Passa ai contenuti principali

Il cecchino del futuro

Anno 0087 UC.
Sette anni dopo la Guerra di Un Anno la Federazione Terrestre crea il corpo d'elite dei Titani per eliminare le sacche di resistenza dello sconfitto Principato di Zeon. La brutalità dei loro metodi porterà alla nascita del gruppo di resistenza AEUG, che dichiarerà guerra ai Titani con un proprio mobile suit, l'MSZ-006 Z Gundam:

Qui vediamo il mezzo in azione mentre tende un agguato al nemico da una postazione riparata dietro una roccia sulla superficie di un asteroide.


Come ogni buon cecchino, oltre all'arma principale il pilota del mobile suit ha predisposto un secondo fucile appoggiato alla roccia e a portata di mano.
Modellino Master Grade in plastica della Bandai in scala 1/100, di circa 23 cm di altezza.
Tutte le giunture sono snodabili e lo Z Gundam è trasformabile in astronave come nella serie animata; il montaggio non necessita di colla.
La colorazione di base è interamente realizzata con vernici spray prima dell'assemblaggio delle parti; il pezzo è stato poi sottoposto ad un pesante lavoro di lavatura e drybrush per ambientarlo nel diorama.
La base è costituita da un tagliere rotondo in legno su cui ho incollato con la colla vinilica Vinavil un blocco di poliuretano espanso, a sua volta ricoperto con lo stesso collante e con sabbia decorativa grigia e nera; il tutto è stato poi completato con malta grigia in polvere, che ho strofinato con le dita anche sullo Z Gundam.

A presto!

Commenti

Captain LOL ha detto…
Bellissimo Luca , vedo che anche a te piace il mondo del manga , bel soggetto .
Ciao .
luca tempesta ha detto…
grazie capitano!
è vero, adoro i manga!
ciao
Al ha detto…
Very cool Luca, reminds me of the Mech from the movie Pacific Rim
Michael Awdry ha detto…
Oh woe, Luca that looks amazing!
Nathan Watt ha detto…
Nicely done mate.
Really like how you've positioned it, and taken into account how the pilot would actually think as a sniper as well
luca tempesta ha detto…
thanks Al!
yes, it looks similar!
luca tempesta ha detto…
thanks Michael, i'm glad you like it!
luca tempesta ha detto…
thanks Nathan!
yes, i thought it could be the best way for the pilot to use such a vehicle.
j.d ha detto…
Hola
MAGNIFICO si señor
me encanta toda la escena
un saludo
Phil ha detto…
Beautiful and inspired work, I love this!
good work as usual.
luca tempesta ha detto…
Many thanks j.d!
bye
luca tempesta ha detto…
thank you Phil!
yes, it was really a sudden inspiration.
bye
luca tempesta ha detto…
thanks Gilles, you're very kind!
Morikun ha detto…
Very very good !!!

You've perfectly painted the "waiting sniper" style on a robot Oo

The ambiant is very awesome : we don't know what/where is the target... but it would no longer to take more time to shoot it...

You can be proud of you Luca ^^
Fed Zeppelin ha detto…
Ovviamente mi piace da morire!
luca tempesta ha detto…
thank you Morikun!
i'm proud of your comment!
bye
luca tempesta ha detto…
grazie Fede!
chissà se puoi usarlo per un disegno futuro...
Blogger ha detto…
New Diet Taps into Revolutionary Plan to Help Dieters Get Rid Of 20 Pounds in Just 21 Days!

Post popolari in questo blog

Castello lancia dadi

Avendo a disposizione un castello in plastica della MiniArt in scala 1/72, ho deciso di sviluppare un progetto più ambizioso della semplice costruzione della solita fortificazione a pianta quadrata:
Ho modificato le mura con il taglierino per allargare l'angolo di contatto tra le parti, inoltre ho sopraelevato il tutto ad altezze differenti inserendo dei pezzi di legno al di sotto di ogni torre.
Il risultato è una struttura a spirale discendente:
I vuoti sono stati riempiti con schiuma di poliuretano e pezzi di polistirolo, in seguito ricoperti con bende gessate.
Un'ulteriore particolarità del diorama è che ogni torre è utilizzabile come lancia dadi, con i punti di raccolta perfettamente integrati nel paesaggio:
La base in legno è delle dimensioni di 56x36 cm e l'intero diorama è stato dipinto con vernice acrilica spray, tranne le porte e il sentiero, che sono stati realizzati a pennello.
Piccole quantità di erba da presepe sono state incollate con la colla vinilica Vina…

Il ponte di Remagen

Titolo originale: The bridge at Remagen
Anno: 1969
Regia: John Guillermin
Interpreti: George Segal, Ben Gazzara, Robert Vaughn, E.G. Marshall
Trama: Durante la seconda guerra mondiale, l’avanzata degli americani verso il cuore della Germania arriva al Reno. L’esercito tedesco in ritirata ha distrutto tutti i ponti per rallentare gli Alleati, ma quello presso la città di Remagen è ancora in piedi e sarà lo scenario di una battaglia feroce tra i soldati americani che tenteranno di attraversarlo e i militari tedeschi che proveranno a distruggerlo con tutti i mezzi.
Il film si discosta in alcuni episodi secondari dalla cronaca storica della battaglia realmente avvenuta. Buona la ricostruzione di armi ed equipaggiamenti, con personaggi un po’ stereotipati, come era tipico del cinema degli anni ’60; nonostante questo, però, la storia evidenzia comunque come il passaggio del ponte sia stato dovuto più ad un errore da parte dei tedeschi che ad un’effettiva superiorità tattica degli Alleati. Pec…

Tu non puoi passare!

Nelle miniere di Moria si svolge uno scontro epocale.
Per favorire la fuga dei suoi compagni, Gandalf affronta un Balrog: un orrore delle profondità della terra, portato alla luce dalla cupidigia dei Nani, che hanno scavato troppo in profondità alla ricerca di mithril.
Un ponte di pietra sospeso su un abisso senza fondo è il palcoscenico del confronto:



Gandalf si erge coraggiosamente a fronteggiare il mostro, che avanza brandendo una spada di fuoco.
Al termine della lotta, il mago sprofonda nelle viscere della terra assieme al suo antagonista, ma chissà che questa per lui non sia la fine, ma un nuovo inizio...
Il figurino di Gandalf è in metallo (28mm); la veste è in grigio scuro con lavature in nero e lumeggiature a pennello asciutto in 2 tonalità di grigio più chiaro; i capelli sono dipinti in grigio e lumeggiati con più passate di bianco a pennello asciutto.
Il Balrog è in plastica ed al nero di fondo è stata applicata una lavatura di rosso per ottenere l'effetto "lava"…