Passa ai contenuti principali

Verso ovest!

Dopo i fulminanti successi del 1941-1942, l'avanzata delle truppe tedesche sul fronte orientale si blocca e comincia il contrattacco sovietico:
Qui vediamo un gruppo di fanti che, appoggiati da un carro armato KV-1, attraversano una strada accanto ad un edificio distrutto durante i combattimenti; sulla torretta del mezzo è stato scritto "Per la Patria!".
La pratica di usare i mezzi da combattimento come trasporti truppe era comune anche per l'esercito tedesco, ma solo i sovietici impiegavano squadre di "tank riders" che scendevano dai carri armati solo all'ultimo momento e sotto il fuoco nemico.
I fanti sono armati di mitra PPSH-41 e PPS-43 con caricatori lineari e a tamburo. Entrambe le armi erano di semplice fattura ed utilizzo che, unite ad un'elevata affidabilità, ne facevano ambite prede belliche da parte tedesca. La mitragliatrice di squadra è una Degtyarev DP.
L'uniforme impiegata è la cosiddetta Gymniastiorka, che qui vediamo sia nella versione normale che imbottita, ottima contro i rigori dell'inverno. Alcuni fanti indossano il cappotto grigioverde, altri il telo da tenda, utilizzabile come poncho.
 
Notare la buffetteria in tela e i due modelli di zaino, dei quali uno è un semplice sacco cui sono stati applicati gli spallacci.
Di seguito vediamo due immagini dall'interno del rudere:
Diorama in plastica in scala 1/35.
Il carro armato è della Trumpeter con figurini Tamiya e edificio della MiniArt.
Il marciapiede è stato realizzato con un pezzo di masonite e il fondo stradale è in carta vetrata dipinta con vernice spray.
I figurini e i particolari dei vari pezzi sono dipinti a pennello, con lavature marroni per l'incarnato, color fumo per il carro armato e nere per tutto il resto; due strati di drybrush (ocra prima e grigio poi) completano l'illusione di usura dei vari elementi.
Per le macerie ho utilizzato della brecciolina e dei mattoncini di argilla fissati con la colla vinilica sulle varie superfici, mentre è stato sufficiente passare con le dita un po' di sabbia molto sottile sulla facciata dell'edificio di fondo per simularne la sporcizia.

A presto!

Commenti

Captain LOL ha detto…
Bellissimo diorama é molto realista , Bravo Luca .
Complimenti .
maximex ha detto…
Looks good.
Good colors.
Thus, the true genuine...
Fed Zeppelin ha detto…
Mi piacciono tantissimo gli omini! Soprattutto quello accucciato a sinistra nella prima foto
luca tempesta ha detto…
molte grazie Capitano!
luca tempesta ha detto…
many thanks maximex, you're very kind!
luca tempesta ha detto…
grazie Fed!
mi fa piacere che apprezzi i particolari.
ciao
j.d ha detto…
Hola Amigo
MAGNIFICO diorama,as conseguido un gran movimiento con las figuras alrededor del tanque
un saludo
FourEyedMonster ha detto…
Wow ... this is a truly impressive diorama. I absolutely love the photo that shows the view from the window ... very creative shot. I am being inspired by you to do a mini base myself ... nothing too fancy but maybe something to complement a miniature I plan to paint soon.
Phil ha detto…
Excellent work, love this dio and the impresion of movement...
luca tempesta ha detto…
many thanks j.d!
i tried to picture the moment in which soldiers jumped from the tank, and i'm glad that you appreciate it.
bye
luca tempesta ha detto…
many thanks FEM!
all the photos are made by my wife, and she thanks you too!
i am proud to have inspired you to build a base, keep me updated!
bye
luca tempesta ha detto…
many thanks Phil!
i tried to reproduce the chaos of the battle, so if you like it, this means i made it!
bye
Michael Awdry ha detto…
Great job Luca, I just love the movement that you have created with this piece.
luca tempesta ha detto…
many thanks Michael, you are very kind!
bye
Anonimo ha detto…
Ciao giovane! Be', che dire, passo nel tuo sito e mi trovo carro e truppe sovietici!! Eh eh, battute a parte, il diorama è piaciuto molto sia a me che a Stefania. Guarda, mi ha colpito l'immagine dettagliata del soldato in primo piano: io l'ho trovata suggestiva.
Ah, un dettaglio "tecnico": la scritta sul carro significa "per la Patria!".
Un saluto!
Rubrello M. Y.
luca tempesta ha detto…
grazie a tutti e due!
il merito delle foto è di Ida.
ciao

Post popolari in questo blog

Il Samurai d'acciaio (IJN Akagi)

Progettata come incrociatore e convertita in portaerei in corso d'opera, la Akagi (in giapponese: castello rosso, dal nome di un vulcano del Kanto) entrò in linea prima dello scoppio della seconda guerra mondiale:
Sottoposta a vari ammodernamenti, la nave prese parte all'attacco a Pearl Harbor del 07.12.1941.
Nella foto seguente si vede bene il fumaiolo, piegato in basso e all'esterno, perchè il fumo non invadesse il ponte di volo:
Un primo piano del ponte con l'elevatore di prua in evidenza:
Dati tecnici: dislocamento: 42000 t; lunghezza: 260,68 m; larghezza: 31,32 m; equipaggio: 2000.
Fu affondata dagli aerosiluranti americani durante la battaglia delle Midway.
Il modello è della Hasegawa, in scala 1.350. Molti i pezzi da assemblare, con un buon dettaglio generale; scafo dipinto a spruzzo, usando la carta gommata per le mascherature.
Il ponte di volo presenta alcune linee da dipingere a mano, data l'assenza delle decals.

Per una rassegna di film di guerra cliccat…

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…

Disarmato in battaglia (EA-6B Prowler)

Il velivolo EA-6B Prowler (Predatore) è un quadriposto da guerra elettronica prodotto dalla ditta Grumman.
L'aereo deriva dall'A-6 Intruder, aereo da appoggio tattico: le maggiori differenze sono l'aggiunta di un bulbo contenente apparati elettronici sulla sommità della deriva e di due sedili aggiuntivi per gli operatori ai sistemi. All'esterno trovano posto fino a 5 gondole ECM; nel modello illustrato due di esse sono state sostituite da serbatoi sganciabili, che ne allungano il raggio d'azione.
In occasione di missioni di soppressione dei radar nemici, il Prowler può essere equipaggiato con missili antiradar AGM-88 Harpoon (peraltro non previsti nella versione in esame, ma solo nelle successive). Il perspex che compone il tettuccio è ricoperto di una sottilissma foglia di oro, volta a bloccare l'ingresso di radiazioni dannose provenienti dalle apparecchiature di disturbo elettronico.
L'aereo ha un peso massimo al decollo di 27.900 kg ed è capace di una ve…