Passa ai contenuti principali

Dopo il D-Day

Nei giorni successivi allo sbarco in Normandia, il comando tedesco, mossosi in ritardo, dovette cercare di arginare l'avanzata degli Alleati.
Nella campagna francese, alcuni soldati si muovono verso le posizioni loro assegnate:
Sulla sinistra, vediamo un membro della Feldgendarmerie (polizia militare) che chiede indicazioni ad un suo collega sulla strada da seguire:
Notare la mimetica del motociclista, interamente confezionata con tessuto italiano, requisito dopo l'08 settembre 1943. Sia la casacca che i pantaloni presentano un fondo verde con chiazze marrone-rossicce e ocra. Gli scarponcini bassi hanno preso il posto degli stivali in cuoio.
Il soldato in piedi indossa la Waffenrock (tenuta da combattimento) standard grigioverde, con un telo mimetico sull'elmetto con schema Platanenmuster (fondo marrone e puntini in due toni di verde e due di marrone).
La vista dal retro ci mostra la targa, che identifica la motocicletta (una Zundapp ks750) come appartenente alla polizia militare.
Sull'altro lato del ponte vediamo il mezzo del secondo gendarme, una BMW r/75, mentre sullo sfondo passa il conducente del cavallo che traina l'artiglieria:
Appesi alla cintura del soldato vediamo i porta caricatori per il mitra MP40.
Nonostante l'elevata meccanizzazione, l'esercito tedesco ha continuato a sfruttare ampiamente il traino animale per tutta la durata della seconda guerra mondiale:
Il pezzo d'artiglieria illustrato è un Raketenwerfer 43, conosciuto come Puppchen: un vero e proprio cannone controcarro in miniatura.
Nel carrello ci sono due mine magnetiche ed una valigetta porta granate.
Chiude il corteo un soldato con una vistosa fasciatura sulla testa, che indossa la casacca mimetica Platanenmuster sulla divisa da combattimento e porta a tracolla il fucile Karabiner 98k.

Tutti i figurini sono in plastica, in scala 1.35, prodotti dalla Tamiya e dalla Dragon.
Le fasce di cuoio che reggono le armi portate a spalla dai soldati e le briglie del cavallo sono strisce di carta d'alluminio dipinte in marrone rossiccio.
L'effetto polvere è realizzato con alcune passate di colore ocra a pennello asciutto.
Il brecciolino e l'erba da presepe sono stai incollati alla base con del vinavil.

Per una rassegna di film di guerra cliccate qui.

A presto!

Commenti

Blogger ha detto…
Quantum Binary Signals

Get professional trading signals sent to your cell phone daily.

Follow our signals today and gain up to 270% per day.

Post popolari in questo blog

Castello lancia dadi

Avendo a disposizione un castello in plastica della MiniArt in scala 1/72, ho deciso di sviluppare un progetto più ambizioso della semplice costruzione della solita fortificazione a pianta quadrata:
Ho modificato le mura con il taglierino per allargare l'angolo di contatto tra le parti, inoltre ho sopraelevato il tutto ad altezze differenti inserendo dei pezzi di legno al di sotto di ogni torre.
Il risultato è una struttura a spirale discendente:
I vuoti sono stati riempiti con schiuma di poliuretano e pezzi di polistirolo, in seguito ricoperti con bende gessate.
Un'ulteriore particolarità del diorama è che ogni torre è utilizzabile come lancia dadi, con i punti di raccolta perfettamente integrati nel paesaggio:
La base in legno è delle dimensioni di 56x36 cm e l'intero diorama è stato dipinto con vernice acrilica spray, tranne le porte e il sentiero, che sono stati realizzati a pennello.
Piccole quantità di erba da presepe sono state incollate con la colla vinilica Vina…

Il ponte di Remagen

Titolo originale: The bridge at Remagen
Anno: 1969
Regia: John Guillermin
Interpreti: George Segal, Ben Gazzara, Robert Vaughn, E.G. Marshall
Trama: Durante la seconda guerra mondiale, l’avanzata degli americani verso il cuore della Germania arriva al Reno. L’esercito tedesco in ritirata ha distrutto tutti i ponti per rallentare gli Alleati, ma quello presso la città di Remagen è ancora in piedi e sarà lo scenario di una battaglia feroce tra i soldati americani che tenteranno di attraversarlo e i militari tedeschi che proveranno a distruggerlo con tutti i mezzi.
Il film si discosta in alcuni episodi secondari dalla cronaca storica della battaglia realmente avvenuta. Buona la ricostruzione di armi ed equipaggiamenti, con personaggi un po’ stereotipati, come era tipico del cinema degli anni ’60; nonostante questo, però, la storia evidenzia comunque come il passaggio del ponte sia stato dovuto più ad un errore da parte dei tedeschi che ad un’effettiva superiorità tattica degli Alleati. Pec…

Tu non puoi passare!

Nelle miniere di Moria si svolge uno scontro epocale.
Per favorire la fuga dei suoi compagni, Gandalf affronta un Balrog: un orrore delle profondità della terra, portato alla luce dalla cupidigia dei Nani, che hanno scavato troppo in profondità alla ricerca di mithril.
Un ponte di pietra sospeso su un abisso senza fondo è il palcoscenico del confronto:



Gandalf si erge coraggiosamente a fronteggiare il mostro, che avanza brandendo una spada di fuoco.
Al termine della lotta, il mago sprofonda nelle viscere della terra assieme al suo antagonista, ma chissà che questa per lui non sia la fine, ma un nuovo inizio...
Il figurino di Gandalf è in metallo (28mm); la veste è in grigio scuro con lavature in nero e lumeggiature a pennello asciutto in 2 tonalità di grigio più chiaro; i capelli sono dipinti in grigio e lumeggiati con più passate di bianco a pennello asciutto.
Il Balrog è in plastica ed al nero di fondo è stata applicata una lavatura di rosso per ottenere l'effetto "lava"…