Passa ai contenuti principali

Death in June

Il gruppo musicale che dà il titolo a questo post nasce negli anni '80 in Inghilterra, e, dopo varie modifiche alla formazione originale, prosegue tuttora la propria produzione grazie al solo Douglas Pearce:
Il cantante si avvale dell'iconografia e delle tenute mimetiche delle SS per le sue esibizioni in pubblico e per le immagini sugli album, oltre ad indossare una maschera bianca, ormai divenuta uno dei simboli più importanti dei Death in June.
Ho cercato di riprodurne l'aspetto mentre si esibisce nel concerto tenutosi a Ciampino (Roma) il 14 dicembre del 2013.
Ammetto di non conoscere la produzione musicale del gruppo, ma il mio amico Alessandro mi ha commissionato questo lavoro e sono stato ben felice di accontentarlo!
Il figurino è in plastica, della Dragon, in scala 1/35, interamente dipinto a pennello, con lavature in colore marrone per braccia, pantaloni e maschera, in nero per tutto il resto.
Ho sostituito le braccia e la testa, e, per realizzare il cappuccio, ho cancellato capelli e orecchie con una lima e ho aggiunto dello stucco per costruire le falde che scendono sulle spalle.
Il microfono è composto di stuzzicadenti, filo di ferro con guaina nera e una perlina di plastica.
Il manifesto che fa da sfondo è stato ricavato da una foto scattata proprio dal mio amico durante il concerto: l'ho stampata su carta adesiva e l'ho poi incollata su un pezzo di plastica ritagliato da un cartello segnaletico e dipinto con vernice spray.
La scanalatura in cui è inserito il fondale si ottiene con il mini trapano.
La base è un tappo di sughero per damigiane.

A presto!

Commenti

Captain LOL ha detto…
Eccellente Luca , al stesso tempo mi fai conoscere un gruppo che non conoscevo , o fatto un po di ricerche su Google , e vera che ci somiglia proprio , bravo .
Ci vediamo
Vincent .
luca tempesta ha detto…
grazie capitano, sono contento che ti piaccia!
ciao
luca tempesta ha detto…
grazie cooksappe!
j.d ha detto…
Hola
Magnifico si señor,te a quedado de cine o mejor dicho de musica jajaja
UN SALUDO
j.d ha detto…
FELIZ ENTRADA Y SALIDA DE AÑO
FELIZ 2014 Y QUE SE CUMPLAN TODOS LOS DESEOS
Simmy ha detto…
Un mio amico è un appassionato fan di questo "originale" gruppo musicale da quando eravamo ragazzi. Lo inviterò a vedere il tuo post.
Complimenti per la qualità della pittura.
Ciao
Simone
luca tempesta ha detto…
grazie Simone per i complimenti e la pubblicità!
spero che il tuo amico sia soddisfatto del mio lavoro.
ciao
Blogger ha detto…
FreedomPop is Britian's first ABSOLUTELY FREE mobile phone provider.

Voice, SMS & data plans starting at £0.00/month.

Post popolari in questo blog

Castello lancia dadi

Avendo a disposizione un castello in plastica della MiniArt in scala 1/72, ho deciso di sviluppare un progetto più ambizioso della semplice costruzione della solita fortificazione a pianta quadrata:
Ho modificato le mura con il taglierino per allargare l'angolo di contatto tra le parti, inoltre ho sopraelevato il tutto ad altezze differenti inserendo dei pezzi di legno al di sotto di ogni torre.
Il risultato è una struttura a spirale discendente:
I vuoti sono stati riempiti con schiuma di poliuretano e pezzi di polistirolo, in seguito ricoperti con bende gessate.
Un'ulteriore particolarità del diorama è che ogni torre è utilizzabile come lancia dadi, con i punti di raccolta perfettamente integrati nel paesaggio:
La base in legno è delle dimensioni di 56x36 cm e l'intero diorama è stato dipinto con vernice acrilica spray, tranne le porte e il sentiero, che sono stati realizzati a pennello.
Piccole quantità di erba da presepe sono state incollate con la colla vinilica Vina…

Il ponte di Remagen

Titolo originale: The bridge at Remagen
Anno: 1969
Regia: John Guillermin
Interpreti: George Segal, Ben Gazzara, Robert Vaughn, E.G. Marshall
Trama: Durante la seconda guerra mondiale, l’avanzata degli americani verso il cuore della Germania arriva al Reno. L’esercito tedesco in ritirata ha distrutto tutti i ponti per rallentare gli Alleati, ma quello presso la città di Remagen è ancora in piedi e sarà lo scenario di una battaglia feroce tra i soldati americani che tenteranno di attraversarlo e i militari tedeschi che proveranno a distruggerlo con tutti i mezzi.
Il film si discosta in alcuni episodi secondari dalla cronaca storica della battaglia realmente avvenuta. Buona la ricostruzione di armi ed equipaggiamenti, con personaggi un po’ stereotipati, come era tipico del cinema degli anni ’60; nonostante questo, però, la storia evidenzia comunque come il passaggio del ponte sia stato dovuto più ad un errore da parte dei tedeschi che ad un’effettiva superiorità tattica degli Alleati. Pec…

Tu non puoi passare!

Nelle miniere di Moria si svolge uno scontro epocale.
Per favorire la fuga dei suoi compagni, Gandalf affronta un Balrog: un orrore delle profondità della terra, portato alla luce dalla cupidigia dei Nani, che hanno scavato troppo in profondità alla ricerca di mithril.
Un ponte di pietra sospeso su un abisso senza fondo è il palcoscenico del confronto:



Gandalf si erge coraggiosamente a fronteggiare il mostro, che avanza brandendo una spada di fuoco.
Al termine della lotta, il mago sprofonda nelle viscere della terra assieme al suo antagonista, ma chissà che questa per lui non sia la fine, ma un nuovo inizio...
Il figurino di Gandalf è in metallo (28mm); la veste è in grigio scuro con lavature in nero e lumeggiature a pennello asciutto in 2 tonalità di grigio più chiaro; i capelli sono dipinti in grigio e lumeggiati con più passate di bianco a pennello asciutto.
Il Balrog è in plastica ed al nero di fondo è stata applicata una lavatura di rosso per ottenere l'effetto "lava"…