Passa ai contenuti principali

Pennelli & co.

Strumento principale dell'arte modellistica è il pennello. Ne esistono di mille forme, dimensioni e prezzi.
Di seguito vediamo i modelli base:
Sulla sinistra troviamo i pennelli tondi, i cui modelli più piccoli (misura 000 e 00) sono indispensabili per la realizzazione dei particolari. I pennelli più grandi possono essere usati per il drybrush su grandi superfici. Sulla destra vediamo i pennelli a testa piatta, utili per la colorazione di aree più grandi, come la divisa di un figurino o la corazza di un carrarmato; sono utili anche per stendere le lavature.
Sull'estrema destra vediamo un pennello con setole a zoccolo, specifico per l'applicazione dello stippling, ovvero la punteggiatura della vernice, che si può ottenere anche con le spugnette da decoupage, come quelle che vediamo di seguito:
Di seguito i pennelli a ventaglio:
Si utilizzano principalmente per l'invecchiamento dei mezzi, poichè sono molto pratici per stendere le polveri di gesso, malta, pastello e perfino caffè macinato, che riproduce benissimo il colore del terriccio.
Nella foto seguente, i pennelli con la testa di silicone:
Non sono pennelli in senso stretto, ma si usano praticamente nello stesso modo. Servono per modellare stucco e Das, consentendo anche di applicare questi materiali nelle fessure più piccole.

I pennelli migliori in commercio sono quelli in pelo di Martora, ma possono costare anche 4 volte di più rispetto a quelli in setola artificiale. Personalmente, preferisco usarne di economici, poichè, se ben trattati, resistono abbastanza da giustificarne la minore qualità rispetto ai modelli più costosi, inoltre si può usarli senza problemi per il drybrush, tecnica notoriamente distruttiva per i pennelli. Per la manutenzione, se si usano i colori acrilici, è sufficiente sciacquare bene i pennelli con semplice acqua, riavviarne i peli nella giusta direzione con le dita e lasciarli asciugare in posizione verticale, senza premere sulla punta.

Per tutto ciò che non trovate in questa categoria di post, vi rimando alle spigolature.
A presto!

Commenti

ale ha detto…
..questo post piacerebbe molto a massi!
(p.s. sò tornataaaaaa!!!)
Morikun ha detto…
What a beautiful collection of pincels Oo

I hope I could have one like it TT

Now I know one secret of your skills Maestro Luca ^^
luca tempesta ha detto…
many thanks, Morikun!
all my "secrets" are at your disposal!
bye
Blogger ha detto…
FreedomPop is Britian's #1 ABSOLUTELY FREE mobile communications provider.

With voice, text and data plans starting at £0.00/month.

Post popolari in questo blog

Il Samurai d'acciaio (IJN Akagi)

Progettata come incrociatore e convertita in portaerei in corso d'opera, la Akagi (in giapponese: castello rosso, dal nome di un vulcano del Kanto) entrò in linea prima dello scoppio della seconda guerra mondiale:
Sottoposta a vari ammodernamenti, la nave prese parte all'attacco a Pearl Harbor del 07.12.1941.
Nella foto seguente si vede bene il fumaiolo, piegato in basso e all'esterno, perchè il fumo non invadesse il ponte di volo:
Un primo piano del ponte con l'elevatore di prua in evidenza:
Dati tecnici: dislocamento: 42000 t; lunghezza: 260,68 m; larghezza: 31,32 m; equipaggio: 2000.
Fu affondata dagli aerosiluranti americani durante la battaglia delle Midway.
Il modello è della Hasegawa, in scala 1.350. Molti i pezzi da assemblare, con un buon dettaglio generale; scafo dipinto a spruzzo, usando la carta gommata per le mascherature.
Il ponte di volo presenta alcune linee da dipingere a mano, data l'assenza delle decals.

Per una rassegna di film di guerra cliccat…

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…

Disarmato in battaglia (EA-6B Prowler)

Il velivolo EA-6B Prowler (Predatore) è un quadriposto da guerra elettronica prodotto dalla ditta Grumman.
L'aereo deriva dall'A-6 Intruder, aereo da appoggio tattico: le maggiori differenze sono l'aggiunta di un bulbo contenente apparati elettronici sulla sommità della deriva e di due sedili aggiuntivi per gli operatori ai sistemi. All'esterno trovano posto fino a 5 gondole ECM; nel modello illustrato due di esse sono state sostituite da serbatoi sganciabili, che ne allungano il raggio d'azione.
In occasione di missioni di soppressione dei radar nemici, il Prowler può essere equipaggiato con missili antiradar AGM-88 Harpoon (peraltro non previsti nella versione in esame, ma solo nelle successive). Il perspex che compone il tettuccio è ricoperto di una sottilissma foglia di oro, volta a bloccare l'ingresso di radiazioni dannose provenienti dalle apparecchiature di disturbo elettronico.
L'aereo ha un peso massimo al decollo di 27.900 kg ed è capace di una ve…