Passa ai contenuti principali

Paracadutista divisione Folgore

Dopo i successi dei paracadutisti tedeschi nelle prime fasi della seconda guerra mondiale, lo stato maggiore del Regio Esercito autorizzò la formazione della divisione Folgore.
Gli uomini della Folgore si distinsero durante tutto il periodo di guerra per valore e abnegazione, in particolare durante la battaglia di El Alamein, tra ottobre e novembre del 1942.
Nonostante l'enorme disparità di mezzi i paracadutisti italiani furono in grado di respingere più volte i soldati inglesi causando gravi perdite.
Il soldato raffigurato nelle immagini impugna una bomba Molotov, un'arma improvvisata ma molto adatta nella lotta contro i veicoli corazzati.

Figurino in metallo in scala 80mm prodotto dalla Hobby & Work.
Ho usato uno spray nero come base per la colorazione a pennello dei dettagli.
Al termine ho applicato una lavatura in colore marrone cui ha fatto seguito un abbondante lavoro di drybrush in colore beige.

A presto!

Commenti

Jose Daniel M.L. ha detto…
Hola Amigo
Buena la figura y buena la historia
Como siempre un placer
un saludo
j.d.
Pat G ha detto…
Very nice!
Luca Tempesta ha detto…
Many thanks j.d, you are always very kind!
Luca Tempesta ha detto…
Many thanks Pat G!
Good work but i think you must put some washes for a better result.

:p
Luca Tempesta ha detto…
Many thanks Gilles, your suggestions are always useful!
FourEyedMonster ha detto…
80-mm scale is quite big for a miniature. Nice work Luca. For his eyes, might I suggest that you first paint the eye sockets with the Reaper Master Series Brown Liner (I apologise for just this one recommendation as I do not know other products with the same paint consistency) before painting the whites of his eyes and leaving some of the brown liner unpainted at the edges. This might give the eyes more depth. Please don't get me wrong as your mini still looks good. Just that sometimes giving depth to eyes can give the mini that little bit extra cool factor. Again, nice work Luca. :)
Luca Tempesta ha detto…
Hi FEM, many thanks for your suggestion!
i didn't know about that product, your experience will be very useful to me!
RMacedo NoVember ha detto…
Avanti Folgore!! Ora dovro vedere il film .. ;) https://www.youtube.com/watch?v=TCB4Zn408o4 Saluti cordiali!
Luca Tempesta ha detto…
Un saluto a te RMacedo e grazie!

Post popolari in questo blog

Gouged Eye blood bowl team

La squadra dei Gouged Eye è pronta a scendere in campo:
vediamo alcuni dei ruoli, di seguito il Thrower e un Goblin:

qui il Blocker e il Blitzer:

due linemen:

e, per finire, il Troll:


Tutti i figurini, tranne il Goblin, sono in plastica, prodotti dalla Games Workshop in scala 28mm.
Ho lavorato con i colori Citadel su un fondo primer colorato della stessa marca, usando il blu per il troll e il bianco per tutti gli altri.
La base è stata decorata con colla vinilica e erba elettrostatica.

A presto!

Lo sbarco in Normandia

Il 6 giugno 1944 lo SHAEF, il comando supremo delle forze di spedizione alleate, giocava la sua carta più rischiosa: l'operazione Overlord, ovvero la più grande operazione anfibia della storia.
Il tentativo effettuato due anni prima a Dieppe aveva dolorosamente insegnato che non era possibile prendere un porto nemico pesantemente fortificato, quindi si optò per la creazione di un'ampia testa di ponte, su cui poi si sarebbero creati dei porti con il rivoluzionario sistema di pontoni galleggianti Mulberry.
Dwight David Eisenhower, capo supremo dell'esercito alleato, aveva già preparato un messaggio da consegnare alla stampa in caso di fallimento, accollandosene tutta la responsabilità.
In queste immagini vediamo gli uomini della 29° divisione di fanteria USA che abbandonano il loro mezzo da sbarco (LCVP) e si lanciano sulla spiaggia francese, pesantemente difesa dai soldati tedeschi.
Alcuni di loro indossano un bracciale colorato che agisce da rilevatore di gas venefici, ca…

Elementi scenici per warhammer 40k

Ho realizzato una piattaforma di atterraggio e un generatore di energia da utilizzare sul tavolo da gioco:
Il generatore è costituito da una scatola di derivazione in plastica trattata con un fondo spray nero e, successivamente, con vernice ad effetto martellato:
La piattaforma di atterraggio è costituita da un ripiano in legno da 5 mm di spessore con tubi di cartone come pilastri. Il tutto è stato ricoperto con parti ritagliate da un foglio di alluminio da rivestimento.
L'alluminio è stato incollato ai supporti con colla per metallo.

A presto!