Passa ai contenuti principali

Iwo Jima - Deserto di fuoco

Titolo originale: The sands of Iwo Jima

Anno: 1949

Regia: Allan Dwan

Interpreti: John Wayne, John Agar, John Bradley, Rene Gagnon, Ira Hayes

Trama:
Nel 1943 il sergente dei marines John M. Stryker (John Wayne) riceve il compito di addestrare alcune reclute, tra le quali si trova Peter Conway (John Agar), figlio del suo ex comandante. Dapprima il sergente è odiato da tutti per la sua severità, ma le reclute si renderanno conto, soprattutto dopo aver preso parte allo sbarco sull'isola di Tarawa, che il duro addestramento di Stryker è volto a salvar loro la vita in guerra. Dopo un periodo di riposo, i soldati si troveranno impegnati nello sbarco su Iwo Jima, durante il quale Conway salva la vita di Stryker, conquistandone il rispetto e l'amicizia. Alcuni giorni dopo, al termine dell'ennesima azione di combattimento, mentre i membri della squadra si raccolgono attorno ai compagni caduti, sei marines alzano la bandiera americana sul monte Suribachi.

Valido film di guerra di vecchio stampo, intriso di retorica filo americana, giustificata dal ricordo fin troppo recente degli eventi bellici descritti: la battaglia di Iwo Jima si svolse tra febbraio e marzo del 1945. John Wayne interpreta il suo solito ruolo del "duro ma giusto". Nel cast figurano tre dei sei marines che furono immortalati nell'atto di issare la bandiera. Pochi sanno che l'azione fu ripetuta ad uso e consumo della propaganda, poichè in un primo momento non c'erano giornalisti presenti sul luogo.

Nella foto: la corazzata Missouri, che fornì appoggio di fuoco agli sbarchi.

A presto!

Commenti

j.d ha detto…
Hola Amigo
Que bueno si señor
Me encantan estos barcos
un saludo
Al ha detto…
I don't watch those kinds of movies, cool model ship though Luca
luca tempesta ha detto…
Many thanks Al!
FourEyedMonster ha detto…
Very nicely done model luca ... very nice. I wonder why Battleships are no longer part of modern fleets. I guess it must be because their huge size would make them highly sought after targets.
luca tempesta ha detto…
Many thanks FEM!
it's right: they are huge targets for missiles and planes. The carrier vessels are now the queens of the seas.

Post popolari in questo blog

Gouged Eye blood bowl team

La squadra dei Gouged Eye è pronta a scendere in campo:
vediamo alcuni dei ruoli, di seguito il Thrower e un Goblin:

qui il Blocker e il Blitzer:

due linemen:

e, per finire, il Troll:


Tutti i figurini, tranne il Goblin, sono in plastica, prodotti dalla Games Workshop in scala 28mm.
Ho lavorato con i colori Citadel su un fondo primer colorato della stessa marca, usando il blu per il troll e il bianco per tutti gli altri.
La base è stata decorata con colla vinilica e erba elettrostatica.

A presto!

Lo sbarco in Normandia

Il 6 giugno 1944 lo SHAEF, il comando supremo delle forze di spedizione alleate, giocava la sua carta più rischiosa: l'operazione Overlord, ovvero la più grande operazione anfibia della storia.
Il tentativo effettuato due anni prima a Dieppe aveva dolorosamente insegnato che non era possibile prendere un porto nemico pesantemente fortificato, quindi si optò per la creazione di un'ampia testa di ponte, su cui poi si sarebbero creati dei porti con il rivoluzionario sistema di pontoni galleggianti Mulberry.
Dwight David Eisenhower, capo supremo dell'esercito alleato, aveva già preparato un messaggio da consegnare alla stampa in caso di fallimento, accollandosene tutta la responsabilità.
In queste immagini vediamo gli uomini della 29° divisione di fanteria USA che abbandonano il loro mezzo da sbarco (LCVP) e si lanciano sulla spiaggia francese, pesantemente difesa dai soldati tedeschi.
Alcuni di loro indossano un bracciale colorato che agisce da rilevatore di gas venefici, ca…

Elementi scenici per warhammer 40k

Ho realizzato una piattaforma di atterraggio e un generatore di energia da utilizzare sul tavolo da gioco:
Il generatore è costituito da una scatola di derivazione in plastica trattata con un fondo spray nero e, successivamente, con vernice ad effetto martellato:
La piattaforma di atterraggio è costituita da un ripiano in legno da 5 mm di spessore con tubi di cartone come pilastri. Il tutto è stato ricoperto con parti ritagliate da un foglio di alluminio da rivestimento.
L'alluminio è stato incollato ai supporti con colla per metallo.

A presto!