Passa ai contenuti principali

Carro armato L6/40

Sviluppato a partire dal modello CV33, il carro leggero L6/40 entrò in linea nel 1939 e fu utilizzato dal Regio Esercito su tutti i teatri operativi del secondo conflitto mondiale.
Dopo l'armistizio i veicoli superstiti furono impiegati dall'esercito tedesco e dalla Repubblica Sociale Italiana con compiti di lotta anti partigiana.

Il veicolo, in effetti, era già obsoleto al momento della sua entrata in servizio: era dotato di un cannoncino da 20 mm, del tutto inefficace sui corazzati avversari, inoltre le piastre dello scafo erano troppo leggere e, in caso di impatto con i proiettili anticarro, i rivetti stessi si trasformavano in altrettante micidiali schegge.
Il mezzo nelle foto sfoggia la colorazione desertica e le insegne dei Lancieri di Novara.

Il modellino è in plastica, prodotto dalla Italeri in scala 1/35 con buoni dettagli e incastri molto precisi.
Dopo la colorazione di base con vernici spray ho proceduto a dipingere i particolari a pennello.
A colori asciutti ho sovrapposto due lavature sul pezzo: la prima in nero, la seconda in colore ocra.

A presto!

Commenti

Fed Zeppelin ha detto…
Mi piace tanto la forma di questo carro.
j.d ha detto…
Hola Amigo
Que bueno, un gran trabajo
Un saludo
luca tempesta ha detto…
è vero, Fed, ha una forma particolare e il fatto che tu l'apprezzi mi fa piacere, perchè è un altro passo nella storia militare!
ciao
luca tempesta ha detto…
many thanks j.d!
Anonimo ha detto…
gran lavoro come al solito
immagino che questo mezzo servisse a poco, inoltre mi ha colpito il discorso dei rivetti che effettivamente partivano come proiettili verso l'equipaggio interno.
ciao alessandro
luca tempesta ha detto…
grazie Ale!
è vero, serviva a poco, tanto che lo stesso Rommel si stupì della scarsità dei mezzi italiani.
ciao
Simmy ha detto…
Fantastico modello!
Certo la pochezza dei mezzi italiani fa impressione. Il che sfata l'idea degli italiani "poco coraggiosi" in guerra, ce ne voleva davvero molto per affrontare i carri nemici con questo e un grande spirito di sacrificio.
Complimenti, ciao!
Simmy
luca tempesta ha detto…
grazie Simmy!
è proprio vero: mancò la fortuna, non il valore!
l'arma migliore di noi italiani è sempre stata l'arte di arrangiarci.
ciao

Post popolari in questo blog

Ottobre Rosso

Base navale di Poliyarny, a nord di Murmansk: il nuovo sommergibile sovietico Ottobre Rosso, dotato di propulsione silenzionsa "Caterpillar", si appresta a partire sotto il comando di Marco Ramius...
Direttamente dall'omonimo film, il modello in scala 1.350 (plastica, Italeri) del sommergibile missilistico nucleare sovietico classe Tifone:

Circa 200 uomini d'equipaggio, 8 tubi lanciasiluri da 533 mm a prua, 2 reattori nucleari per la propulsione e 24 pozzi di lancio per altrettanti missili balistici nucleari a rientro multiplo (MIRV) fanno di questo sottomarino un'arma quanto mai temibile. Nelle foto precedenti si notano due dei pozzi dei missili aperti e pronti per il lancio.
Nelle foto dalla poppa, si notano le linee sinuose e perfettamente raccordate dello scafo costruito interamente in titanio, con tutti i problemi di saldatura del caso.
Durante la Guerra Fredda, questo mezzo fu sviluppato appositamente per viaggiare sotto la calotta artica, emergere dal ghia…

Teche per diorami

Ok, abbiamo finito il nostro diorama, quindi, dopo avergli trovato un posto dove poggiarlo per ammirarlo in tutta comodità, sorge un problema: come proteggerlo dalla polvere?
La soluzione più dispendiosa è senza dubbio farsi realizzare una teca in vetro o plexiglass su misura, ma io preferisco operare in proprio.
Vi propongo alcune idee.
Partiamo da questo diorama warhammer fantasy, la cui copertura è realizzata con fogli di vetro sintetico da 4 mm di spessore:
Il materiale non costa poco ed è difficile da tagliare, ma è abbastanza rigido da sopportare il suo stesso peso anche per grandi dimensioni, come in questo caso.
Di seguito una variante realizzata con lo stesso tipo di plexiglass e adatta per modellini lunghi e stretti, come questo cannone ferroviario:
Il disegno triangolare consente di risparmiare sul materiale, dato che si può fare a meno del pannello per il tetto; il nastro di fissaggio è del tipo trasparente extra-forte, mentre alcuni gommini trasparenti adesivi posti ai l…

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…