Passa ai contenuti principali

In nomine Imperatoris (1/4)

Nel XLI millennio l'Impero dell'Uomo si estende su molti pianeti della galassia, ma molti sono i nemici che ne insidiano il predominio. In una lotta senza quartiere, forze aliene ed eretici rinnegati tentano di abbattere il potere dell'Imperatore-Dio:
Qui vediamo come un gruppo di Space Marines, coadiuvati dalle Sorelle Guerriere, tenti di ricacciare indietro l'orda di demoni massacratori evocati da un condottiero di Khorne.
Una città imperiale, un tempo grandiosa, è ora ridotta in macerie:
Gli scontri sono feroci e senza esclusione di colpi; qui vediamo un gruppo di marines che avanza con l'appoggio di un carrarmato Predator:
Il fasto dell'Imperium è ancora visibile tra le macerie...
Un cingolato da trasporto truppe delle Sorelle Guerriere si fa strada verso il nemico, grazie al doppio lanciafiamme pesante di cui è dotato:
Dietro ogni angolo si nasconde un nemico, e nessuna delle due parti è disposta a prendere prigionieri...

Il diorama warhammer 40k (in scala 28mm) si sviluppa su una mensola di legno di 100x60 cm, che ho ricoperto di carta vetrata grana 120 per riprodurre il manto stradale. Gli edifici fanno parte del settore imperiale della Games Workshop, con l'aggiunta di un secondo kit della Basilica Administratum, in modo da ottenere un complesso centrale più ampio e maestoso.
Le macerie sono realizzate con vero cemento in polvere, preparato con acqua e steso ad asciugare in strati sottili su fogli di plastica; una volta solidificato il composto, ho piegato i fogli, spezzando il cemento. Dopo aver incollato i pezzi sul diorama, li ho verniciati a spruzzo, coerentemente ai colori degli edifici interessati.
L'aggiunta di un pò di brecciolina e una spennellata generale di malta grigia in polvere ha conferito l'aspetto finale.
Lo specchio sul fondo è in plastica ed è parte integrante della copertura in plexiglass.

Leggi il seguito...

Per una rassegna di film di fantascienza cliccate qui.
A presto!

Commenti

Luca Sabatino ha detto…
Bel lavoro!!!
Anonimo ha detto…
Ciao luca sono simone da medicina..che dire ..no spettacolo!!
luca tempesta ha detto…
grazie infinite!
Morikun ha detto…
What an awesome wargaming terrain Oo

I wish I could have a place to build something about this one day... TT

Absolutely flabbergasted ^^
luca tempesta ha detto…
many thanks, Morikun!
your opinion is important to me.
bye
Blogger ha detto…
New Diet Taps into Revolutionary Plan to Help Dieters Lose 15 Pounds within Just 21 Days!

Post popolari in questo blog

Gouged Eye blood bowl team

La squadra dei Gouged Eye è pronta a scendere in campo:
vediamo alcuni dei ruoli, di seguito il Thrower e un Goblin:

qui il Blocker e il Blitzer:

due linemen:

e, per finire, il Troll:


Tutti i figurini, tranne il Goblin, sono in plastica, prodotti dalla Games Workshop in scala 28mm.
Ho lavorato con i colori Citadel su un fondo primer colorato della stessa marca, usando il blu per il troll e il bianco per tutti gli altri.
La base è stata decorata con colla vinilica e erba elettrostatica.

A presto!

Panzer VI b - Tigre reale

Prodotto tra il 1944 ed il 1945, il Tigre II (o Tigre B - Sd. Kfz.182) fu la risposta alle richieste del comando tedesco per un carro armato superpesante.
Le foto, scattate nel museo dei corazzati di Bovington (UK), mostrano le due versioni del mezzo in esame.
Le prime due riguardano un esemplare con torretta Porsche e mimetizzazione a 3 toni (giallo-ocra, verde, rosso-marrone).
Dopo solo 50 mezzi prodotti, si decise di cambiare il disegno della torretta in favore di quella progettata dalla Henschel, poichè si temeva che la curvatura inferiore del mantelletto potesse deviare i colpi in arrivo verso la corazza superiore (più sottile) del mezzo. Nella foto seguente si vede un modello dotato della nuova torretta e coperto di zimmerit.
Lo zimmerit era una pasta antimagnetica composta da solfato di bario (40%), polivinilacetato (PVA) per il 25%, pigmento ocra (15%), segatura (10%) e solfito di zinco per il restante 10%, che aveva lo scopo di impedire alle mine magnetiche di aderire al mezz…

Boeing 737-800

La serie 737 rappresenta il più diffuso tipo di aereo passeggeri per tratte medio-brevi in servizio su scala mondiale. La prima serie (737-100) è entrata in produzione nel 1967.
Nelle foto vediamo un modello 737-800 di proprietà della Ryanair, che dispone di circa 300 aerei di questo tipo. Il 737-800 appartiene alla cosiddetta "Next Generation", varata nel 1996, che prevede velivoli più grandi, meno rumorosi e con maggiore ottimizzazione del carburante.
Il velivolo, del costo di 80.8 milioni di dollari americani, è in grado di accogliere fino a 189 passeggeri.
Modello in plastica in scala 1/144 della Revell, interamente dipinto con vernice spray, a parte la linea gialla che si può realizzare a pennello o con un pennarello a vernice.
Buoni gli incastri ed ottime le decals, che offrono la possibilità di realizzare sia la vecchia livrea Ryanair, che quella illustrata, di nuovo tipo.
Il braccio che sostiene l'aereo è un attaccapanni da muro in plastica, forato e fissato al …