Passa ai contenuti principali

Generation War

Titolo originale: Unsere Mutter, Unsere Vater

Anno: 2013

Regia: Philipp Kadelbach

Interpreti: Volker Bruch, Tom Schilling, Katharina Schuttler, Miriam Stein, Ludwig Trepte

Trama:
Germania, 1941. Cinque giovani amici, di cui uno di religione ebraica, si incontrano per festeggiare la partenza per il fronte orientale dei due fratelli Winter e di Charlotte, arruolatasi come crocerossina. Convinti dalla propaganda che la guerra sarà di breve durata, si promettono di ritrovarsi a Berlino per festeggiare il Natale, ma la guerra distruggerà le loro speranze, portandoli a scontrarsi con una realtà di morte e distruzione.

Ottima mini serie di tre puntate (due nell'edizione italiana) che restituisce il punto di vista tedesco, spesso trascurato, sulla seconda guerra mondiale, che fa da sfondo alla crescita forzata di cinque ragazzi appena maggiorenni. Forte è stato il dibattito suscitato tra il pubblico e tra la critica, che, pur in maggioranza favorevole, ha sottolineato una visione troppo indulgente dell'antisemitismo tedesco. La ricerca storica per quanto riguarda veicoli e equipaggiamento è molto precisa.

Nella foto: soldati tedeschi durante l'operazione Barbarossa.

A presto!

Commenti

Fed Zeppelin ha detto…
e, ovviamente, è una delle cose nella lista dei "da vedere"... ne verr a capo prima o poi?
luca tempesta ha detto…
Mettila così: non corri il rischio di annoiarti!
j.d ha detto…
Hola Amigo
Magnifica escena si señor
UN SALUDO
luca tempesta ha detto…
Many thanks j.d!
Captain LOL ha detto…
Eccellente lavoro e messa in scena Luca , mi piace molto . A presto .
luca tempesta ha detto…
Grazie capitano!
FourEyedMonster ha detto…
Nice touch on the sleeping soldier on the bike!
luca tempesta ha detto…
Thanks fem, i hoped you would have appreciated it!
bye
Ptr ha detto…
There are a lot of interessting films about the war and the german films are getting better and better.One of my favourites are Untergang but also the one you wrote about.Nice diorama and excellent paintjob.
luca tempesta ha detto…
You are right ptr, german war movies are getting better. Thanks for the compliments, i 'm glad you enjoied my job!

Post popolari in questo blog

Ottobre Rosso

Base navale di Poliyarny, a nord di Murmansk: il nuovo sommergibile sovietico Ottobre Rosso, dotato di propulsione silenzionsa "Caterpillar", si appresta a partire sotto il comando di Marco Ramius...
Direttamente dall'omonimo film, il modello in scala 1.350 (plastica, Italeri) del sommergibile missilistico nucleare sovietico classe Tifone:

Circa 200 uomini d'equipaggio, 8 tubi lanciasiluri da 533 mm a prua, 2 reattori nucleari per la propulsione e 24 pozzi di lancio per altrettanti missili balistici nucleari a rientro multiplo (MIRV) fanno di questo sottomarino un'arma quanto mai temibile. Nelle foto precedenti si notano due dei pozzi dei missili aperti e pronti per il lancio.
Nelle foto dalla poppa, si notano le linee sinuose e perfettamente raccordate dello scafo costruito interamente in titanio, con tutti i problemi di saldatura del caso.
Durante la Guerra Fredda, questo mezzo fu sviluppato appositamente per viaggiare sotto la calotta artica, emergere dal ghia…

Teche per diorami

Ok, abbiamo finito il nostro diorama, quindi, dopo avergli trovato un posto dove poggiarlo per ammirarlo in tutta comodità, sorge un problema: come proteggerlo dalla polvere?
La soluzione più dispendiosa è senza dubbio farsi realizzare una teca in vetro o plexiglass su misura, ma io preferisco operare in proprio.
Vi propongo alcune idee.
Partiamo da questo diorama warhammer fantasy, la cui copertura è realizzata con fogli di vetro sintetico da 4 mm di spessore:
Il materiale non costa poco ed è difficile da tagliare, ma è abbastanza rigido da sopportare il suo stesso peso anche per grandi dimensioni, come in questo caso.
Di seguito una variante realizzata con lo stesso tipo di plexiglass e adatta per modellini lunghi e stretti, come questo cannone ferroviario:
Il disegno triangolare consente di risparmiare sul materiale, dato che si può fare a meno del pannello per il tetto; il nastro di fissaggio è del tipo trasparente extra-forte, mentre alcuni gommini trasparenti adesivi posti ai l…

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…