Passa ai contenuti principali

Verso Kursk

L'esercito tedesco sviluppò, durante la seconda guerra mondiale, diversi modelli di veicoli radiocomandati da utilizzarsi per la bonifica dei campi minati o per la posa di cariche da demolizione.
In queste immagini vediamo un Panzer III equipaggiato con un apparato di trasmissione, che, insieme ad un Borgward B IVB, si dirige verso i campi minati che circondano il saliente di Kursk.
Il trasmettitore ha preso il posto della rommelkiste (scatola metallica) sul retro della torretta, quindi il veicolo è stato equipaggiato con un contenitore in legno sul parafango destro, utilizzato per contenere gli effetti personali dell'equipaggio.
Il Borgward B IV fu sviluppato per il trasporto di una carica di demolizione da 450 kg in un contenitore sganciabile posto sul muso del mezzo. Il veicolo veniva pilotato normalmente fino alla zona delle operazioni, quindi veniva abbandonato dal pilota e teleguidato dall'interno del carro armato.
La versione B qui illustrata fu prodotta dal giugno del 1943, e, tra le altre differenze rispetto al modello precedente, presenta anche un portello di emergenza per il pilota sul lato destro dello scafo. La sigla NW scritta con il gesso indica la frequenza radio da usare per il pilotaggio a distanza.
I due uomini nella foto a sinistra indossano entrambi la bustina nera delle truppe corazzate, ma uno ha la tuta intera da lavoro, mentre l'altro ha la versione verde dell'uniforme da carrista.
Il comandante del carro armato e l'uomo seduto sul mezzo indossano l'uniforme nera delle panzertruppen, mentre l'ufficiale che indica loro la strada da seguire impugna un mitra sovietico ppsh 41 e dispone di una giacca mimetica con i gradi cuciti sul braccio sinistro, come previsto nel caso di indumenti senza spalline.

Diorama in scala 1/35 con tutte le componenti in plastica, a parte i due soggetti in resina raffigurati nell'ultima fotografia.
I veicoli sono della Gunze Sangyo (ora il kit è prodotto dalla Dragon), con figurini della Dragon, Tamiya e Royal Model.
Il traliccio è prodotto dalla Tamiya, con i fili elettrici realizzati con filo di ferro sottile dipinto e piegato a mano; le antenne dei veicoli sono autocostruite con plastica scaldata sulla fiamma di una candela e stirata a caldo.
La base, in legno, è stata ricoperta con uno strato di pasta modellabile Das, su cui ho impresso le impronte dei cingoli. Sabbia, pietruzze e erba da presepe incollate con la colla vinilica Vinavil completano il diorama.
La colorazione si ottiene con un fondo di vernice acrilica spray, su cui si vanno a dipingere i particolari a pennello.
Lavature di colore e drybrush forniscono le necessarie ombre.

A presto!

Commenti

FourEyedMonster ha detto…
Although I have read a lot of books on WW2 and watched a lot of documentaries/movies on the subject, I did not know that such remote control 'tanks' existed. Good work on the diorama too luca.
luca tempesta ha detto…
Thanks for the compliments fem!
i'm happy to have told you something new!
András Szilvásy ha detto…
A splendid little diorama and great piece of history.
Also the verification thing wants me to select a picture of sushi. How wierd.
Anonimo ha detto…
bellissimo
sei grande
ciao alessandro
luca tempesta ha detto…
Many thanks Andras!
it's a little known fact, but still important!
luca tempesta ha detto…
Grazie Ale!
j.d ha detto…
Hola Amigo
MAGNIFICA escena si señor
y estoy con los demás compañeros buena tu sesión de historia
un saludo
luca tempesta ha detto…
Many thanks j.d to you and your friends!
i 'm really happy that you appreciate my work!
Captain LOL ha detto…
Bravo luca , Come l'ai messo sur Facebook , non sapevo che i veicoli radiocomandati furono usati durante la seconda guerra mondiale , si impara sempre a tutta età ;) . Ciao .
maximex ha detto…
Hi
Great job, maybe a little frail / weak, but the right colors (the light effect)
Good details, like electrical wires, and also a piece of history
I really like your work
luca tempesta ha detto…
Ciao capitano e grazie dei complimenti!
è vero, ci sono sempre cose nuove!
luca tempesta ha detto…
Many thanks Maximex, you are very kind!
Phil ha detto…
Excellent job, great details...
Simmy ha detto…
Non navigavo da un po' sui blog, ma vedo che nel frattempo non hai affatto preso lo "smalto" anzi le tue creazioni sono sempre più belle!
Ciao a presto (spero)
Simone
Simmy ha detto…
Naturalmente, volevo scrivere ...non hai affatto PERSO lo smalto... Ciao!
luca tempesta ha detto…
Grazie infinite Simone!
sono sempre contento che i miei lavori ti piaccian.
Spero di risentirti presto e ammirare altri tuoi eserciti!
ciao
Michael Awdry ha detto…
What a fascinating piece of history, great modelling too!
luca tempesta ha detto…
Many thanks Michael!
Mori kun ha detto…
An another very nice sandy scheme diorama my Dear Luca !! ^^

Serviteur,
Luca Tempesta ha detto…
Thanks Morikun, i'm happy that you like it!
Blogger ha detto…
FreedomPop is Britian's first ABSOLUTELY FREE mobile phone provider.

Voice, text & data plans always start at £0.00/month.

Post popolari in questo blog

Il Samurai d'acciaio (IJN Akagi)

Progettata come incrociatore e convertita in portaerei in corso d'opera, la Akagi (in giapponese: castello rosso, dal nome di un vulcano del Kanto) entrò in linea prima dello scoppio della seconda guerra mondiale:
Sottoposta a vari ammodernamenti, la nave prese parte all'attacco a Pearl Harbor del 07.12.1941.
Nella foto seguente si vede bene il fumaiolo, piegato in basso e all'esterno, perchè il fumo non invadesse il ponte di volo:
Un primo piano del ponte con l'elevatore di prua in evidenza:
Dati tecnici: dislocamento: 42000 t; lunghezza: 260,68 m; larghezza: 31,32 m; equipaggio: 2000.
Fu affondata dagli aerosiluranti americani durante la battaglia delle Midway.
Il modello è della Hasegawa, in scala 1.350. Molti i pezzi da assemblare, con un buon dettaglio generale; scafo dipinto a spruzzo, usando la carta gommata per le mascherature.
Il ponte di volo presenta alcune linee da dipingere a mano, data l'assenza delle decals.

Per una rassegna di film di guerra cliccat…

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…

Disarmato in battaglia (EA-6B Prowler)

Il velivolo EA-6B Prowler (Predatore) è un quadriposto da guerra elettronica prodotto dalla ditta Grumman.
L'aereo deriva dall'A-6 Intruder, aereo da appoggio tattico: le maggiori differenze sono l'aggiunta di un bulbo contenente apparati elettronici sulla sommità della deriva e di due sedili aggiuntivi per gli operatori ai sistemi. All'esterno trovano posto fino a 5 gondole ECM; nel modello illustrato due di esse sono state sostituite da serbatoi sganciabili, che ne allungano il raggio d'azione.
In occasione di missioni di soppressione dei radar nemici, il Prowler può essere equipaggiato con missili antiradar AGM-88 Harpoon (peraltro non previsti nella versione in esame, ma solo nelle successive). Il perspex che compone il tettuccio è ricoperto di una sottilissma foglia di oro, volta a bloccare l'ingresso di radiazioni dannose provenienti dalle apparecchiature di disturbo elettronico.
L'aereo ha un peso massimo al decollo di 27.900 kg ed è capace di una ve…