Passa ai contenuti principali

Carro armato L6/40

Sviluppato a partire dal modello CV33, il carro leggero L6/40 entrò in linea nel 1939 e fu utilizzato dal Regio Esercito su tutti i teatri operativi del secondo conflitto mondiale.
Dopo l'armistizio i veicoli superstiti furono impiegati dall'esercito tedesco e dalla Repubblica Sociale Italiana con compiti di lotta anti partigiana.

Il veicolo, in effetti, era già obsoleto al momento della sua entrata in servizio: era dotato di un cannoncino da 20 mm, del tutto inefficace sui corazzati avversari, inoltre le piastre dello scafo erano troppo leggere e, in caso di impatto con i proiettili anticarro, i rivetti stessi si trasformavano in altrettante micidiali schegge.
Il mezzo nelle foto sfoggia la colorazione desertica e le insegne dei Lancieri di Novara.

Il modellino è in plastica, prodotto dalla Italeri in scala 1/35 con buoni dettagli e incastri molto precisi.
Dopo la colorazione di base con vernici spray ho proceduto a dipingere i particolari a pennello.
A colori asciutti ho sovrapposto due lavature sul pezzo: la prima in nero, la seconda in colore ocra.

A presto!

Commenti

Fed Zeppelin ha detto…
Mi piace tanto la forma di questo carro.
j.d ha detto…
Hola Amigo
Que bueno, un gran trabajo
Un saludo
luca tempesta ha detto…
è vero, Fed, ha una forma particolare e il fatto che tu l'apprezzi mi fa piacere, perchè è un altro passo nella storia militare!
ciao
luca tempesta ha detto…
many thanks j.d!
Anonimo ha detto…
gran lavoro come al solito
immagino che questo mezzo servisse a poco, inoltre mi ha colpito il discorso dei rivetti che effettivamente partivano come proiettili verso l'equipaggio interno.
ciao alessandro
luca tempesta ha detto…
grazie Ale!
è vero, serviva a poco, tanto che lo stesso Rommel si stupì della scarsità dei mezzi italiani.
ciao
Simmy ha detto…
Fantastico modello!
Certo la pochezza dei mezzi italiani fa impressione. Il che sfata l'idea degli italiani "poco coraggiosi" in guerra, ce ne voleva davvero molto per affrontare i carri nemici con questo e un grande spirito di sacrificio.
Complimenti, ciao!
Simmy
luca tempesta ha detto…
grazie Simmy!
è proprio vero: mancò la fortuna, non il valore!
l'arma migliore di noi italiani è sempre stata l'arte di arrangiarci.
ciao

Post popolari in questo blog

Gouged Eye blood bowl team

La squadra dei Gouged Eye è pronta a scendere in campo:
vediamo alcuni dei ruoli, di seguito il Thrower e un Goblin:

qui il Blocker e il Blitzer:

due linemen:

e, per finire, il Troll:


Tutti i figurini, tranne il Goblin, sono in plastica, prodotti dalla Games Workshop in scala 28mm.
Ho lavorato con i colori Citadel su un fondo primer colorato della stessa marca, usando il blu per il troll e il bianco per tutti gli altri.
La base è stata decorata con colla vinilica e erba elettrostatica.

A presto!

Lo sbarco in Normandia

Il 6 giugno 1944 lo SHAEF, il comando supremo delle forze di spedizione alleate, giocava la sua carta più rischiosa: l'operazione Overlord, ovvero la più grande operazione anfibia della storia.
Il tentativo effettuato due anni prima a Dieppe aveva dolorosamente insegnato che non era possibile prendere un porto nemico pesantemente fortificato, quindi si optò per la creazione di un'ampia testa di ponte, su cui poi si sarebbero creati dei porti con il rivoluzionario sistema di pontoni galleggianti Mulberry.
Dwight David Eisenhower, capo supremo dell'esercito alleato, aveva già preparato un messaggio da consegnare alla stampa in caso di fallimento, accollandosene tutta la responsabilità.
In queste immagini vediamo gli uomini della 29° divisione di fanteria USA che abbandonano il loro mezzo da sbarco (LCVP) e si lanciano sulla spiaggia francese, pesantemente difesa dai soldati tedeschi.
Alcuni di loro indossano un bracciale colorato che agisce da rilevatore di gas venefici, ca…

Elementi scenici per warhammer 40k

Ho realizzato una piattaforma di atterraggio e un generatore di energia da utilizzare sul tavolo da gioco:
Il generatore è costituito da una scatola di derivazione in plastica trattata con un fondo spray nero e, successivamente, con vernice ad effetto martellato:
La piattaforma di atterraggio è costituita da un ripiano in legno da 5 mm di spessore con tubi di cartone come pilastri. Il tutto è stato ricoperto con parti ritagliate da un foglio di alluminio da rivestimento.
L'alluminio è stato incollato ai supporti con colla per metallo.

A presto!