Passa ai contenuti principali

La via del Bushido 4

La corazza indossata dai samurai era particolarmente elaborata e colorata.
Di seguito ne vediamo una del XII o XIII secolo (periodo Kamakura):

 
Il figurino a mezzo busto indossa uno o-yoroi (armatura a cassa) decorato con motivi floreali, ripetuti sulle falde del kabuto (elmo), che sfoggia un ampio mon (cimiero) dorato.
La vista posteriore dell'elmo mostra lo shikoro (falda) molto ampio e colorato, che scende a coprire la nuca e le spalle, ulteriormente protette dai sode (spallacci).
Le piastre che compongono questi elementi sono molto colorate e seguono un preciso schema distintivo che identifica il combattente sul campo di battaglia.
Sicuramente il samurai qui raffigurato è di rango elevato, data la complessità e la ricchezza dell'armatura.

Il figurino è un soprammobile in resina di 6 cm di altezza, acquistato per pochi centesimi di euro in un negozio di casalinghi.
Dopo aver eliminato alcune imperfezioni con un taglierino, ho coperto il pezzo con un primer spray nero, colorando poi i particolari a pennello con i colori acrilici.
L'ottimo dettaglio è stato messo in risalto con una lavatura generale in nero (marrone per l'incarnato).
La base è costituita da un blocco di marmo prelevato da un vecchio trofeo.

A presto!

Commenti

Hi Luca !

Beautiful colors and nice freehands.
Good work as usual.
Morikun ha detto…
A very good job !! I like the flowers details !!

There is a variety of colors and all the mini is very lightning !!

Well done as usual my Dear Luca ^^
Captain LOL ha detto…
Bellissimo é molto espressivo Luca , proprio un buon lavoro , complimenti .
luca tempesta ha detto…
many thanks Gilles!
i'm glad you like it!
bye
luca tempesta ha detto…
many thanks Morikun, i'm happy that a true expert thinks it's good!
bye
luca tempesta ha detto…
grazie Capitano!
la tua opinione è importante!
ciao
Fed Zeppelin ha detto…
io avevo commentato, ma il dannato blogger si è mangiato il mio commento >_<

Comunque avevo detto che è bellissimo, e che prima o poi mi verrà voglia di disegnare un samurai e che tu sarai chiamato ad aiutarmi con la documentazione (ormai mi hai viziata e ti becchi le conseguenze!)
Nathan Watt ha detto…
Really brilliant work Luca. You always seem to have some good stuff showing here. Must take quite some time to work on these.
j.d ha detto…
Hola
Gran trabajo
Como siempre me encanta como nos pones en situación contando todo sobre el personajes,incluidos los nombres originales de las partes de la armadura.
Eso de la peana también las pongo yo de los trofeos que encuentro,son muy buenas
un saludo
luca tempesta ha detto…
grazie Fed!
come sempre, sono a tua disposizione.
ciao
luca tempesta ha detto…
many thanks Nathan, i always try to do my best!
all the info in my blog are at your disposal, and feel free to ask more!
bye
luca tempesta ha detto…
many thanks j.d, i try to explain my works and to allow a deeper sharing of the stories behind them, so i'm happy that you like it!
bye
Marco ha detto…
Ciao Luca complimenti per i tuoi lavori!! Mi sto appassionando anche io a miniature e diorami, per ora ne ho colorate alcune del signore degli anelli. Ti volevo chiedere: dove hai preso il Capitan Harlock da colorare? ho guardato un po' in giro ma non riesco a trovarne uno naked per cimentarmi nella pittura, ancora complimenti
luca tempesta ha detto…
ciao Marco, e grazie dei complimenti!
ho acquistato Harlock in fumetteria alcuni anni fa.
spero che il mio blog ti sia di aiuto per il tuo hobby.
se hai bisogno, contattami pure via mail, l'indirizzo è nei contatti.
ciao

Post popolari in questo blog

Castello lancia dadi

Avendo a disposizione un castello in plastica della MiniArt in scala 1/72, ho deciso di sviluppare un progetto più ambizioso della semplice costruzione della solita fortificazione a pianta quadrata:
Ho modificato le mura con il taglierino per allargare l'angolo di contatto tra le parti, inoltre ho sopraelevato il tutto ad altezze differenti inserendo dei pezzi di legno al di sotto di ogni torre.
Il risultato è una struttura a spirale discendente:
I vuoti sono stati riempiti con schiuma di poliuretano e pezzi di polistirolo, in seguito ricoperti con bende gessate.
Un'ulteriore particolarità del diorama è che ogni torre è utilizzabile come lancia dadi, con i punti di raccolta perfettamente integrati nel paesaggio:
La base in legno è delle dimensioni di 56x36 cm e l'intero diorama è stato dipinto con vernice acrilica spray, tranne le porte e il sentiero, che sono stati realizzati a pennello.
Piccole quantità di erba da presepe sono state incollate con la colla vinilica Vina…

Il ponte di Remagen

Titolo originale: The bridge at Remagen
Anno: 1969
Regia: John Guillermin
Interpreti: George Segal, Ben Gazzara, Robert Vaughn, E.G. Marshall
Trama: Durante la seconda guerra mondiale, l’avanzata degli americani verso il cuore della Germania arriva al Reno. L’esercito tedesco in ritirata ha distrutto tutti i ponti per rallentare gli Alleati, ma quello presso la città di Remagen è ancora in piedi e sarà lo scenario di una battaglia feroce tra i soldati americani che tenteranno di attraversarlo e i militari tedeschi che proveranno a distruggerlo con tutti i mezzi.
Il film si discosta in alcuni episodi secondari dalla cronaca storica della battaglia realmente avvenuta. Buona la ricostruzione di armi ed equipaggiamenti, con personaggi un po’ stereotipati, come era tipico del cinema degli anni ’60; nonostante questo, però, la storia evidenzia comunque come il passaggio del ponte sia stato dovuto più ad un errore da parte dei tedeschi che ad un’effettiva superiorità tattica degli Alleati. Pec…

Tu non puoi passare!

Nelle miniere di Moria si svolge uno scontro epocale.
Per favorire la fuga dei suoi compagni, Gandalf affronta un Balrog: un orrore delle profondità della terra, portato alla luce dalla cupidigia dei Nani, che hanno scavato troppo in profondità alla ricerca di mithril.
Un ponte di pietra sospeso su un abisso senza fondo è il palcoscenico del confronto:



Gandalf si erge coraggiosamente a fronteggiare il mostro, che avanza brandendo una spada di fuoco.
Al termine della lotta, il mago sprofonda nelle viscere della terra assieme al suo antagonista, ma chissà che questa per lui non sia la fine, ma un nuovo inizio...
Il figurino di Gandalf è in metallo (28mm); la veste è in grigio scuro con lavature in nero e lumeggiature a pennello asciutto in 2 tonalità di grigio più chiaro; i capelli sono dipinti in grigio e lumeggiati con più passate di bianco a pennello asciutto.
Il Balrog è in plastica ed al nero di fondo è stata applicata una lavatura di rosso per ottenere l'effetto "lava"…