Passa ai contenuti principali

L'aquila urlante

La 101° divisione aerotrasportata dell'esercito americano venne attivata il 16 agosto 1942 e partecipò alle maggiori operazioni europee del secondo conflitto.
Il suo simbolo è una mostrina nera con una testa d'aquila, il tutto sormontato dalla dicitura "airborne".
In queste foto vediamo un paracadutista della divisione in procinto di partire per l'operazione Overlord:
Il ruolo di questi uomini fu quello di agire come pathfinders, ovvero paracadutarsi in territorio francese nella notte precedente il D-Day e rendere sicure quattro zone di uscita da Utah beach, sgombrandole dal nemico e interrompendone le comunicazioni.
Come molti uomini della divisione, il nostro eroe ha adottato un taglio di capelli particolare, alla moda degli indiani Mohawk, con tanto di segni di guerra dipinti sul viso.
L'uniforme in color kaki e la carabina M1 con il calciolo pieghevole in metallo erano tipici delle truppe paracadutate, come pure gli stivali in cuoio marrone - rossiccio, che venivano indossati senza ghette.
La compagnia Easy del 506° reggimento, che operò in Europa durante la seconda guerra mondiale, è la protagonista del libro e della serie televisiva Band of Brothers.

Il figurino è in metallo, prodotto dalla Hobby & Work, e fa parte di una serie in scala 80 mm dedicata ai soldati della seconda guerra mondiale.
Il dettaglio è buono, ma la colorazione è approssimativa.
Ho ripulito il pezzo da alcune sbavature e l'ho coperto con una mano di spray nero opaco, su cui ho dipinto da capo tutti i particolari a pennello.
Il lavoro si completa con le solite lavature e drybrush.

A presto!

Commenti

Michael Awdry ha detto…
Very nice Luca.
Hello !

Nice miniature, good work on it as usual.

Bye
FourEyedMonster ha detto…
Nice work and good background info. At 80-mm it's quite a big figure too.
j.d ha detto…
Hola Amigo
Que bueno si señor
Es de las de la chaqueta metalica
un saludo
Captain LOL ha detto…
Molto bello Luca .
luca tempesta ha detto…
many thanks Michael!
luca tempesta ha detto…
thank you Gilles, you're very kind!
luca tempesta ha detto…
many thanks FEM!
yes, it's quite bigger than the usual.
luca tempesta ha detto…
many thanks j.d, i'm glad that you like it!
luca tempesta ha detto…
grazie Capitano, sei molto gentile!
Anonimo ha detto…
veramente molto bello , mi tornano in mente i miei trascorsi in guerra
cia alessandro
luca tempesta ha detto…
grazie Ale!
pure tu hai "fatto la guerra", come tuo padre?
ciao
maximex ha detto…
A great job.
;) Almost Native American Iroquois
luca tempesta ha detto…
many thanks maximex, i'm glad that you like it!
bye
Fed Zeppelin ha detto…
Lo so, è una vergogna che io venga a commentare questo post così in ritardo, ma che vogliamo fa'?
Ora, non so se è perché l'argomento mi è particolarmente caro, ma la miniatura è bellissima! :)
luca tempesta ha detto…
non preoccuparti Fed, meglio tardi che mai!
sono contento che ti piaccia!
ciao
Simmy ha detto…
Un'altra ottima creazione!
Ciao
luca tempesta ha detto…
grazie Simmy!
ciao

Post popolari in questo blog

Il Samurai d'acciaio (IJN Akagi)

Progettata come incrociatore e convertita in portaerei in corso d'opera, la Akagi (in giapponese: castello rosso, dal nome di un vulcano del Kanto) entrò in linea prima dello scoppio della seconda guerra mondiale:
Sottoposta a vari ammodernamenti, la nave prese parte all'attacco a Pearl Harbor del 07.12.1941.
Nella foto seguente si vede bene il fumaiolo, piegato in basso e all'esterno, perchè il fumo non invadesse il ponte di volo:
Un primo piano del ponte con l'elevatore di prua in evidenza:
Dati tecnici: dislocamento: 42000 t; lunghezza: 260,68 m; larghezza: 31,32 m; equipaggio: 2000.
Fu affondata dagli aerosiluranti americani durante la battaglia delle Midway.
Il modello è della Hasegawa, in scala 1.350. Molti i pezzi da assemblare, con un buon dettaglio generale; scafo dipinto a spruzzo, usando la carta gommata per le mascherature.
Il ponte di volo presenta alcune linee da dipingere a mano, data l'assenza delle decals.

Per una rassegna di film di guerra cliccat…

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…

Disarmato in battaglia (EA-6B Prowler)

Il velivolo EA-6B Prowler (Predatore) è un quadriposto da guerra elettronica prodotto dalla ditta Grumman.
L'aereo deriva dall'A-6 Intruder, aereo da appoggio tattico: le maggiori differenze sono l'aggiunta di un bulbo contenente apparati elettronici sulla sommità della deriva e di due sedili aggiuntivi per gli operatori ai sistemi. All'esterno trovano posto fino a 5 gondole ECM; nel modello illustrato due di esse sono state sostituite da serbatoi sganciabili, che ne allungano il raggio d'azione.
In occasione di missioni di soppressione dei radar nemici, il Prowler può essere equipaggiato con missili antiradar AGM-88 Harpoon (peraltro non previsti nella versione in esame, ma solo nelle successive). Il perspex che compone il tettuccio è ricoperto di una sottilissma foglia di oro, volta a bloccare l'ingresso di radiazioni dannose provenienti dalle apparecchiature di disturbo elettronico.
L'aereo ha un peso massimo al decollo di 27.900 kg ed è capace di una ve…