Passa ai contenuti principali

L'Arcadia della mia giovinezza


Titolo originale: Waga seishun no Arcadia

Anno: 1982

Regia: Tomoharu Katsumata

Autore originale: Leiji Matsumoto

Trama:
Il popolo alieno degli Illumidas attacca la Federazione Terrestre, che capitola al termine di una guerra sanguinosa. Il capitano Harlock, comandante dell’astronave Ombra di Morte, riceve l’ordine di rientro sulla Terra e danneggia irreparabilmente la sua nave nell’atterraggio, per evitare che cada in mani nemiche. Rifiutata ogni collaborazione con il governo fantoccio istituito dagli occupanti, Harlock si reca in un locale per mangiare. Qui conosce Tochiro, ed entrambi vengono coinvolti in una rissa che porta al loro arresto. Durante l’analisi genetica cui i due vengono sottoposti si scopre che i loro antenati si erano conosciuti al termine della seconda guerra mondiale ed erano diventati grandi amici. Una volta rilasciati, Tochiro mostra ad Harlock la poderosa astronave che ha costruito in segreto; i due la battezzeranno Arcadia, decidendo di utilizzarla per riunire tutti coloro che non vogliono sottomettersi agli oppressori e preferiscono vivere liberi nello spazio.

Il grandioso lungometraggio con cui inizia la saga del Pirata dello spazio è un manifesto contro la guerra e l’oppressione, in cui Matsumoto riversa tutta l’amarezza per un’umanità da lui vista non più all’altezza dei propri avi. Nell’edizione italiana, il finale con il decollo dell’Arcadia è sottolineato dal tema della serie tv: una scelta geniale, che commuove inevitabilmente chi è cresciuto vedendo le puntate originali in televisione.
A presto!

Commenti

Fed Zeppelin ha detto…
ai tempi, quando mi avevi preannunciato che mi sarei commossa sul finale ci ho riso sopra, poi, ovviamente, guardando il finale, mi sono commossa!

Post popolari in questo blog

Gouged Eye blood bowl team

La squadra dei Gouged Eye è pronta a scendere in campo:
vediamo alcuni dei ruoli, di seguito il Thrower e un Goblin:

qui il Blocker e il Blitzer:

due linemen:

e, per finire, il Troll:


Tutti i figurini, tranne il Goblin, sono in plastica, prodotti dalla Games Workshop in scala 28mm.
Ho lavorato con i colori Citadel su un fondo primer colorato della stessa marca, usando il blu per il troll e il bianco per tutti gli altri.
La base è stata decorata con colla vinilica e erba elettrostatica.

A presto!

Panzer VI b - Tigre reale

Prodotto tra il 1944 ed il 1945, il Tigre II (o Tigre B - Sd. Kfz.182) fu la risposta alle richieste del comando tedesco per un carro armato superpesante.
Le foto, scattate nel museo dei corazzati di Bovington (UK), mostrano le due versioni del mezzo in esame.
Le prime due riguardano un esemplare con torretta Porsche e mimetizzazione a 3 toni (giallo-ocra, verde, rosso-marrone).
Dopo solo 50 mezzi prodotti, si decise di cambiare il disegno della torretta in favore di quella progettata dalla Henschel, poichè si temeva che la curvatura inferiore del mantelletto potesse deviare i colpi in arrivo verso la corazza superiore (più sottile) del mezzo. Nella foto seguente si vede un modello dotato della nuova torretta e coperto di zimmerit.
Lo zimmerit era una pasta antimagnetica composta da solfato di bario (40%), polivinilacetato (PVA) per il 25%, pigmento ocra (15%), segatura (10%) e solfito di zinco per il restante 10%, che aveva lo scopo di impedire alle mine magnetiche di aderire al mezz…

Boeing 737-800

La serie 737 rappresenta il più diffuso tipo di aereo passeggeri per tratte medio-brevi in servizio su scala mondiale. La prima serie (737-100) è entrata in produzione nel 1967.
Nelle foto vediamo un modello 737-800 di proprietà della Ryanair, che dispone di circa 300 aerei di questo tipo. Il 737-800 appartiene alla cosiddetta "Next Generation", varata nel 1996, che prevede velivoli più grandi, meno rumorosi e con maggiore ottimizzazione del carburante.
Il velivolo, del costo di 80.8 milioni di dollari americani, è in grado di accogliere fino a 189 passeggeri.
Modello in plastica in scala 1/144 della Revell, interamente dipinto con vernice spray, a parte la linea gialla che si può realizzare a pennello o con un pennarello a vernice.
Buoni gli incastri ed ottime le decals, che offrono la possibilità di realizzare sia la vecchia livrea Ryanair, che quella illustrata, di nuovo tipo.
Il braccio che sostiene l'aereo è un attaccapanni da muro in plastica, forato e fissato al …