Passa ai contenuti principali

Italia 1944

Dopo la capitolazione italiana dell'8 settembre 1943 le truppe tedesche si trovarono coinvolte in una logorante guerra di attrito con gli Alleati.

In queste fotografie vediamo alcuni soldati che osservano passare un cacciacarri Jagdpanther mentre si riposano sul ciglio di una strada di campagna nei pressi di un rudere.

Come si nota, due di loro indossano l'uniforme coloniale già utilizzata in Africa, mentre il sottufficiale ha dei pantaloni confezionati con tessuto mimetico italiano.
Il comandante del corazzato sfoggia l'uniforme nera delle truppe corazzate senza i teschi argentati sulle mostrine, come previsto a partire dal 1944; il copricapo è un "vecchio berretto da campagna per ufficiali", ovvero un cappello con visiera rigida e senza rinforzo del piatto, che non ostacolava l'uso delle cuffie e che poteva essere ripiegato e riposto in tasca.
Lo Jagdpanther è stato dipinto con una colorazione mimetica "da imboscata", piuttosto frequente nell'ultima fase della guerra, che consisteva nello spezzare le aree di ciascuno dei tre colori (rosso mattone, giallo scuro e verde) con macchie irregolari degli altri due.
Per i dettagli tecnici, vi rimando al post che prende in esame il mezzo.

Diorama in scala 1/35 interamente in plastica, con figurini e mezzo della Dragon; il capocarro è della Academy.
I colori di fondo sono stati dati con vernice spray, su cui ho poi dipinto i particolari a pennello.
Lavature e drybrush forniscono maggiore profondità ai pezzi e ne simulano l'invecchiamento.
L'edificio deriva da un kit in vacuform della Miniart, cui ho aggiunto i vetri delle finestre (riprodotti con plastica trasparente), i piani intermedi e le macerie, ricavati da un blocco di polistirene espanso, con l'aggiunta di alcuni sassolini decorativi.
Erba sintetica e sabbia si incollano alla base con colla vinilica Vinavil, mentre le tracce dei cingoli si realizzano premendo il mezzo su una base di pasta modellabile Das, in seguito dipinta a pennello.
Il bordo della base in legno è stato coperto con nastro adesivo bituminoso.

A presto!

Commenti

Al ha detto…
Done with your usual amazing attention to detail
András Szilvásy ha detto…
Splendid diorama - ambush camo is tough to do but yours looks great.
luca tempesta ha detto…
many thanks Al, it's great hearing this from you!
bye
luca tempesta ha detto…
many thanks Andras, very appreciated!
bye
j.d ha detto…
Hola Amigo
Magnifico como siempre
y con una buena dosis de detalles
muy bien llevados
un salduo
Anonimo ha detto…
grande realizzazione come al solito.
i tuoi diorami sono eccezionali.
ciao alessandro
luca tempesta ha detto…
many thanks j.d, you're always very kind!
bye
FourEyedMonster ha detto…
Wow luca ... great work on the tank camouflage. So much detail which in turn makes it look very realistic. NICE!
luca tempesta ha detto…
many thanks FEM!
you're right: it has been a quite long work, but it's worth it.
bye

Post popolari in questo blog

Il Samurai d'acciaio (IJN Akagi)

Progettata come incrociatore e convertita in portaerei in corso d'opera, la Akagi (in giapponese: castello rosso, dal nome di un vulcano del Kanto) entrò in linea prima dello scoppio della seconda guerra mondiale:
Sottoposta a vari ammodernamenti, la nave prese parte all'attacco a Pearl Harbor del 07.12.1941.
Nella foto seguente si vede bene il fumaiolo, piegato in basso e all'esterno, perchè il fumo non invadesse il ponte di volo:
Un primo piano del ponte con l'elevatore di prua in evidenza:
Dati tecnici: dislocamento: 42000 t; lunghezza: 260,68 m; larghezza: 31,32 m; equipaggio: 2000.
Fu affondata dagli aerosiluranti americani durante la battaglia delle Midway.
Il modello è della Hasegawa, in scala 1.350. Molti i pezzi da assemblare, con un buon dettaglio generale; scafo dipinto a spruzzo, usando la carta gommata per le mascherature.
Il ponte di volo presenta alcune linee da dipingere a mano, data l'assenza delle decals.

Per una rassegna di film di guerra cliccat…

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…

Disarmato in battaglia (EA-6B Prowler)

Il velivolo EA-6B Prowler (Predatore) è un quadriposto da guerra elettronica prodotto dalla ditta Grumman.
L'aereo deriva dall'A-6 Intruder, aereo da appoggio tattico: le maggiori differenze sono l'aggiunta di un bulbo contenente apparati elettronici sulla sommità della deriva e di due sedili aggiuntivi per gli operatori ai sistemi. All'esterno trovano posto fino a 5 gondole ECM; nel modello illustrato due di esse sono state sostituite da serbatoi sganciabili, che ne allungano il raggio d'azione.
In occasione di missioni di soppressione dei radar nemici, il Prowler può essere equipaggiato con missili antiradar AGM-88 Harpoon (peraltro non previsti nella versione in esame, ma solo nelle successive). Il perspex che compone il tettuccio è ricoperto di una sottilissma foglia di oro, volta a bloccare l'ingresso di radiazioni dannose provenienti dalle apparecchiature di disturbo elettronico.
L'aereo ha un peso massimo al decollo di 27.900 kg ed è capace di una ve…