Passa ai contenuti principali

C'è nessuno in casa?

Può capitare di ricevere risposte insolite ad una domanda del genere, ma questo è davvero un caso particolare!
Qui vediamo una guerriera che scaglia il suo cane bicefalo contro un centauro catafratto che li sta caricando dall'interno di una costruzione incassata nella roccia.
Di seguito alcuni dettagli del cane:
Il mastino indossa una pesante armatura, finemente lavorata:
Passiamo al centauro non-morto:
Le piastre dell'armatura e il grande scudo coprono gran parte dello scheletro:
Vediamo ora la guerriera, che indossa una corazza intarsiata con motivi che si ripetono sui fregi del bastone.
Tutti i figurini sono in metallo, in scala 28mm: il centauro è della Rackham (Confrontation), donna e cane sono della Privateer Press (Hordes, espansione di Warmachine).
Il portone e la scalinata, entrambi in resina, sono stati incollati su un fondo di masonite su cui ho lavorato le sembianze di una parete rocciosa con il Das; il fregio della rana è in metallo, proveniente da un vecchissimo kit della GW.
Le miniature sono state dipinte a pennello su un fondo di primer nero, mentre la scenografia è stata realizzata interamente con vernici spray; fondamentali le lavature su tutti i pezzi, per metterne in risalto la lavorazione.
Brecciolina e erba da presepe incollati con il Vinavil su una base di legno completano la scena.

A presto!

Commenti

Monty ha detto…
pretty dioramas with a beautiful mythological scene.
luca tempesta ha detto…
many thanks, Monty!
j.d ha detto…
Hola
MUY bonita,me parece una gran escena,y con unas figuras que crean un gran moovimiento.
UN SALUDO
luca tempesta ha detto…
many thanks, jd!
bye
Nathan Watt ha detto…
Hey, I've come to check out your blog. I like what I see, though I'm unable to read what it says unless it's in English. Sorry. Language barrier in that aspect, but visually, it looks brilliant.

Do you do a lot of projects like this? Does it take long?
luca tempesta ha detto…
Hi Nathan, i'm happy you like my works.
i made many projects like this and much more bigger (you can check them in the "Grandi Opere" cathegory), and many other will follow.
this one in particular took no more than 1 week of work, but it depends on how much details you want in it.
please try to use the translator in the high right corner of the page: it should work; anyway, if you have more questions, feel free to ask, by e-mail too.
bye
Nathan Watt ha detto…
The translator isn't clickable for me for some reason. I shall take a look in the Grandi Opere right now though.
luca tempesta ha detto…
i'm sorry about that.
maybe that google translator would solve the problem.
anyway, don't be afraid to ask.
bye

Post popolari in questo blog

Il Samurai d'acciaio (IJN Akagi)

Progettata come incrociatore e convertita in portaerei in corso d'opera, la Akagi (in giapponese: castello rosso, dal nome di un vulcano del Kanto) entrò in linea prima dello scoppio della seconda guerra mondiale:
Sottoposta a vari ammodernamenti, la nave prese parte all'attacco a Pearl Harbor del 07.12.1941.
Nella foto seguente si vede bene il fumaiolo, piegato in basso e all'esterno, perchè il fumo non invadesse il ponte di volo:
Un primo piano del ponte con l'elevatore di prua in evidenza:
Dati tecnici: dislocamento: 42000 t; lunghezza: 260,68 m; larghezza: 31,32 m; equipaggio: 2000.
Fu affondata dagli aerosiluranti americani durante la battaglia delle Midway.
Il modello è della Hasegawa, in scala 1.350. Molti i pezzi da assemblare, con un buon dettaglio generale; scafo dipinto a spruzzo, usando la carta gommata per le mascherature.
Il ponte di volo presenta alcune linee da dipingere a mano, data l'assenza delle decals.

Per una rassegna di film di guerra cliccat…

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…

Disarmato in battaglia (EA-6B Prowler)

Il velivolo EA-6B Prowler (Predatore) è un quadriposto da guerra elettronica prodotto dalla ditta Grumman.
L'aereo deriva dall'A-6 Intruder, aereo da appoggio tattico: le maggiori differenze sono l'aggiunta di un bulbo contenente apparati elettronici sulla sommità della deriva e di due sedili aggiuntivi per gli operatori ai sistemi. All'esterno trovano posto fino a 5 gondole ECM; nel modello illustrato due di esse sono state sostituite da serbatoi sganciabili, che ne allungano il raggio d'azione.
In occasione di missioni di soppressione dei radar nemici, il Prowler può essere equipaggiato con missili antiradar AGM-88 Harpoon (peraltro non previsti nella versione in esame, ma solo nelle successive). Il perspex che compone il tettuccio è ricoperto di una sottilissma foglia di oro, volta a bloccare l'ingresso di radiazioni dannose provenienti dalle apparecchiature di disturbo elettronico.
L'aereo ha un peso massimo al decollo di 27.900 kg ed è capace di una ve…