Passa ai contenuti principali

Ran


Titolo originale: Ran (Caos)

Anno: 1985

Regia: Akira Kurosawa

Interpreti: Tatsuya Nakadai, Akira Terao, Jimpachi Nezu, Dainsuke Ryu

Trama:
Il vecchio feudatario Hidetora decide di dividere i suoi possedimenti, donandoli ai suoi tre figli mentre è ancora in vita, ritirandosi così dall’esercizio attivo del potere. Il figlio più giovane, Saburo, ne critica apertamente la scelta e viene scacciato con tutto il suo seguito dai possedimenti paterni. I due figli più grandi dapprima ospitano e poi scacciano il padre dai propri castelli, quindi, temendone la rappresaglia, uniscono le loro forze ed espugnano la fortezza in cui Hidetora si era rinchiuso. Durante la battaglia il primogenito (Taro) viene fatto uccidere dal fratello (Jiro). Il vecchio genitore non regge al dolore ed impazzisce. Accompagnato solo dal suo consigliere e dal buffone di corte, abbandona le macerie del castello e si incammina senza meta, fino ad arrivare ad una capanna in cui incontra il fratello della moglie di Jiro, accecato tempo prima dallo stesso Hidetora, che ne aveva sconfitto il padre in battaglia. Appresa la verità, il trio si incammina di nuovo ed il vecchio prosegue la sua discesa nella follia. Saburo, aiutato da Fujimaki, il feudatario che lo aveva accolto, torna con un esercito a cercare il padre, con il quale infine si riunisce, ma viene ucciso durante la battaglia contro l’esercito di Jiro. Hidetora, stremato, muore. Il film si chiude con l’assedio del castello di Jiro da parte di Fujimaki e con la morte della moglie di Jiro per mano dei sicari della moglie di Taro. Resta vivo solo il fratello cieco della donna, seduto sulle macerie del castello di Hidetora.

Parabola sull’ingratitudine umana, il film ricalca il Re Lear di Shakespeare, partendo da un fatto storico realmente accaduto in Giappone, che però ebbe lieto fine, in quanto i figli del feudatario che aveva diviso il proprio patrimonio collaborarono prosperando. Resta centrale il tema del Karma che vendica le azioni malvagie degli uomini gettandoli in disgrazia. La scena dell’assalto al castello di Hidetora è una delle più intense e coinvolgenti della storia del cinema e presenta la caratteristica unica di avere musica classica al posto del normale sonoro.

Nella foto: un samurai arciere.

A presto! 

Commenti

Fed Zeppelin ha detto…
non l'ho ancora visto, ma mi riprometto di farlo prima o poi ^^
luca tempesta ha detto…
è bellissimo. un pò lento, ma davvero epico!
Blogger ha detto…
FreedomPop is the #1 COMPLETELY FREE mobile phone provider.

Voice, text and data plans always start at £0.00/month.

Post popolari in questo blog

Il Samurai d'acciaio (IJN Akagi)

Progettata come incrociatore e convertita in portaerei in corso d'opera, la Akagi (in giapponese: castello rosso, dal nome di un vulcano del Kanto) entrò in linea prima dello scoppio della seconda guerra mondiale:
Sottoposta a vari ammodernamenti, la nave prese parte all'attacco a Pearl Harbor del 07.12.1941.
Nella foto seguente si vede bene il fumaiolo, piegato in basso e all'esterno, perchè il fumo non invadesse il ponte di volo:
Un primo piano del ponte con l'elevatore di prua in evidenza:
Dati tecnici: dislocamento: 42000 t; lunghezza: 260,68 m; larghezza: 31,32 m; equipaggio: 2000.
Fu affondata dagli aerosiluranti americani durante la battaglia delle Midway.
Il modello è della Hasegawa, in scala 1.350. Molti i pezzi da assemblare, con un buon dettaglio generale; scafo dipinto a spruzzo, usando la carta gommata per le mascherature.
Il ponte di volo presenta alcune linee da dipingere a mano, data l'assenza delle decals.

Per una rassegna di film di guerra cliccat…

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…

Disarmato in battaglia (EA-6B Prowler)

Il velivolo EA-6B Prowler (Predatore) è un quadriposto da guerra elettronica prodotto dalla ditta Grumman.
L'aereo deriva dall'A-6 Intruder, aereo da appoggio tattico: le maggiori differenze sono l'aggiunta di un bulbo contenente apparati elettronici sulla sommità della deriva e di due sedili aggiuntivi per gli operatori ai sistemi. All'esterno trovano posto fino a 5 gondole ECM; nel modello illustrato due di esse sono state sostituite da serbatoi sganciabili, che ne allungano il raggio d'azione.
In occasione di missioni di soppressione dei radar nemici, il Prowler può essere equipaggiato con missili antiradar AGM-88 Harpoon (peraltro non previsti nella versione in esame, ma solo nelle successive). Il perspex che compone il tettuccio è ricoperto di una sottilissma foglia di oro, volta a bloccare l'ingresso di radiazioni dannose provenienti dalle apparecchiature di disturbo elettronico.
L'aereo ha un peso massimo al decollo di 27.900 kg ed è capace di una ve…