Passa ai contenuti principali

Matilda MKII

Entrato in produzione nel 1938, il Matilda fa parte dei cosiddetti "carri da appoggio per la fanteria", dotati di una spessa corazza, una bassa velocità di punta ed un cannone che utilizza esclusivamente granate a frammentazione anti-personale, poichè non destinato ad ingaggiare i carri avversari.
Il mezzo nella foto, conservato nell'Imperial War Museum (UK), mostra la livrea mimetica da deserto; è, infatti, proprio con l'8° armata britannica che il Matilda raggiunse il limite della sua capacità operativa. Privo di un cannone in grado di sparare granate controcarro, infatti, si rivelò superato nel confronto con i mezzi tedeschi più pesanti, nonostante si fosse dimostrato efficace contro i panzer II e III, che non potevano perforarne la corazzatura. Le sole armi efficaci in mano ai soldati dell'Asse erano il cannone contraereo da 88 mm Flak36 e le granate HEAT in dotazione ai Panzer IV C e D, e al semovente italiano da 75/18.
Interessante il sistema di lancio dei fumogeni illustrato nella foto precedente: si avvale di due congegni di sparo completi prelevati da normali fucili Lee-Enfield, in cui venivano caricati proiettili standard. Il grilletto delle armi veniva azionato dall'interno per mezzo di un filo di ferro che attraversava la torretta. Il particolare meccanismo è installato sul mezzo conservato presso il museo dei corazzati di Bovington (UK).
Di seguito un modellino in scala 1:35.
Dettagli tecnici:
lunghezza: 6 m; larghezza: 2.6 m; altezza: 2.5 m; peso: 27 t; equipaggio: 4; velocità massima: 24 km/h; calibro cannone: 40 mm

Per una guida ad alcuni musei cliccate qui.

A presto!

Commenti

Al ha detto…
Classic!
luca tempesta ha detto…
nice, isn't it?
Gino Patricolo ha detto…
Bel servizio Luca! Il modellino e' delizioso!
luca tempesta ha detto…
Ti ringrazio, Gino, sempre gentilissimo!

Post popolari in questo blog

Gouged Eye blood bowl team

La squadra dei Gouged Eye è pronta a scendere in campo:
vediamo alcuni dei ruoli, di seguito il Thrower e un Goblin:

qui il Blocker e il Blitzer:

due linemen:

e, per finire, il Troll:


Tutti i figurini, tranne il Goblin, sono in plastica, prodotti dalla Games Workshop in scala 28mm.
Ho lavorato con i colori Citadel su un fondo primer colorato della stessa marca, usando il blu per il troll e il bianco per tutti gli altri.
La base è stata decorata con colla vinilica e erba elettrostatica.

A presto!

Panzer VI b - Tigre reale

Prodotto tra il 1944 ed il 1945, il Tigre II (o Tigre B - Sd. Kfz.182) fu la risposta alle richieste del comando tedesco per un carro armato superpesante.
Le foto, scattate nel museo dei corazzati di Bovington (UK), mostrano le due versioni del mezzo in esame.
Le prime due riguardano un esemplare con torretta Porsche e mimetizzazione a 3 toni (giallo-ocra, verde, rosso-marrone).
Dopo solo 50 mezzi prodotti, si decise di cambiare il disegno della torretta in favore di quella progettata dalla Henschel, poichè si temeva che la curvatura inferiore del mantelletto potesse deviare i colpi in arrivo verso la corazza superiore (più sottile) del mezzo. Nella foto seguente si vede un modello dotato della nuova torretta e coperto di zimmerit.
Lo zimmerit era una pasta antimagnetica composta da solfato di bario (40%), polivinilacetato (PVA) per il 25%, pigmento ocra (15%), segatura (10%) e solfito di zinco per il restante 10%, che aveva lo scopo di impedire alle mine magnetiche di aderire al mezz…

Boeing 737-800

La serie 737 rappresenta il più diffuso tipo di aereo passeggeri per tratte medio-brevi in servizio su scala mondiale. La prima serie (737-100) è entrata in produzione nel 1967.
Nelle foto vediamo un modello 737-800 di proprietà della Ryanair, che dispone di circa 300 aerei di questo tipo. Il 737-800 appartiene alla cosiddetta "Next Generation", varata nel 1996, che prevede velivoli più grandi, meno rumorosi e con maggiore ottimizzazione del carburante.
Il velivolo, del costo di 80.8 milioni di dollari americani, è in grado di accogliere fino a 189 passeggeri.
Modello in plastica in scala 1/144 della Revell, interamente dipinto con vernice spray, a parte la linea gialla che si può realizzare a pennello o con un pennarello a vernice.
Buoni gli incastri ed ottime le decals, che offrono la possibilità di realizzare sia la vecchia livrea Ryanair, che quella illustrata, di nuovo tipo.
Il braccio che sostiene l'aereo è un attaccapanni da muro in plastica, forato e fissato al …