Passa ai contenuti principali

Tora! Tora! Tora!


Titolo originale: Tora! Tora! Tora! (Tigre! Tigre! Tigre!)

Anno: 1970

Regia: Richard Fleischer, Kinji Fukasaku, Toshio Masuda

Interpreti: Martin Balsam, Jason Robards, So Yamamura, Tatsuya Mihashi

Trama:
Alle 07.55 del mattino (ora locale) del 07.12.1941 due ondate di aerei da guerra giapponesi partiti dalle portaerei devastano la base navale americana di Pearl Harbor con due ore di anticipo sulla consegna ufficiale della dichiarazione di guerra. Colti di sorpresa, nonostante i molti indizi delle settimane precedenti, i soldati statunitensi tentano una reazione, ma il colpo è durissimo: si salvano solo le due portaerei, casualmente in mare aperto per un’esercitazione.

Basato sui fatti che causarono l’entrata degli USA nella seconda guerra mondiale, il film riproduce fedelmente l’attacco, senza cadere nello stereotipo del “buoni e cattivi”: il ritardo nella consegna della dichiarazione di guerra da parte dell’ambasciata giapponese fu dovuto al licenziamento, per motivi di segretezza, del personale americano, che comprendeva anche tutte le segretarie; i rilievi fatti dal personale giapponese all’interno della base e le incursioni di alcuni sottomarini-spia furono trascurati dall’intelligence militare; infine, il radar rilevò l’arrivo dei bombardieri giapponesi, che furono però scambiati per alcuni B-17 in volo di trasferimento. Da parte giapponese, si pone in risalto la decisione di non lanciare una terza ondata d’attacco che avrebbe definitivamente raso al suolo la base, come pure la consapevolezza che non aver distrutto le portaerei americane ha limitato grandemente il successo della missione.
Il titolo del film è il segnale radio con cui Mitsuo Fuchida, comandante della prima ondata d'attacco, segnalò l'ottenimento dell'effetto sorpresa.

Nella foto: la portaerei Akagi.

A presto!

Commenti

Post popolari in questo blog

Gouged Eye blood bowl team

La squadra dei Gouged Eye è pronta a scendere in campo:
vediamo alcuni dei ruoli, di seguito il Thrower e un Goblin:

qui il Blocker e il Blitzer:

due linemen:

e, per finire, il Troll:


Tutti i figurini, tranne il Goblin, sono in plastica, prodotti dalla Games Workshop in scala 28mm.
Ho lavorato con i colori Citadel su un fondo primer colorato della stessa marca, usando il blu per il troll e il bianco per tutti gli altri.
La base è stata decorata con colla vinilica e erba elettrostatica.

A presto!

Panzer VI b - Tigre reale

Prodotto tra il 1944 ed il 1945, il Tigre II (o Tigre B - Sd. Kfz.182) fu la risposta alle richieste del comando tedesco per un carro armato superpesante.
Le foto, scattate nel museo dei corazzati di Bovington (UK), mostrano le due versioni del mezzo in esame.
Le prime due riguardano un esemplare con torretta Porsche e mimetizzazione a 3 toni (giallo-ocra, verde, rosso-marrone).
Dopo solo 50 mezzi prodotti, si decise di cambiare il disegno della torretta in favore di quella progettata dalla Henschel, poichè si temeva che la curvatura inferiore del mantelletto potesse deviare i colpi in arrivo verso la corazza superiore (più sottile) del mezzo. Nella foto seguente si vede un modello dotato della nuova torretta e coperto di zimmerit.
Lo zimmerit era una pasta antimagnetica composta da solfato di bario (40%), polivinilacetato (PVA) per il 25%, pigmento ocra (15%), segatura (10%) e solfito di zinco per il restante 10%, che aveva lo scopo di impedire alle mine magnetiche di aderire al mezz…

Boeing 737-800

La serie 737 rappresenta il più diffuso tipo di aereo passeggeri per tratte medio-brevi in servizio su scala mondiale. La prima serie (737-100) è entrata in produzione nel 1967.
Nelle foto vediamo un modello 737-800 di proprietà della Ryanair, che dispone di circa 300 aerei di questo tipo. Il 737-800 appartiene alla cosiddetta "Next Generation", varata nel 1996, che prevede velivoli più grandi, meno rumorosi e con maggiore ottimizzazione del carburante.
Il velivolo, del costo di 80.8 milioni di dollari americani, è in grado di accogliere fino a 189 passeggeri.
Modello in plastica in scala 1/144 della Revell, interamente dipinto con vernice spray, a parte la linea gialla che si può realizzare a pennello o con un pennarello a vernice.
Buoni gli incastri ed ottime le decals, che offrono la possibilità di realizzare sia la vecchia livrea Ryanair, che quella illustrata, di nuovo tipo.
Il braccio che sostiene l'aereo è un attaccapanni da muro in plastica, forato e fissato al …