Passa ai contenuti principali

Chaos Space Marine Preachers (finitura livello gioco)

Scendono sui campi di battaglia pronti a imporre il volere degli dei del caos contro i precetti del falso imperatore:

 
 
 
Figurini in scala 28mm prodotti dalla Games Workshop e ampiamente modificati con pezzi d'avanzo.
Il fondo rosso è il primer spray Mephiston Red, mentre per i dettagli sono stati usati i colori acrilici a pennello, tutti della Citadel.
Le basette sono state lavorate con i colori testurizzati Citadel.

A presto!

Commenti

Brauwan ha detto…
Nice Space Marines. I think black dot weapons is a bit dark but Red and Silver can catch the eye !
Luca Tempesta ha detto…
Many thanks Brauwan!
Michael Awdry ha detto…
Such lovely work Luca.
Luca Tempesta ha detto…
Many thanks Michael!
Morikun ha detto…
I like these Word Bearers !! ^^

And about the high bolter... "Bigger is better" ? XD

Serviteur,

Luca Tempesta ha detto…
many thanks Morikun! the customer chose it, but i think you're right! XD
FourEyedMonster ha detto…
I love Word Bearers. Well done Luca.
Luca Tempesta ha detto…
Many thanks FEM!

Post popolari in questo blog

Il nome della rosa

Titolo originale: Der name Der Rose
Anno: 1986
Regia: Jean Jacques Annaud
Interpreti: Sean Connery, Christian Slater, F. Murray Abraham, Ron Perlman
Trama: Nel 1327, in un’abbazia benedettina nel nord Italia in cui sta per svolgersi un importante concilio, alcune morti misteriose turbano i frati. Guglielmo da Baskerville, frate francescano convocato per il concilio, conduce le indagini in virtù delle sue spiccate capacità deduttive. In compagnia di Adso, suo novizio, arriverà ad una sconvolgente verità, nonostante i tanti tentativi di depistaggio.
Molto liberamente tratto dal romanzo omonimo di Umberto Eco, il film crea un’atmosfera cupa degna dei migliori romanzi gialli e noir. Grandissima interpretazione di Sean Connery, che caratterizza in maniera indimenticabile la figura di Guglielmo.
Nella foto: il protagonista.
A presto!

Torri lancia dadi

Il fritillus o turricula (in latino) era utilizzato già dai Romani per evitare che qualcuno barasse tirando i dadi da gioco.
La struttura di una torre lancia dadi è semplice: si tratta di una scatola con alcuni scivoli all'interno, su cui il dado rimbalza, in modo che il risultato del lancio sia veramente casuale.
Stanno tornando in voga per i wargames e i giochi di ruolo, poichè è necessario tirare i dadi su un tavolo ingombro di miniature, che rischiano di essere travolte.
Vediamone un esempio:
Questa è inclusa in un diorama, che rappresenta una torre abitata da orchi e goblin, con tanto di Troll dei pantani sullo sfondo! Qui sotto si vede l'ingresso dei dadi, con l'orco di vedetta...
... e qui l'uscita, direttamente nel fossato.
La colorazione del pantano si ottiene con un fondo verde scuro, coperto nella parte centrale da una passata di blu prima che il colore di fondo asciughi del tutto.  Per entrambi i colori ho utilizzato delle bombolette spray da carrozziere. O…

Dio me l'ha data, guai a chi me la tocca!

Il modello che presento qui è la trasposizione in 3d di un famoso quadro, ritraente Napoleone Bonaparte in vesti imperiali:

Sia il manto di ermellino che i decori del mantello e del tappeto sono dipinti uno ad uno a pennello, mentre il bianco di fondo è lo stesso primer utilizzato per preparare il modello alla colorazione finale.
Attenzione alle lavature in colore nero, che devono essere molto diluite, altrimenti si rischia di formare delle chiazze sulle parti bianche.

L'espressione intensa del viso è esaltata dalle lavature in marrone.
Il figurino è in scala 54 mm, interamente in metallo.

A presto!