Passa ai contenuti principali

Ungheria 1945

Nell'ultimo anno di guerra la situazione è ormai disperata per le forze tedesche, che, ciononostante, continuano a battersi.
Qui vediamo un gruppo di soldati SS che si muovono ai margini di un villaggio in cerca del nemico.
La tensione è forte e l'ufficiale che comanda il gruppo fa cenno ai suoi uomini di fermarsi, onde poter controllare oltre l'angolo della casa.
Il mezzo d'appoggio è un cacciacarri Jagdpanzer IV, dipinto molto approssimativamente con la colorazione bianca invernale, che, sbiaditasi a causa della pioggia e della neve, non copre più lo schema mimetico a tre colori del veicolo.
Con il suo cannone da 75mm di calibro e una sagoma molto bassa, il mezzo si dimostrò all'altezza del compito, andando a rafforzare le truppe corazzate del Reich, ormai ridotte allo stremo.

Diorama in plastica, in scala 1/35.
Il colore di fondo del mezzo e dell'edificio sono stati realizzati con vernice spray.
Tutti i particolari sono stati poi dipinti a pennello.
L'aspetto sbiadito della mimetica invernale bianca si ottiene con un intenso lavoro a pennello asciutto (drybrush).
Il terreno è stato modellato con pasta Das su cui ho impresso le tracce dei cingoli e ho successivamente incollato brecciolino ed erba sintetica con la colla vinilica Vinavil.

A presto!

Commenti

Al ha detto…
First class friend, very authentic
Luca Tempesta ha detto…
Many thanks Al!
RMacedo NoVember ha detto…
Bellissimo lavoro de drybrushing sul Jagdpanzer. Gli uniforme di camo dei soldati mi piaciono molto! Saluti!!
Luca Tempesta ha detto…
Molte grazie RMacedo!
Luca Tempesta ha detto…
Many thanks Andras!
Jose Daniel M.L. ha detto…
Hola Amigo
MAGNIFICA escena
Son fotos con vida
un saludo
Luca Tempesta ha detto…
Many thanks j.d!
Mori kun ha detto…
A very beautiful diorama as usual ^^

I like the little house in particular !!

Serviteur,
Luca Tempesta ha detto…
Many thanks Morikun!
maximex ha detto…
Great work, which makes viewers always happy
Luca Tempesta ha detto…
Thanks Maximex, i am happy that you like it!
FourEyedMonster ha detto…
Super work all round but I especially love the tank. But that window is begging for an allied soldier with a bazooka pointing straight down at the tank. ;) However, it still looks superb as it is.
Luca Tempesta ha detto…
Many thanks Fem, i'll think about your idea!
Good work. I like Jagdpanzer IV, i have a real one near my home.
Luca Tempesta ha detto…
Wonderful! please share some pics!

Post popolari in questo blog

Gouged Eye blood bowl team

La squadra dei Gouged Eye è pronta a scendere in campo:
vediamo alcuni dei ruoli, di seguito il Thrower e un Goblin:

qui il Blocker e il Blitzer:

due linemen:

e, per finire, il Troll:


Tutti i figurini, tranne il Goblin, sono in plastica, prodotti dalla Games Workshop in scala 28mm.
Ho lavorato con i colori Citadel su un fondo primer colorato della stessa marca, usando il blu per il troll e il bianco per tutti gli altri.
La base è stata decorata con colla vinilica e erba elettrostatica.

A presto!

Lo sbarco in Normandia

Il 6 giugno 1944 lo SHAEF, il comando supremo delle forze di spedizione alleate, giocava la sua carta più rischiosa: l'operazione Overlord, ovvero la più grande operazione anfibia della storia.
Il tentativo effettuato due anni prima a Dieppe aveva dolorosamente insegnato che non era possibile prendere un porto nemico pesantemente fortificato, quindi si optò per la creazione di un'ampia testa di ponte, su cui poi si sarebbero creati dei porti con il rivoluzionario sistema di pontoni galleggianti Mulberry.
Dwight David Eisenhower, capo supremo dell'esercito alleato, aveva già preparato un messaggio da consegnare alla stampa in caso di fallimento, accollandosene tutta la responsabilità.
In queste immagini vediamo gli uomini della 29° divisione di fanteria USA che abbandonano il loro mezzo da sbarco (LCVP) e si lanciano sulla spiaggia francese, pesantemente difesa dai soldati tedeschi.
Alcuni di loro indossano un bracciale colorato che agisce da rilevatore di gas venefici, ca…

Elementi scenici per warhammer 40k

Ho realizzato una piattaforma di atterraggio e un generatore di energia da utilizzare sul tavolo da gioco:
Il generatore è costituito da una scatola di derivazione in plastica trattata con un fondo spray nero e, successivamente, con vernice ad effetto martellato:
La piattaforma di atterraggio è costituita da un ripiano in legno da 5 mm di spessore con tubi di cartone come pilastri. Il tutto è stato ricoperto con parti ritagliate da un foglio di alluminio da rivestimento.
L'alluminio è stato incollato ai supporti con colla per metallo.

A presto!