Passa ai contenuti principali

La via del Bushido 3

In questo post vediamo un ufficiale samurai dell'epoca Sengoku (XV-XVII secolo):
Il personaggio indossa una corazza completa finemente lavorata e molto colorata, coperta da un jinbaori rosso recante il simbolo della malvarosa in oro. Il kabuto (elmo) è ornato dai wakidate a forma di corna, che servono ad alzare la figura e a renderla più imponente di fronte ai nemici.
Le due spade sono il simbolo del suo status di bushi (guerriero), mentre il saihai (bastone con pennacchio) indica il suo grado di ufficiale ed è necessario per le segnalazioni alle truppe.

Il figurino è in scala 1/16, in plastica, della Tamiya. Essendo una stampata molto vecchia, è necessario un buon lavoro di rifinitura e stuccatura, soprattutto per le mani, che vanno modificate per fargli assumere una posa più realistica.
L'albero morto alle sue spalle è un ornamento da presepe trattato con vari strati di drybrush in toni di marrone e lavature in nero; il suolo è in pasta modellabile Das, coperto di erba da presepe incollata con Vinavil (colla vinilica).
La base è un supporto in legno per vasi.

A presto!

Commenti

Morikun ha detto…
Me ! Me ! Me !

I muste be the first to post the first comment !!! XD

A very very good samurai mini. I really love the face : very expressive but poker-faced too.

Like your other jobs about Samurai, I like the way you painted the armor ^^

Arigato gozaimasu Luca-San ^^
Captain LOL ha detto…
Bellissimo , un bel lavoro con molti dettagli , la base e perfetta e si integra alla scena , complimenti .
luca tempesta ha detto…
many thanks Morikun, i knew you would have been the first to comment.
i'm glad you like it!
bye
luca tempesta ha detto…
ciao Capitano, grazie dei complimenti, la tua opinione è importante!
ciao
j.d ha detto…
Hola
Buena escena,me gusta cuando se pinta con colores vivos a los samuráis
un saludo

aironman ha detto…
hola
gracias por su visita y su comentario
tienes un blog con un montón de cosas y muy variadas,me gusta
el samurái estoi con mi papa me gusta los colores elegidos,
un saludo
luca tempesta ha detto…
wow, double compliments by two great modellers!
thanks j.d and aironman!
bye
Simmy ha detto…
Caro Luca,
anche se non sono un esperto di 54mm, credo che assieme ai cavalieri del '500, non ci sia soggetto più impegnativo e difficile da dipingere dei samurai. Un bellissimo pezzo come anche l'originale basetta. Davvero complimenti!
Un saluto
Simone
luca tempesta ha detto…
grazie Simone, sei molto gentile!
Salut Luca !

Encore une belle figurine ! Très belle peinture, le travail du visage est propre et le socle est original.
luca tempesta ha detto…
many thanks Gilles, you're very kind!
bye
Fed Zeppelin ha detto…
Splendido! appena avrò tempo, in futuro ti chiederò di usarlo in una delle mie coposizioni, lo sai vero?
luca tempesta ha detto…
sono contento che ti piaccia, e, come sempre, sei libera di usarlo come meglio credi.
ciao

Post popolari in questo blog

Castello lancia dadi

Avendo a disposizione un castello in plastica della MiniArt in scala 1/72, ho deciso di sviluppare un progetto più ambizioso della semplice costruzione della solita fortificazione a pianta quadrata:
Ho modificato le mura con il taglierino per allargare l'angolo di contatto tra le parti, inoltre ho sopraelevato il tutto ad altezze differenti inserendo dei pezzi di legno al di sotto di ogni torre.
Il risultato è una struttura a spirale discendente:
I vuoti sono stati riempiti con schiuma di poliuretano e pezzi di polistirolo, in seguito ricoperti con bende gessate.
Un'ulteriore particolarità del diorama è che ogni torre è utilizzabile come lancia dadi, con i punti di raccolta perfettamente integrati nel paesaggio:
La base in legno è delle dimensioni di 56x36 cm e l'intero diorama è stato dipinto con vernice acrilica spray, tranne le porte e il sentiero, che sono stati realizzati a pennello.
Piccole quantità di erba da presepe sono state incollate con la colla vinilica Vina…

Il ponte di Remagen

Titolo originale: The bridge at Remagen
Anno: 1969
Regia: John Guillermin
Interpreti: George Segal, Ben Gazzara, Robert Vaughn, E.G. Marshall
Trama: Durante la seconda guerra mondiale, l’avanzata degli americani verso il cuore della Germania arriva al Reno. L’esercito tedesco in ritirata ha distrutto tutti i ponti per rallentare gli Alleati, ma quello presso la città di Remagen è ancora in piedi e sarà lo scenario di una battaglia feroce tra i soldati americani che tenteranno di attraversarlo e i militari tedeschi che proveranno a distruggerlo con tutti i mezzi.
Il film si discosta in alcuni episodi secondari dalla cronaca storica della battaglia realmente avvenuta. Buona la ricostruzione di armi ed equipaggiamenti, con personaggi un po’ stereotipati, come era tipico del cinema degli anni ’60; nonostante questo, però, la storia evidenzia comunque come il passaggio del ponte sia stato dovuto più ad un errore da parte dei tedeschi che ad un’effettiva superiorità tattica degli Alleati. Pec…

Tu non puoi passare!

Nelle miniere di Moria si svolge uno scontro epocale.
Per favorire la fuga dei suoi compagni, Gandalf affronta un Balrog: un orrore delle profondità della terra, portato alla luce dalla cupidigia dei Nani, che hanno scavato troppo in profondità alla ricerca di mithril.
Un ponte di pietra sospeso su un abisso senza fondo è il palcoscenico del confronto:



Gandalf si erge coraggiosamente a fronteggiare il mostro, che avanza brandendo una spada di fuoco.
Al termine della lotta, il mago sprofonda nelle viscere della terra assieme al suo antagonista, ma chissà che questa per lui non sia la fine, ma un nuovo inizio...
Il figurino di Gandalf è in metallo (28mm); la veste è in grigio scuro con lavature in nero e lumeggiature a pennello asciutto in 2 tonalità di grigio più chiaro; i capelli sono dipinti in grigio e lumeggiati con più passate di bianco a pennello asciutto.
Il Balrog è in plastica ed al nero di fondo è stata applicata una lavatura di rosso per ottenere l'effetto "lava"…