Passa ai contenuti principali

La porta di Brandeburgo

Costruita a partire dal 1788, la Porta di brandeburgo era una delle porte di accesso alla città di Berlino.
Aperta al traffico nel 1791, la Porta fu privata della sua quadriga ornamentale da Napoleone I, che la fece trasportare in Francia. Il gruppo scultoreo tornò al suo posto nel 1814, al seguito delle truppe prussiane.

Gravemente danneggiata durante la seconda guerra mondiale, la struttura fu restaurata negli anni '50 e fu inglobata in berlino est all'epoca della guerra Fredda.
Modellino in fotoincisione prodotto dalla Fascinations.

A presto!

Commenti

Michael Awdry ha detto…
What a really interesting model.
Luca Tempesta ha detto…
really indeed Michael!
thanks!
FourEyedMonster ha detto…
At first I was going to say that the original gates looked a bit brownish before I realised what this 'model kit' was. Very fascinating indeed.
Luca Tempesta ha detto…
Many thanks FEM!

Post popolari in questo blog

Panzer VI b - Tigre reale

Prodotto tra il 1944 ed il 1945, il Tigre II (o Tigre B - Sd. Kfz.182) fu la risposta alle richieste del comando tedesco per un carro armato superpesante.
Le foto, scattate nel museo dei corazzati di Bovington (UK), mostrano le due versioni del mezzo in esame.
Le prime due riguardano un esemplare con torretta Porsche e mimetizzazione a 3 toni (giallo-ocra, verde, rosso-marrone).
Dopo solo 50 mezzi prodotti, si decise di cambiare il disegno della torretta in favore di quella progettata dalla Henschel, poichè si temeva che la curvatura inferiore del mantelletto potesse deviare i colpi in arrivo verso la corazza superiore (più sottile) del mezzo. Nella foto seguente si vede un modello dotato della nuova torretta e coperto di zimmerit.
Lo zimmerit era una pasta antimagnetica composta da solfato di bario (40%), polivinilacetato (PVA) per il 25%, pigmento ocra (15%), segatura (10%) e solfito di zinco per il restante 10%, che aveva lo scopo di impedire alle mine magnetiche di aderire al mezz…

Sancta Sanctorum: il tavolo da modellismo

Punto centrale dell'hobby in scala ridotta è il tavolo da modellismo:
Il tavolo stesso è lo strumento più importante: un posto dove operare e dove lasciare gli attrezzi e i modellini in fase di ultimazione, senza che nessuno debba aver motivo di metterci le mani!
Cominciamo il giro turistico, e, procedendo da sinistra verso destra, troviamo due scatole piene di barattoli di colore di varie marche, acquistati a seconda delle necessità e dei prezzi: in tutta onestà, non ho trovato differenze di resa tali da giustificare prezzi esagerati; lo stesso dicasi per i pennelli.
Per facilitare il mescolamento delle vernici prima di usarle, ho inserito nei barattoli dei piombi da pesca da 5 grammi: sono efficaci e di poco prezzo.
Nel portapenne in alto ci sono le lime ed accanto vediamo stuzzicadenti, taglierino e collanti vari:
Al centro c'è un'altra scatola con i colori di uso più frequente, con relativa vaschetta per acqua con portapennelli incorporato (acquistata da LIDL per pochi…

Opera maxima (1/4)

Ebbene, sì: le manie di grandezza vengono anche a chi lavora in scala ridotta!
Il diorama che vi presento è il più grande che abbia realizzato: 100x150 cm.
E' diviso in tre tavole per renderne possibile lo spostamento ed è coperto con una teca di plexiglass da 4 mm di spessore, che ho rimosso per fare le fotografie.
Ma cominciamo:


Il fulcro del diorama è la fortezza in plastica della GW per Warhammer fantasy.
Tra assedianti e difensori, ho inserito quasi 300 (!) miniature in scala 28mm, rigorosamente assemblate e dipinte una per una dal sottoscritto.
Il generale sul grifone e l'ariete coperto sono in metallo, sempre della GW.
La vista dall'alto rende l'idea della mischia che si è accesa sotto le mura.
Molte miniature sono in plastica, una percentuale minore in metallo, e sono prodotte da diverse case: oltre la GW ci sono anche la Rackham e la Ral Partha.

Gli edifici interni sono autocostruiti in balsa, con un pavimento in gesso della Verlinden ed i tetti in resina dell…