Passa ai contenuti principali

Pennelli & co.

Strumento principale dell'arte modellistica è il pennello. Ne esistono di mille forme, dimensioni e prezzi.
Di seguito vediamo i modelli base:
Sulla sinistra troviamo i pennelli tondi, i cui modelli più piccoli (misura 000 e 00) sono indispensabili per la realizzazione dei particolari. I pennelli più grandi possono essere usati per il drybrush su grandi superfici. Sulla destra vediamo i pennelli a testa piatta, utili per la colorazione di aree più grandi, come la divisa di un figurino o la corazza di un carrarmato; sono utili anche per stendere le lavature.
Sull'estrema destra vediamo un pennello con setole a zoccolo, specifico per l'applicazione dello stippling, ovvero la punteggiatura della vernice, che si può ottenere anche con le spugnette da decoupage, come quelle che vediamo di seguito:
Di seguito i pennelli a ventaglio:
Si utilizzano principalmente per l'invecchiamento dei mezzi, poichè sono molto pratici per stendere le polveri di gesso, malta, pastello e perfino caffè macinato, che riproduce benissimo il colore del terriccio.
Nella foto seguente, i pennelli con la testa di silicone:
Non sono pennelli in senso stretto, ma si usano praticamente nello stesso modo. Servono per modellare stucco e Das, consentendo anche di applicare questi materiali nelle fessure più piccole.

I pennelli migliori in commercio sono quelli in pelo di Martora, ma possono costare anche 4 volte di più rispetto a quelli in setola artificiale. Personalmente, preferisco usarne di economici, poichè, se ben trattati, resistono abbastanza da giustificarne la minore qualità rispetto ai modelli più costosi, inoltre si può usarli senza problemi per il drybrush, tecnica notoriamente distruttiva per i pennelli. Per la manutenzione, se si usano i colori acrilici, è sufficiente sciacquare bene i pennelli con semplice acqua, riavviarne i peli nella giusta direzione con le dita e lasciarli asciugare in posizione verticale, senza premere sulla punta.

Per tutto ciò che non trovate in questa categoria di post, vi rimando alle spigolature.
A presto!

Commenti

ale ha detto…
..questo post piacerebbe molto a massi!
(p.s. sò tornataaaaaa!!!)
Morikun ha detto…
What a beautiful collection of pincels Oo

I hope I could have one like it TT

Now I know one secret of your skills Maestro Luca ^^
luca tempesta ha detto…
many thanks, Morikun!
all my "secrets" are at your disposal!
bye
Blogger ha detto…
FreedomPop is Britian's #1 ABSOLUTELY FREE mobile communications provider.

With voice, text and data plans starting at £0.00/month.

Post popolari in questo blog

Gouged Eye blood bowl team

La squadra dei Gouged Eye è pronta a scendere in campo:
vediamo alcuni dei ruoli, di seguito il Thrower e un Goblin:

qui il Blocker e il Blitzer:

due linemen:

e, per finire, il Troll:


Tutti i figurini, tranne il Goblin, sono in plastica, prodotti dalla Games Workshop in scala 28mm.
Ho lavorato con i colori Citadel su un fondo primer colorato della stessa marca, usando il blu per il troll e il bianco per tutti gli altri.
La base è stata decorata con colla vinilica e erba elettrostatica.

A presto!

Panzer VI b - Tigre reale

Prodotto tra il 1944 ed il 1945, il Tigre II (o Tigre B - Sd. Kfz.182) fu la risposta alle richieste del comando tedesco per un carro armato superpesante.
Le foto, scattate nel museo dei corazzati di Bovington (UK), mostrano le due versioni del mezzo in esame.
Le prime due riguardano un esemplare con torretta Porsche e mimetizzazione a 3 toni (giallo-ocra, verde, rosso-marrone).
Dopo solo 50 mezzi prodotti, si decise di cambiare il disegno della torretta in favore di quella progettata dalla Henschel, poichè si temeva che la curvatura inferiore del mantelletto potesse deviare i colpi in arrivo verso la corazza superiore (più sottile) del mezzo. Nella foto seguente si vede un modello dotato della nuova torretta e coperto di zimmerit.
Lo zimmerit era una pasta antimagnetica composta da solfato di bario (40%), polivinilacetato (PVA) per il 25%, pigmento ocra (15%), segatura (10%) e solfito di zinco per il restante 10%, che aveva lo scopo di impedire alle mine magnetiche di aderire al mezz…

Boeing 737-800

La serie 737 rappresenta il più diffuso tipo di aereo passeggeri per tratte medio-brevi in servizio su scala mondiale. La prima serie (737-100) è entrata in produzione nel 1967.
Nelle foto vediamo un modello 737-800 di proprietà della Ryanair, che dispone di circa 300 aerei di questo tipo. Il 737-800 appartiene alla cosiddetta "Next Generation", varata nel 1996, che prevede velivoli più grandi, meno rumorosi e con maggiore ottimizzazione del carburante.
Il velivolo, del costo di 80.8 milioni di dollari americani, è in grado di accogliere fino a 189 passeggeri.
Modello in plastica in scala 1/144 della Revell, interamente dipinto con vernice spray, a parte la linea gialla che si può realizzare a pennello o con un pennarello a vernice.
Buoni gli incastri ed ottime le decals, che offrono la possibilità di realizzare sia la vecchia livrea Ryanair, che quella illustrata, di nuovo tipo.
Il braccio che sostiene l'aereo è un attaccapanni da muro in plastica, forato e fissato al …