Passa ai contenuti principali

Gloster Meteor

Entrato in servizio durante la seconda guerra mondiale, nel giugno 1944, il Gloster Meteor fu il solo caccia a reazione in dotazione agli Alleati ed il secondo a divenire operativo nella storia dell'aviazione.

L'aereo fu utilizzato inizialmente per contrastare le bombe volanti V1 e, una volta ottenuta la superiorità aerea, fu impiegato anche per l'appoggio tattico. Ai piloti fu vietato sorvolare i territori occupati dal nemico per evitare che, in caso di abbattimento, i tedeschi potessero studiare i rottami del velivolo.

Al termine della guerra, il Meteor fu impiegato nella repressione della rivolta dei Mau Mau in Kenya, nella guerra di Corea e nella crisi di Suez, dove andò ad equipaggiare anche l'aeronautica israeliana.
L'aereo raffigurato è nella colorazione metallica tipica del primo periodo della Guerra Fredda.
Il modellino è in plastica, in scala 1/72 ed è stato recuperato a prezzo d'occasione in un mercatino:
Il cupolino, male incollato, ha dovuto essere stuccato e riverniciato, a causa della colla che ne aveva annullato la trasparenza; le varie antenne sono state ricavate da parti in plastica conservate nella mia "scatola degli avanzi".
La verniciatura è stata ottenuta con spray acrilico, riservando i pennelli per la colorazione dei dettagli; le decals provengono da un'altra scatola di montaggio.
Non ho applicato lavature, data la buona definizione dei pezzi.

A presto!

Commenti

Al ha detto…
Awesome, very cool model!
András Szilvásy ha detto…
Quite lovely, nice clean colors.
FourEyedMonster ha detto…
Very nice work on the plane luca. My personal favourite is the Spitfire.
luca tempesta ha detto…
many thanks Andras!
luca tempesta ha detto…
many thanks FEM!
i like the spitfire too, but i still haven't it in my collection, i'll have to fix this!
bye
j.d ha detto…
Hola Amigo
Gran pieza si señor
un saludo
luca tempesta ha detto…
many thanks j.d!
bye

Post popolari in questo blog

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…

A'Tuin

"Ho sempre sospettato che gli Dei avessero senso dell'umorismo, altrimenti perchè avrebbero piazzato il nostro mondo sul dorso di quattro elefanti che stanno appoggiati su una tartaruga che nuota nello spazio?"
Moist von Lipwig
La Grande A'Tuin, appartenente alla specie Chelys Galactica, è il personaggio più misterioso di Mondo Disco: nessuno sa quanti anni abbia, dove stia andando e perchè.
Persino il suo sesso è ignoto, anche se almeno una spedizione di astrozoologi ha tentato di svelare il mistero (la vicenda è raccontata nella miniserie The Colour of Magic).
Tra le città più importanti di Mondo Disco è impossibile non citare Ankh Morpork, sede dell'Università Invisibile, il cui computer centrale verrà interogato da Morte nel tentativo di scoprire cosa fosse successo a Hogfather.
Lungo il bordo del disco l'acqua degli oceani si riversa nello spazio, generando la schiuma che si vede tutto intorno.
Una leggenda sostiene che, originariamente, vi fossero cinque…

Apotecario degli Space Marine Primaris

Quando uno Space Marine cade sul campo di battaglia, l'Apotecario interviene con i suoi strumenti e ne estirpa il seme genetico, che diverrà la base per la creazione di nuovi soldati, fedeli all'Imperatore.




Figurino in plastica, in scala 28mm, prodotto dalla Games Workshop.
Interamente dipinto con i colori acrilici Citadel su una base di primer spray bianco; l'effetto sangue e il lucido trasparente usato sulla siringa appartengono alla linea di colori Citadel Technical.

A presto!