Passa ai contenuti principali

Agguato mortale

In questo nuovo diorama di Alessandro Valenti vediamo due Allosauri che assalgono un Diplodoco adulto e il suo piccolo. Siamo in prossimità di una spiaggia , infatti si può notare la sabbia bianca, intrisa del sangue del Dipolodoco adulto che subisce in pieno l'attacco da parte di uno dei due predatori, mentre il piccolo cerca riparo, impaurito, nascondendosi  tra le zampe posteriori e la coda della madre.

Il secondo Allosauro, intanto, studia la situazione nell'intento di aggredire il piccolo, sfruttando il fatto che la madre è impegnata nella lotta.
I figurini utilizzati sono tutti in plastica, i due Allosauri sono della Schleich, il Diplodoco adulto è della Invicta mentre il piccolo è un modellino di marca ignota.
Tutti i pezzi sono stati dipinti a pennello con colori acrilici e lavature di colore nero, a parte il Diplodoco adulto, che, non essendo prodotto già colorato, ha ricevuto una mano preliminare di spray bianco opaco.
Il diorama è stato realizzato su una base in legno di dimensioni di circa  60x30 cm, su cui è stato applicato un primo strato di sabbia bianca da decoupage, fissata con colla vinilica. Gli strati successivi di sabbia sono stati realizzati stabilizzando i vari spessori con abbondati applicazioni di lacca per capelli con fissaggio forte. Per le rocce sono stati utilizzati dei pezzi di corteccia di albero preventivamente trattati con primer turapori per evitare, a lungo andare, la macerazione del legno. La vegetazione è stata realizzata colorando della canapa da idraulico e dei residui secchi di piante da giardino, pure trattati con primer.

A presto!

Commenti

Michael Awdry ha detto…
Wonderfully exciting!
luca tempesta ha detto…
many thanks Michael!
more to come in the next months!
bye
Captain LOL ha detto…
Molto bello , peccato per il piccolo che resta senza la mamma , ma à l'epoca era la legge del più forte .
Ciao
j.d ha detto…
Hola
Que buena escena
La leí del más fuerte
Un Saludo
Al ha detto…
Different!
luca tempesta ha detto…
è triste, ma è vero!
grazie Capitano!
ciao
luca tempesta ha detto…
you're right, j.d!
many thanks.
bye
luca tempesta ha detto…
quite unusual, Al, isn't it?
others to come!
bye
Phil ha detto…
Very nice and unusual!
luca tempesta ha detto…
many thanks Phil!
we are happy that you like it.
bye

Post popolari in questo blog

Gouged Eye blood bowl team

La squadra dei Gouged Eye è pronta a scendere in campo:
vediamo alcuni dei ruoli, di seguito il Thrower e un Goblin:

qui il Blocker e il Blitzer:

due linemen:

e, per finire, il Troll:


Tutti i figurini, tranne il Goblin, sono in plastica, prodotti dalla Games Workshop in scala 28mm.
Ho lavorato con i colori Citadel su un fondo primer colorato della stessa marca, usando il blu per il troll e il bianco per tutti gli altri.
La base è stata decorata con colla vinilica e erba elettrostatica.

A presto!

Lo sbarco in Normandia

Il 6 giugno 1944 lo SHAEF, il comando supremo delle forze di spedizione alleate, giocava la sua carta più rischiosa: l'operazione Overlord, ovvero la più grande operazione anfibia della storia.
Il tentativo effettuato due anni prima a Dieppe aveva dolorosamente insegnato che non era possibile prendere un porto nemico pesantemente fortificato, quindi si optò per la creazione di un'ampia testa di ponte, su cui poi si sarebbero creati dei porti con il rivoluzionario sistema di pontoni galleggianti Mulberry.
Dwight David Eisenhower, capo supremo dell'esercito alleato, aveva già preparato un messaggio da consegnare alla stampa in caso di fallimento, accollandosene tutta la responsabilità.
In queste immagini vediamo gli uomini della 29° divisione di fanteria USA che abbandonano il loro mezzo da sbarco (LCVP) e si lanciano sulla spiaggia francese, pesantemente difesa dai soldati tedeschi.
Alcuni di loro indossano un bracciale colorato che agisce da rilevatore di gas venefici, ca…

Elementi scenici per warhammer 40k

Ho realizzato una piattaforma di atterraggio e un generatore di energia da utilizzare sul tavolo da gioco:
Il generatore è costituito da una scatola di derivazione in plastica trattata con un fondo spray nero e, successivamente, con vernice ad effetto martellato:
La piattaforma di atterraggio è costituita da un ripiano in legno da 5 mm di spessore con tubi di cartone come pilastri. Il tutto è stato ricoperto con parti ritagliate da un foglio di alluminio da rivestimento.
L'alluminio è stato incollato ai supporti con colla per metallo.

A presto!