Passa ai contenuti principali

In nomine Imperatoris (1/4)

Nel XLI millennio l'Impero dell'Uomo si estende su molti pianeti della galassia, ma molti sono i nemici che ne insidiano il predominio. In una lotta senza quartiere, forze aliene ed eretici rinnegati tentano di abbattere il potere dell'Imperatore-Dio:
Qui vediamo come un gruppo di Space Marines, coadiuvati dalle Sorelle Guerriere, tenti di ricacciare indietro l'orda di demoni massacratori evocati da un condottiero di Khorne.
Una città imperiale, un tempo grandiosa, è ora ridotta in macerie:
Gli scontri sono feroci e senza esclusione di colpi; qui vediamo un gruppo di marines che avanza con l'appoggio di un carrarmato Predator:
Il fasto dell'Imperium è ancora visibile tra le macerie...
Un cingolato da trasporto truppe delle Sorelle Guerriere si fa strada verso il nemico, grazie al doppio lanciafiamme pesante di cui è dotato:
Dietro ogni angolo si nasconde un nemico, e nessuna delle due parti è disposta a prendere prigionieri...

Il diorama warhammer 40k (in scala 28mm) si sviluppa su una mensola di legno di 100x60 cm, che ho ricoperto di carta vetrata grana 120 per riprodurre il manto stradale. Gli edifici fanno parte del settore imperiale della Games Workshop, con l'aggiunta di un secondo kit della Basilica Administratum, in modo da ottenere un complesso centrale più ampio e maestoso.
Le macerie sono realizzate con vero cemento in polvere, preparato con acqua e steso ad asciugare in strati sottili su fogli di plastica; una volta solidificato il composto, ho piegato i fogli, spezzando il cemento. Dopo aver incollato i pezzi sul diorama, li ho verniciati a spruzzo, coerentemente ai colori degli edifici interessati.
L'aggiunta di un pò di brecciolina e una spennellata generale di malta grigia in polvere ha conferito l'aspetto finale.
Lo specchio sul fondo è in plastica ed è parte integrante della copertura in plexiglass.

Leggi il seguito...

Per una rassegna di film di fantascienza cliccate qui.
A presto!

Commenti

Luca Sabatino ha detto…
Bel lavoro!!!
Anonimo ha detto…
Ciao luca sono simone da medicina..che dire ..no spettacolo!!
luca tempesta ha detto…
grazie infinite!
Morikun ha detto…
What an awesome wargaming terrain Oo

I wish I could have a place to build something about this one day... TT

Absolutely flabbergasted ^^
luca tempesta ha detto…
many thanks, Morikun!
your opinion is important to me.
bye
Blogger ha detto…
New Diet Taps into Revolutionary Plan to Help Dieters Lose 15 Pounds within Just 21 Days!

Post popolari in questo blog

Il Samurai d'acciaio (IJN Akagi)

Progettata come incrociatore e convertita in portaerei in corso d'opera, la Akagi (in giapponese: castello rosso, dal nome di un vulcano del Kanto) entrò in linea prima dello scoppio della seconda guerra mondiale:
Sottoposta a vari ammodernamenti, la nave prese parte all'attacco a Pearl Harbor del 07.12.1941.
Nella foto seguente si vede bene il fumaiolo, piegato in basso e all'esterno, perchè il fumo non invadesse il ponte di volo:
Un primo piano del ponte con l'elevatore di prua in evidenza:
Dati tecnici: dislocamento: 42000 t; lunghezza: 260,68 m; larghezza: 31,32 m; equipaggio: 2000.
Fu affondata dagli aerosiluranti americani durante la battaglia delle Midway.
Il modello è della Hasegawa, in scala 1.350. Molti i pezzi da assemblare, con un buon dettaglio generale; scafo dipinto a spruzzo, usando la carta gommata per le mascherature.
Il ponte di volo presenta alcune linee da dipingere a mano, data l'assenza delle decals.

Per una rassegna di film di guerra cliccat…

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…

Disarmato in battaglia (EA-6B Prowler)

Il velivolo EA-6B Prowler (Predatore) è un quadriposto da guerra elettronica prodotto dalla ditta Grumman.
L'aereo deriva dall'A-6 Intruder, aereo da appoggio tattico: le maggiori differenze sono l'aggiunta di un bulbo contenente apparati elettronici sulla sommità della deriva e di due sedili aggiuntivi per gli operatori ai sistemi. All'esterno trovano posto fino a 5 gondole ECM; nel modello illustrato due di esse sono state sostituite da serbatoi sganciabili, che ne allungano il raggio d'azione.
In occasione di missioni di soppressione dei radar nemici, il Prowler può essere equipaggiato con missili antiradar AGM-88 Harpoon (peraltro non previsti nella versione in esame, ma solo nelle successive). Il perspex che compone il tettuccio è ricoperto di una sottilissma foglia di oro, volta a bloccare l'ingresso di radiazioni dannose provenienti dalle apparecchiature di disturbo elettronico.
L'aereo ha un peso massimo al decollo di 27.900 kg ed è capace di una ve…