentiero, che sono stati realizzati a pennello.
Piccole quantità di erba da presepe sono state incollate con la colla vinilica Vina…

Il ponte di Remagen

Titolo originale: The bridge at Remagen
Anno: 1969
Regia: John Guillermin
Interpreti: George Segal, Ben Gazzara, Robert Vaughn, E.G. Marshall
Trama: Durante la seconda guerra mondiale, l’avanzata degli americani verso il cuore della Germania arriva al Reno. L’esercito tedesco in ritirata ha distrutto tutti i ponti per rallentare gli Alleati, ma quello presso la città di Remagen è ancora in piedi e sarà lo scenario di una battaglia feroce tra i soldati americani che tenteranno di attraversarlo e i militari tedeschi che proveranno a distruggerlo con tutti i mezzi.
Il film si discosta in alcuni episodi secondari dalla cronaca storica della battaglia realmente avvenuta. Buona la ricostruzione di armi ed equipaggiamenti, con personaggi un po’ stereotipati, come era tipico del cinema degli anni ’60; nonostante questo, però, la storia evidenzia comunque come il passaggio del ponte sia stato dovuto più ad un errore da parte dei tedeschi che ad un’effettiva superiorità tattica degli Alleati. Pec…

Tu non puoi passare!

Nelle miniere di Moria si svolge uno scontro epocale.
Per favorire la fuga dei suoi compagni, Gandalf affronta un Balrog: un orrore delle profondità della terra, portato alla luce dalla cupidigia dei Nani, che hanno scavato troppo in profondità alla ricerca di mithril.
Un ponte di pietra sospeso su un abisso senza fondo è il palcoscenico del confronto:



Gandalf si erge coraggiosamente a fronteggiare il mostro, che avanza brandendo una spada di fuoco.
Al termine della lotta, il mago sprofonda nelle viscere della terra assieme al suo antagonista, ma chissà che questa per lui non sia la fine, ma un nuovo inizio...
Il figurino di Gandalf è in metallo (28mm); la veste è in grigio scuro con lavature in nero e lumeggiature a pennello asciutto in 2 tonalità di grigio più chiaro; i capelli sono dipinti in grigio e lumeggiati con più passate di bianco a pennello asciutto.
Il Balrog è in plastica ed al nero di fondo è stata applicata una lavatura di rosso per ottenere l'effetto "lava"…