Passa ai contenuti principali

Dio lo vuole!

L'ordine monastico-militare dei Pauperes commilitones Christi templique Salomonis (Poveri compagni d'arme di Cristo e del tempio di Salomone) venne fondato nel 1118-1119, secondo alcuni su iniziativa di Ugo di Payns, per difendere i pellegrini che si recavano a Gerusalemme dagli attacchi dei predoni.
La regola dell'ordine fu codificata nel 1129 da Bernardo di Chiaravalle.
L'attività dei Templari arrivò anche a coprire la gestione finanziaria dei beni dei pellegrini, che potevano depositare i loro denari in una delle banche gestite dall'ordine in Europa, facendosi rilasciare delle "note di banco" (da cui derivano le banconote odierne), che potevano poi essere di nuovo convertite in moneta presso un'altra filiale in Terrasanta.
L'attività militare dell'ordine si svolse sia in Medio Oriente, contro i musulmani, che nell'est europeo, contro i pagani della Livonia (regione compresa nel territorio delle odierne Repubbliche Baltiche).
Cresciuti in potere e ricchezza, i cavalieri si attirarono le invidie del re di Francia Filippo IV il Bello, che, manovrando papa Clemente V, riuscì a far sciogliere l'ordine nel 1312 e ad imbastire un processo per blasfemia contro i suoi appartenenti, con il risultato di farne condannare molti al rogo (tra cui l'ultimo Gran Maestro, Jacques de Molay) ed incamerarne i beni.
Il figurino mostrato indossa una cotta di maglia coperta dalla tipica tunica bianca con la croce patente rossa, simbolo del sangue versato per la fede (la stessa croce si ritrova come onoreficenza nell'esercito tedesco durante la seconda guerra mondiale).
Lo scudo riproduce il Beauceant, simbolo templare dal dubbio significato (un'interpretazione è quella del dualismo tra Bene e Male, simboleggiati dai colori bianco e nero), spesso riprodotto anche sulle bandiere.

Figurino in metallo della Andrea Miniatures di 65 mm d'altezza, acquistato in edicola come prima uscita di un'opera dedicata ai Templari della Hobby & Work.
Ottimo il dettaglio, imprecisa la colorazione, che ho coperto con un primer spray bianco, su cui ho steso i colori acrilici a pennello. La cotta di maglia è stata realizzata con un drybrush in colore metallico su fondo nero, mentre le pieghe della veste sono state messe in risalto con una lavatura di colore nero (marrone per l'incarnato).
A presto!

Commenti

Simone ha detto…
Ciao, è davvero un blog molto bello..complimenti!! se ti va passa a fare un saluto nel mio blog, te ne sarei grato.
Saluti Simone

Ecco il link
http://simocollection.blogspot.it/

Ti aspetto!!
luca tempesta ha detto…
ti ringrazio dei complimenti.
anche il tuo blog è molto bello ed interessante!

Post popolari in questo blog

Gouged Eye blood bowl team

La squadra dei Gouged Eye è pronta a scendere in campo:
vediamo alcuni dei ruoli, di seguito il Thrower e un Goblin:

qui il Blocker e il Blitzer:

due linemen:

e, per finire, il Troll:


Tutti i figurini, tranne il Goblin, sono in plastica, prodotti dalla Games Workshop in scala 28mm.
Ho lavorato con i colori Citadel su un fondo primer colorato della stessa marca, usando il blu per il troll e il bianco per tutti gli altri.
La base è stata decorata con colla vinilica e erba elettrostatica.

A presto!

Panzer VI b - Tigre reale

Prodotto tra il 1944 ed il 1945, il Tigre II (o Tigre B - Sd. Kfz.182) fu la risposta alle richieste del comando tedesco per un carro armato superpesante.
Le foto, scattate nel museo dei corazzati di Bovington (UK), mostrano le due versioni del mezzo in esame.
Le prime due riguardano un esemplare con torretta Porsche e mimetizzazione a 3 toni (giallo-ocra, verde, rosso-marrone).
Dopo solo 50 mezzi prodotti, si decise di cambiare il disegno della torretta in favore di quella progettata dalla Henschel, poichè si temeva che la curvatura inferiore del mantelletto potesse deviare i colpi in arrivo verso la corazza superiore (più sottile) del mezzo. Nella foto seguente si vede un modello dotato della nuova torretta e coperto di zimmerit.
Lo zimmerit era una pasta antimagnetica composta da solfato di bario (40%), polivinilacetato (PVA) per il 25%, pigmento ocra (15%), segatura (10%) e solfito di zinco per il restante 10%, che aveva lo scopo di impedire alle mine magnetiche di aderire al mezz…

Boeing 737-800

La serie 737 rappresenta il più diffuso tipo di aereo passeggeri per tratte medio-brevi in servizio su scala mondiale. La prima serie (737-100) è entrata in produzione nel 1967.
Nelle foto vediamo un modello 737-800 di proprietà della Ryanair, che dispone di circa 300 aerei di questo tipo. Il 737-800 appartiene alla cosiddetta "Next Generation", varata nel 1996, che prevede velivoli più grandi, meno rumorosi e con maggiore ottimizzazione del carburante.
Il velivolo, del costo di 80.8 milioni di dollari americani, è in grado di accogliere fino a 189 passeggeri.
Modello in plastica in scala 1/144 della Revell, interamente dipinto con vernice spray, a parte la linea gialla che si può realizzare a pennello o con un pennarello a vernice.
Buoni gli incastri ed ottime le decals, che offrono la possibilità di realizzare sia la vecchia livrea Ryanair, che quella illustrata, di nuovo tipo.
Il braccio che sostiene l'aereo è un attaccapanni da muro in plastica, forato e fissato al …