Passa ai contenuti principali

Un piccolo presepe

Pur non essendo religioso, quest'anno ho deciso di cimentarmi nella costruzione di un presepe che tenesse conto della realtà storica della Palestina di 2000 anni fa.
Ho ricostruito il cortile interno di una casa con la parte dedicata agli animali, dove, presumibilmente, trovò alloggio la Sacra Famiglia:
Ho realizzato una "scatola scenica" con dei fogli di masonite dipinti con vernice spray ad effetto granito su fondo nero, dentro cui ho piazzato le luci:
L'interno degli edifici è stato illuminato con comuni lampadine natalizie, mentre per il cielo ho usato una mini collana, molto economica, di led blu.
Le costruzioni sono in polistirolo rivestito di carta assorbente e colla vinilica, mentre il terreno è in pasta modellabile Das.
Il selciato è stato ottenuto con uno stencil  per belle arti in rilievo, impresso sul Das con un mattarello.
Porte e finestre sono fatte del legno ricavato dai bastoncini dei gelati e dipinte con vernice spray.
Infine, una foto del soffitto della scatola, che mostra come il semplice nastro isolante sia stato sufficiente a fissare i led:
Prima di chiudere la scatola, ho spruzzato la composizione con della vernice spray trasparente opaca che ha smorzato i riflessi e ha fatto da collante per la sabbia sottile che ho sparso con un passino, utile per bloccare le pietre più grandi.
I personaggi sono in plastica, recuperati da una torta natalizia dello scorso anno.
Ho pulito i segni dello stampo con una lima e ho riverniciato i particolari a pennello, con una lavatura finale di colore marrone.
Le dimensioni della base, una mensola di legno truciolato, sono di 25x45 cm, per un'altezza di 35 cm.

Buon Natale e a presto!

Commenti

Captain LOL ha detto…
Molto bello Luca e di circostanza , mi piace l'effetto delle luci , complimenti .
E buon Natale .
luca tempesta ha detto…
grazie Capitano, e buon Natale anche a te!
"Joyeux Noël et bonnes fêtes de fin d'année !"

At the beginning, when i see the first picture, i think it is a diorama of Starwars with Anakin, lol !
luca tempesta ha detto…
In fact, "Tattooine" is actually Tunisia!
Merry Christmas and happy new year to you!
bye
Morikun ha detto…
Magnifique !!

Un travail remarquable comme d'habitude mon Cher Luca ^^

(Moi aussi je me suis cru dans Star Wars quand j'ai vu les photos pour la première fois ^^')

Très joyeux Noël et Bonne et heureuse année à toi et à toute ta famille mon Cher Luca !!

luca tempesta ha detto…
many thanks Morikun!
after all, desert is always the same, in every time or on every planet!
merry Christmas and happy new year to you and your family!
bye
j.d ha detto…
Hola Amigo
Perdon por la tardanza y que casi se me pasa otra VEZ,puñetero actualizador
Me gusta lo que as echo y lo del techo con las luces me lo apunto es muy guapo
FELIZ NAVIDAD Y PROSPERO AÑO NUEVO
FELIZ 2014
UN SALUDO
J.Daniel.M.L.
luca tempesta ha detto…
don't worry for the delate, j.d!
the only important thing is that you like it.
thanks and merry Xmas and happy new year.
bye
Fed Zeppelin ha detto…
il grande ritorno della masonite! -_-'
no, dai, scherzi a parte il presepe è bellissimo!
luca tempesta ha detto…
la masonite sarà il tuo incubo!
grazie Fed!

Post popolari in questo blog

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…

A'Tuin

"Ho sempre sospettato che gli Dei avessero senso dell'umorismo, altrimenti perchè avrebbero piazzato il nostro mondo sul dorso di quattro elefanti che stanno appoggiati su una tartaruga che nuota nello spazio?"
Moist von Lipwig
La Grande A'Tuin, appartenente alla specie Chelys Galactica, è il personaggio più misterioso di Mondo Disco: nessuno sa quanti anni abbia, dove stia andando e perchè.
Persino il suo sesso è ignoto, anche se almeno una spedizione di astrozoologi ha tentato di svelare il mistero (la vicenda è raccontata nella miniserie The Colour of Magic).
Tra le città più importanti di Mondo Disco è impossibile non citare Ankh Morpork, sede dell'Università Invisibile, il cui computer centrale verrà interogato da Morte nel tentativo di scoprire cosa fosse successo a Hogfather.
Lungo il bordo del disco l'acqua degli oceani si riversa nello spazio, generando la schiuma che si vede tutto intorno.
Una leggenda sostiene che, originariamente, vi fossero cinque…

Apotecario degli Space Marine Primaris

Quando uno Space Marine cade sul campo di battaglia, l'Apotecario interviene con i suoi strumenti e ne estirpa il seme genetico, che diverrà la base per la creazione di nuovi soldati, fedeli all'Imperatore.




Figurino in plastica, in scala 28mm, prodotto dalla Games Workshop.
Interamente dipinto con i colori acrilici Citadel su una base di primer spray bianco; l'effetto sangue e il lucido trasparente usato sulla siringa appartengono alla linea di colori Citadel Technical.

A presto!