Passa ai contenuti principali

Dopo il D-Day

Nei giorni successivi allo sbarco in Normandia, il comando tedesco, mossosi in ritardo, dovette cercare di arginare l'avanzata degli Alleati.
Nella campagna francese, alcuni soldati si muovono verso le posizioni loro assegnate:
Sulla sinistra, vediamo un membro della Feldgendarmerie (polizia militare) che chiede indicazioni ad un suo collega sulla strada da seguire:
Notare la mimetica del motociclista, interamente confezionata con tessuto italiano, requisito dopo l'08 settembre 1943. Sia la casacca che i pantaloni presentano un fondo verde con chiazze marrone-rossicce e ocra. Gli scarponcini bassi hanno preso il posto degli stivali in cuoio.
Il soldato in piedi indossa la Waffenrock (tenuta da combattimento) standard grigioverde, con un telo mimetico sull'elmetto con schema Platanenmuster (fondo marrone e puntini in due toni di verde e due di marrone).
La vista dal retro ci mostra la targa, che identifica la motocicletta (una Zundapp ks750) come appartenente alla polizia militare.
Sull'altro lato del ponte vediamo il mezzo del secondo gendarme, una BMW r/75, mentre sullo sfondo passa il conducente del cavallo che traina l'artiglieria:
Appesi alla cintura del soldato vediamo i porta caricatori per il mitra MP40.
Nonostante l'elevata meccanizzazione, l'esercito tedesco ha continuato a sfruttare ampiamente il traino animale per tutta la durata della seconda guerra mondiale:
Il pezzo d'artiglieria illustrato è un Raketenwerfer 43, conosciuto come Puppchen: un vero e proprio cannone controcarro in miniatura.
Nel carrello ci sono due mine magnetiche ed una valigetta porta granate.
Chiude il corteo un soldato con una vistosa fasciatura sulla testa, che indossa la casacca mimetica Platanenmuster sulla divisa da combattimento e porta a tracolla il fucile Karabiner 98k.

Tutti i figurini sono in plastica, in scala 1.35, prodotti dalla Tamiya e dalla Dragon.
Le fasce di cuoio che reggono le armi portate a spalla dai soldati e le briglie del cavallo sono strisce di carta d'alluminio dipinte in marrone rossiccio.
L'effetto polvere è realizzato con alcune passate di colore ocra a pennello asciutto.
Il brecciolino e l'erba da presepe sono stai incollati alla base con del vinavil.

Per una rassegna di film di guerra cliccate qui.

A presto!

Commenti

Blogger ha detto…
Quantum Binary Signals

Get professional trading signals sent to your cell phone daily.

Follow our signals today and gain up to 270% per day.

Post popolari in questo blog

Il Samurai d'acciaio (IJN Akagi)

Progettata come incrociatore e convertita in portaerei in corso d'opera, la Akagi (in giapponese: castello rosso, dal nome di un vulcano del Kanto) entrò in linea prima dello scoppio della seconda guerra mondiale:
Sottoposta a vari ammodernamenti, la nave prese parte all'attacco a Pearl Harbor del 07.12.1941.
Nella foto seguente si vede bene il fumaiolo, piegato in basso e all'esterno, perchè il fumo non invadesse il ponte di volo:
Un primo piano del ponte con l'elevatore di prua in evidenza:
Dati tecnici: dislocamento: 42000 t; lunghezza: 260,68 m; larghezza: 31,32 m; equipaggio: 2000.
Fu affondata dagli aerosiluranti americani durante la battaglia delle Midway.
Il modello è della Hasegawa, in scala 1.350. Molti i pezzi da assemblare, con un buon dettaglio generale; scafo dipinto a spruzzo, usando la carta gommata per le mascherature.
Il ponte di volo presenta alcune linee da dipingere a mano, data l'assenza delle decals.

Per una rassegna di film di guerra cliccat…

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…

Disarmato in battaglia (EA-6B Prowler)

Il velivolo EA-6B Prowler (Predatore) è un quadriposto da guerra elettronica prodotto dalla ditta Grumman.
L'aereo deriva dall'A-6 Intruder, aereo da appoggio tattico: le maggiori differenze sono l'aggiunta di un bulbo contenente apparati elettronici sulla sommità della deriva e di due sedili aggiuntivi per gli operatori ai sistemi. All'esterno trovano posto fino a 5 gondole ECM; nel modello illustrato due di esse sono state sostituite da serbatoi sganciabili, che ne allungano il raggio d'azione.
In occasione di missioni di soppressione dei radar nemici, il Prowler può essere equipaggiato con missili antiradar AGM-88 Harpoon (peraltro non previsti nella versione in esame, ma solo nelle successive). Il perspex che compone il tettuccio è ricoperto di una sottilissma foglia di oro, volta a bloccare l'ingresso di radiazioni dannose provenienti dalle apparecchiature di disturbo elettronico.
L'aereo ha un peso massimo al decollo di 27.900 kg ed è capace di una ve…