Passa ai contenuti principali

Ranger Skitarii

Gli Skitarii, abitanti di Marte, sono devoti al Dio Macchina, in nome del quale amputano i propri arti per sostituirli con protesi meccaniche
Figurino in plastica in scala 28mm, prodotto dalla Games Workshop e dipinto con colori Citadel.
A presto!

Commenti

Brauwan ha detto…
Hi Lucas !
that's a nice one, are you going to use it in game ? If yes, which one ?
Michael Awdry ha detto…
Great job Luca.
FourEyedMonster ha detto…
Simple yet effective paint job!
Ptr ha detto…
Very nice paintjob Luca and a interessting miniature to!
Luca Tempesta ha detto…
Thanks Ptr!
Luca Tempesta ha detto…
Thanks guys, you're all very kind!

Post popolari in questo blog

Bunker della Cittadella di Budapest

All'interno delle mura della Cittadella che domina una delle colline della capitale ungherese si trova un bunker per il controllo del tiro antiaereo della Luftwaffe:
La struttura si articola su tre piani, dei quali solo due sono visitabili. Le statue di cera contribuiscono a riprodurre l'immagine di una struttura ancora in servizio, inoltre ci sono anche delle teche con armi e documenti d'epoca:
Subito all'esterno, una piccola esposizione di mezzi ed armamenti di origine sovietica:
In queste foto vediamo un obice da 200 mm, un semovente corazzato antiaereo ZSU 23/2... ...e un carro armato T-55: Lungo il muro di cinta c'è anche una sfilata di cannoni controcarro e contraerei di vari calibri:
Sulla collina è posta anche la statua che raffigura la Libertà e dalle mura di cinta si gode di un'ottima vista della città.
Per maggiori informazioni, vi rimando al sito ufficiale.

A presto!

Space Marines Primaris Aggressors (finitura livello gioco)

Gli Aggressors sono pronti a sbaragliare il nemico con le potenti armi a loro disposizione:



Miniature Games Workshop in scala 28mm.
Finitura a livello gioco con primer spray blu e colori acrilici Citadel; la base è stata decorata con un colore grigio testurizzato della stessa marca.

A presto!

Torri lancia dadi

Il fritillus o turricula (in latino) era utilizzato già dai Romani per evitare che qualcuno barasse tirando i dadi da gioco.
La struttura di una torre lancia dadi è semplice: si tratta di una scatola con alcuni scivoli all'interno, su cui il dado rimbalza, in modo che il risultato del lancio sia veramente casuale.
Stanno tornando in voga per i wargames e i giochi di ruolo, poichè è necessario tirare i dadi su un tavolo ingombro di miniature, che rischiano di essere travolte.
Vediamone un esempio:
Questa è inclusa in un diorama, che rappresenta una torre abitata da orchi e goblin, con tanto di Troll dei pantani sullo sfondo! Qui sotto si vede l'ingresso dei dadi, con l'orco di vedetta...
... e qui l'uscita, direttamente nel fossato.
La colorazione del pantano si ottiene con un fondo verde scuro, coperto nella parte centrale da una passata di blu prima che il colore di fondo asciughi del tutto.  Per entrambi i colori ho utilizzato delle bombolette spray da carrozziere. O…