Passa ai contenuti principali

Italia 1944

Dopo la capitolazione italiana dell'8 settembre 1943 le truppe tedesche si trovarono coinvolte in una logorante guerra di attrito con gli Alleati.

In queste fotografie vediamo alcuni soldati che osservano passare un cacciacarri Jagdpanther mentre si riposano sul ciglio di una strada di campagna nei pressi di un rudere.

Come si nota, due di loro indossano l'uniforme coloniale già utilizzata in Africa, mentre il sottufficiale ha dei pantaloni confezionati con tessuto mimetico italiano.
Il comandante del corazzato sfoggia l'uniforme nera delle truppe corazzate senza i teschi argentati sulle mostrine, come previsto a partire dal 1944; il copricapo è un "vecchio berretto da campagna per ufficiali", ovvero un cappello con visiera rigida e senza rinforzo del piatto, che non ostacolava l'uso delle cuffie e che poteva essere ripiegato e riposto in tasca.
Lo Jagdpanther è stato dipinto con una colorazione mimetica "da imboscata", piuttosto frequente nell'ultima fase della guerra, che consisteva nello spezzare le aree di ciascuno dei tre colori (rosso mattone, giallo scuro e verde) con macchie irregolari degli altri due.
Per i dettagli tecnici, vi rimando al post che prende in esame il mezzo.

Diorama in scala 1/35 interamente in plastica, con figurini e mezzo della Dragon; il capocarro è della Academy.
I colori di fondo sono stati dati con vernice spray, su cui ho poi dipinto i particolari a pennello.
Lavature e drybrush forniscono maggiore profondità ai pezzi e ne simulano l'invecchiamento.
L'edificio deriva da un kit in vacuform della Miniart, cui ho aggiunto i vetri delle finestre (riprodotti con plastica trasparente), i piani intermedi e le macerie, ricavati da un blocco di polistirene espanso, con l'aggiunta di alcuni sassolini decorativi.
Erba sintetica e sabbia si incollano alla base con colla vinilica Vinavil, mentre le tracce dei cingoli si realizzano premendo il mezzo su una base di pasta modellabile Das, in seguito dipinta a pennello.
Il bordo della base in legno è stato coperto con nastro adesivo bituminoso.

A presto!

Commenti

Al ha detto…
Done with your usual amazing attention to detail
András Szilvásy ha detto…
Splendid diorama - ambush camo is tough to do but yours looks great.
luca tempesta ha detto…
many thanks Al, it's great hearing this from you!
bye
luca tempesta ha detto…
many thanks Andras, very appreciated!
bye
j.d ha detto…
Hola Amigo
Magnifico como siempre
y con una buena dosis de detalles
muy bien llevados
un salduo
Anonimo ha detto…
grande realizzazione come al solito.
i tuoi diorami sono eccezionali.
ciao alessandro
luca tempesta ha detto…
many thanks j.d, you're always very kind!
bye
FourEyedMonster ha detto…
Wow luca ... great work on the tank camouflage. So much detail which in turn makes it look very realistic. NICE!
luca tempesta ha detto…
many thanks FEM!
you're right: it has been a quite long work, but it's worth it.
bye

Post popolari in questo blog

Gouged Eye blood bowl team

La squadra dei Gouged Eye è pronta a scendere in campo:
vediamo alcuni dei ruoli, di seguito il Thrower e un Goblin:

qui il Blocker e il Blitzer:

due linemen:

e, per finire, il Troll:


Tutti i figurini, tranne il Goblin, sono in plastica, prodotti dalla Games Workshop in scala 28mm.
Ho lavorato con i colori Citadel su un fondo primer colorato della stessa marca, usando il blu per il troll e il bianco per tutti gli altri.
La base è stata decorata con colla vinilica e erba elettrostatica.

A presto!

Panzer VI b - Tigre reale

Prodotto tra il 1944 ed il 1945, il Tigre II (o Tigre B - Sd. Kfz.182) fu la risposta alle richieste del comando tedesco per un carro armato superpesante.
Le foto, scattate nel museo dei corazzati di Bovington (UK), mostrano le due versioni del mezzo in esame.
Le prime due riguardano un esemplare con torretta Porsche e mimetizzazione a 3 toni (giallo-ocra, verde, rosso-marrone).
Dopo solo 50 mezzi prodotti, si decise di cambiare il disegno della torretta in favore di quella progettata dalla Henschel, poichè si temeva che la curvatura inferiore del mantelletto potesse deviare i colpi in arrivo verso la corazza superiore (più sottile) del mezzo. Nella foto seguente si vede un modello dotato della nuova torretta e coperto di zimmerit.
Lo zimmerit era una pasta antimagnetica composta da solfato di bario (40%), polivinilacetato (PVA) per il 25%, pigmento ocra (15%), segatura (10%) e solfito di zinco per il restante 10%, che aveva lo scopo di impedire alle mine magnetiche di aderire al mezz…

Boeing 737-800

La serie 737 rappresenta il più diffuso tipo di aereo passeggeri per tratte medio-brevi in servizio su scala mondiale. La prima serie (737-100) è entrata in produzione nel 1967.
Nelle foto vediamo un modello 737-800 di proprietà della Ryanair, che dispone di circa 300 aerei di questo tipo. Il 737-800 appartiene alla cosiddetta "Next Generation", varata nel 1996, che prevede velivoli più grandi, meno rumorosi e con maggiore ottimizzazione del carburante.
Il velivolo, del costo di 80.8 milioni di dollari americani, è in grado di accogliere fino a 189 passeggeri.
Modello in plastica in scala 1/144 della Revell, interamente dipinto con vernice spray, a parte la linea gialla che si può realizzare a pennello o con un pennarello a vernice.
Buoni gli incastri ed ottime le decals, che offrono la possibilità di realizzare sia la vecchia livrea Ryanair, che quella illustrata, di nuovo tipo.
Il braccio che sostiene l'aereo è un attaccapanni da muro in plastica, forato e fissato al …