Passa ai contenuti principali

Capitano degli Space Marines in armatura terminator

Il capitano qui raffigurato è dotato di un'armatura in grado di proteggerlo da ogni colpo, inoltre la sua spada potenziata è pronta a imporre la volontà dell'Imperatore fin nelle profondità dello spazio
Figurino in scala 28mm, prodotto dalla Games Workshop e dipinto con colori acrilici Citadel. La basetta è stata decorata con un colore testurizzato della stessa ditta.
A presto!

Commenti

Brauwan ha detto…
Nice job !
Will we have a family picture of your marines one day ? :)
Luca Tempesta ha detto…
Thanks Brauwan! I'm painting them for a friend, but i'll ask him to bring them back for a picture
FourEyedMonster ha detto…
Your friend is very lucky to have a talented painter like you giving him gifts. Nicely done Luca.
Luca Tempesta ha detto…
Many thanks FEM!

Post popolari in questo blog

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…

U-Boot 96

Titolo originale: Das Boot
Anno: 1981
Regia: Wolfgang Petersen
Interpreti: Jurgen Prochnow, Herbert Gronemeyer
Trama: Nel 1941 il sommergibile U-96 parte dalla base francese di La Rochelle, con a bordo il tenente Werner, in qualità di corrispondente di guerra. L’entusiasmo del tenente viene subito spento dalle parole del comandante del battello, soprannominato Der Alte (il vecchio), e dalle condizioni di vita, che alternano snervanti attese a momenti di forte stress, il tutto in un ambiente claustrofobico e dall’aria irrespirabile. L’affondamento di alcune navi inglesi dovrebbe concludere la missione, ma il sommergibile viene deviato verso la base di rifornimento di Vigo, dove riceve l'ordine di forzare lo stretto di Gibilterra, presidiato dagli Inglesi, nel tentativo di arrivare a La Spezia. Evitato per poco l’affondamento durante il passaggio dello stretto, lo U-96 dirige verso un porto francese, dove, una volta attraccato, è fatto oggetto di un attacco aereo che lo affonda, ucci…

Lo sbarco in Normandia

Il 6 giugno 1944 lo SHAEF, il comando supremo delle forze di spedizione alleate, giocava la sua carta più rischiosa: l'operazione Overlord, ovvero la più grande operazione anfibia della storia.
Il tentativo effettuato due anni prima a Dieppe aveva dolorosamente insegnato che non era possibile prendere un porto nemico pesantemente fortificato, quindi si optò per la creazione di un'ampia testa di ponte, su cui poi si sarebbero creati dei porti con il rivoluzionario sistema di pontoni galleggianti Mulberry.
Dwight David Eisenhower, capo supremo dell'esercito alleato, aveva già preparato un messaggio da consegnare alla stampa in caso di fallimento, accollandosene tutta la responsabilità.
In queste immagini vediamo gli uomini della 29° divisione di fanteria USA che abbandonano il loro mezzo da sbarco (LCVP) e si lanciano sulla spiaggia francese, pesantemente difesa dai soldati tedeschi.
Alcuni di loro indossano un bracciale colorato che agisce da rilevatore di gas venefici, ca…