Passa ai contenuti principali

La battaglia di Midway

Titolo originale: Midway

Anno: 1976

Regia: Jack Smight

Interpreti: Henry Fonda, Robert Mitchum, Glenn Ford, Toshiro Mifune, James Coburn, Pat Morita

Trama:
Dopo la sconfitta subita a Pearl Harbor, le forza navale americana del Pacifico si trova in netta inferiorità nei confronti di quella giapponese.
Mentre i vertici della marina nipponica concertano un nuovo attacco volto al definitivo annientamento dell'avversario, i decrittatori statunitensi riescono a decifrare il codice usato dai giapponesi per le trasmissioni militari e ne approfittano per tendere loro un tranello, con cui determinano che il prossimo obiettivo dell'ammiraglio Yamamoto sarebbe stata la base di Midway.
Annullato l'effetto sorpresa, sarà la marina imperiale a cadere in trappola subendo gravi perdite, sia pure al prezzo del sacrificio di molti militari americani.

Ottimo film che ricostruisce con estrema cura le vicende che portarono alla sconfitta giapponese del 6 giugno 1942. Un cast eccezionale che conferisce un certo spessore ai personaggi e una grande cura dei dettagli ne fanno una fonte di primo livello per gli appassionati di storia militare.

Nella foto: la portaerei Yorktown.
A presto!

Commenti

j.d ha detto…
Hola Amigo
Buena la maqueta
Y buena la historia,la pelicula es una de mis preferidas con tora tora tora
un saludo
Michael Awdry ha detto…
That's an impressive looking model Luca.
luca tempesta ha detto…
many thanks j.d!
you're right: they are two great films!
bye
luca tempesta ha detto…
many thanks Michael!
bye
Simmy ha detto…
Ciao Luca,
bella recensione e la portaerei Yotktown è davvero eccezionale.
Il film me lo rivedrei volentieri anche se da quel che ricordo è mooolto lungo.
Alla prossima
Simone
luca tempesta ha detto…
ciao Simone, e grazie dei complimenti!
è vero, il film è lungo, ma ne vale davvero la pena!
ciao
FourEyedMonster ha detto…
Wonderful looking model. I have always wanted to build a ship, two specifically i.e. the Japanese battleship Yamato and the aircraft carrier Enterprise but I know for sure I lack the patience to do it or even the money to purchase them. ^_^ Maybe one day.
luca tempesta ha detto…
many thanks FEM!
i'm sure you are able to build a ship, and i tell you that this kind of ships are relatively cheap, because they are made of plastic.
i have the yamato, you can find it here:
http://modelstorming.blogspot.it/2010/11/lultimo-baluardo-del-giappone-ijn.html
i would like to have your opinion!
i have the enterprise too, but i still haven't built it.
bye
FourEyedMonster ha detto…
Your version of Yamato looks equally nice! :)

The one I saw was from Tamiya and it was so expensive!!!
luca tempesta ha detto…
many thanks FEM!
try Hasegawa models: they are much cheaper than Tamiya ones.
bye
Fed Zeppelin ha detto…
e così anche un'altra canzone dei Sabaton acquisisce un minimo di senso nel mio cervello :P
luca tempesta ha detto…
coraggio Fed!
un raggio di luce alla volta e il buio si dissiperà definitivamente!
ciao

Post popolari in questo blog

Il Samurai d'acciaio (IJN Akagi)

Progettata come incrociatore e convertita in portaerei in corso d'opera, la Akagi (in giapponese: castello rosso, dal nome di un vulcano del Kanto) entrò in linea prima dello scoppio della seconda guerra mondiale:
Sottoposta a vari ammodernamenti, la nave prese parte all'attacco a Pearl Harbor del 07.12.1941.
Nella foto seguente si vede bene il fumaiolo, piegato in basso e all'esterno, perchè il fumo non invadesse il ponte di volo:
Un primo piano del ponte con l'elevatore di prua in evidenza:
Dati tecnici: dislocamento: 42000 t; lunghezza: 260,68 m; larghezza: 31,32 m; equipaggio: 2000.
Fu affondata dagli aerosiluranti americani durante la battaglia delle Midway.
Il modello è della Hasegawa, in scala 1.350. Molti i pezzi da assemblare, con un buon dettaglio generale; scafo dipinto a spruzzo, usando la carta gommata per le mascherature.
Il ponte di volo presenta alcune linee da dipingere a mano, data l'assenza delle decals.

Per una rassegna di film di guerra cliccat…

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…

Disarmato in battaglia (EA-6B Prowler)

Il velivolo EA-6B Prowler (Predatore) è un quadriposto da guerra elettronica prodotto dalla ditta Grumman.
L'aereo deriva dall'A-6 Intruder, aereo da appoggio tattico: le maggiori differenze sono l'aggiunta di un bulbo contenente apparati elettronici sulla sommità della deriva e di due sedili aggiuntivi per gli operatori ai sistemi. All'esterno trovano posto fino a 5 gondole ECM; nel modello illustrato due di esse sono state sostituite da serbatoi sganciabili, che ne allungano il raggio d'azione.
In occasione di missioni di soppressione dei radar nemici, il Prowler può essere equipaggiato con missili antiradar AGM-88 Harpoon (peraltro non previsti nella versione in esame, ma solo nelle successive). Il perspex che compone il tettuccio è ricoperto di una sottilissma foglia di oro, volta a bloccare l'ingresso di radiazioni dannose provenienti dalle apparecchiature di disturbo elettronico.
L'aereo ha un peso massimo al decollo di 27.900 kg ed è capace di una ve…