Passa ai contenuti principali

Il convoglio

Nonostante l'alto livello di meccanizzazione l'esercito tedesco continuò ad utilizzare i cavalli per tutta la seconda guerra mondiale:

In queste immagini vediamo un convoglio di carri che marcia su una strada di montagna italiana nel 1944.
Apre la colonna un veicolo che trasporta equipaggiamenti vari:
Segue un'ambulanza:
Chiude la fila una cucina da campo:

I soldati sembrano abbastanza rilassati, e uno di loro approfitta del lento avanzare dei cavalli per dare un'occhiata al panorama:
Diorama in scala 1/35 con veicoli e figurini in plastica.
I primi due carri fanno parte di un unico kit della Italeri, la cucina da campo è della Tamiya.
Essendo le stampate molto vecchie, è necessario un buon lavoro di pulizia e stuccatura dei pezzi, che, inoltre, presentano la difficoltà di dover ricavare le redini (e, per il modello Tamiya, anche i finimenti) da un foglio di plastica incluso nelle confezioni.
Al solito, sono ricorso alla vernice spray per il colore di fondo dei carri, riservando i pennelli per la colorazione dei dettagli e concludendo il lavoro con lavature e drybrush, indispensabili per esaltare gli spessori e fornire l'aspetto impolverato e usurato ai mezzi.
Il terreno è stato riprodotto incollando su una base di legno due fogli di polistirolo, su cui ho inciso i dislivelli con un saldatore elettrico.
La colla vinilica (Vinavil) è stata utile per incollare pietrisco ed erba da presepe.
I bordi sono stati ricoperti con nastro adesivo bituminoso, solitamente utilizzato per la riparazione di tetti e grondaie.

A presto!

Commenti

d3dgarage ha detto…
Molto bello ed elaborato,come tutti gli altri tuoi lavori.anche la ricerca storica e filmografia è notevole.complimenti
luca tempesta ha detto…
molte grazie d3d, sono contento che apprezzi!
ciao
Captain LOL ha detto…
BellissimoLuca l'effet di movimento é li ! Mi piace questa scena . Complimenti .
luca tempesta ha detto…
grazie Capitano!
j.d ha detto…
Hola Amigo
Guauuuu que buen diorama si señor
un saludo
Phil ha detto…
That's really, really nice! Great job!
luca tempesta ha detto…
many thanks j.d!
bye
luca tempesta ha detto…
many thanks Phil, you're very kind!
Fed Zeppelin ha detto…
è bellissimo! Mi piace molto la resa del carro e comincio a pensare che i modelli 'su strada' siano i miei preferiti
luca tempesta ha detto…
grazie Fed!
è vero, questo tipo di diorama ha un fascino tutto particolare.
RMacedo NoVember ha detto…
Bellissimo diorama! Saluti dal Portogallo :)
luca tempesta ha detto…
grazie RMacedo e benvenuto sul mio blog!
ciao
FourEyedMonster ha detto…
Nice job luca! :) Do you eventually encase them in clear plastic cases for display?
luca tempesta ha detto…
many thanks FEM!
i made some cases for some of my dioramas.
if you are interested, you can find some here: http://modelstorming.blogspot.it/2012/03/teche-per-diorami.html
bye

Post popolari in questo blog

Il Samurai d'acciaio (IJN Akagi)

Progettata come incrociatore e convertita in portaerei in corso d'opera, la Akagi (in giapponese: castello rosso, dal nome di un vulcano del Kanto) entrò in linea prima dello scoppio della seconda guerra mondiale:
Sottoposta a vari ammodernamenti, la nave prese parte all'attacco a Pearl Harbor del 07.12.1941.
Nella foto seguente si vede bene il fumaiolo, piegato in basso e all'esterno, perchè il fumo non invadesse il ponte di volo:
Un primo piano del ponte con l'elevatore di prua in evidenza:
Dati tecnici: dislocamento: 42000 t; lunghezza: 260,68 m; larghezza: 31,32 m; equipaggio: 2000.
Fu affondata dagli aerosiluranti americani durante la battaglia delle Midway.
Il modello è della Hasegawa, in scala 1.350. Molti i pezzi da assemblare, con un buon dettaglio generale; scafo dipinto a spruzzo, usando la carta gommata per le mascherature.
Il ponte di volo presenta alcune linee da dipingere a mano, data l'assenza delle decals.

Per una rassegna di film di guerra cliccat…

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…

Disarmato in battaglia (EA-6B Prowler)

Il velivolo EA-6B Prowler (Predatore) è un quadriposto da guerra elettronica prodotto dalla ditta Grumman.
L'aereo deriva dall'A-6 Intruder, aereo da appoggio tattico: le maggiori differenze sono l'aggiunta di un bulbo contenente apparati elettronici sulla sommità della deriva e di due sedili aggiuntivi per gli operatori ai sistemi. All'esterno trovano posto fino a 5 gondole ECM; nel modello illustrato due di esse sono state sostituite da serbatoi sganciabili, che ne allungano il raggio d'azione.
In occasione di missioni di soppressione dei radar nemici, il Prowler può essere equipaggiato con missili antiradar AGM-88 Harpoon (peraltro non previsti nella versione in esame, ma solo nelle successive). Il perspex che compone il tettuccio è ricoperto di una sottilissma foglia di oro, volta a bloccare l'ingresso di radiazioni dannose provenienti dalle apparecchiature di disturbo elettronico.
L'aereo ha un peso massimo al decollo di 27.900 kg ed è capace di una ve…