Passa ai contenuti principali

La via del Bushido 4

La corazza indossata dai samurai era particolarmente elaborata e colorata.
Di seguito ne vediamo una del XII o XIII secolo (periodo Kamakura):

 
Il figurino a mezzo busto indossa uno o-yoroi (armatura a cassa) decorato con motivi floreali, ripetuti sulle falde del kabuto (elmo), che sfoggia un ampio mon (cimiero) dorato.
La vista posteriore dell'elmo mostra lo shikoro (falda) molto ampio e colorato, che scende a coprire la nuca e le spalle, ulteriormente protette dai sode (spallacci).
Le piastre che compongono questi elementi sono molto colorate e seguono un preciso schema distintivo che identifica il combattente sul campo di battaglia.
Sicuramente il samurai qui raffigurato è di rango elevato, data la complessità e la ricchezza dell'armatura.

Il figurino è un soprammobile in resina di 6 cm di altezza, acquistato per pochi centesimi di euro in un negozio di casalinghi.
Dopo aver eliminato alcune imperfezioni con un taglierino, ho coperto il pezzo con un primer spray nero, colorando poi i particolari a pennello con i colori acrilici.
L'ottimo dettaglio è stato messo in risalto con una lavatura generale in nero (marrone per l'incarnato).
La base è costituita da un blocco di marmo prelevato da un vecchio trofeo.

A presto!

Commenti

Hi Luca !

Beautiful colors and nice freehands.
Good work as usual.
Morikun ha detto…
A very good job !! I like the flowers details !!

There is a variety of colors and all the mini is very lightning !!

Well done as usual my Dear Luca ^^
Captain LOL ha detto…
Bellissimo é molto espressivo Luca , proprio un buon lavoro , complimenti .
luca tempesta ha detto…
many thanks Gilles!
i'm glad you like it!
bye
luca tempesta ha detto…
many thanks Morikun, i'm happy that a true expert thinks it's good!
bye
luca tempesta ha detto…
grazie Capitano!
la tua opinione è importante!
ciao
Fed Zeppelin ha detto…
io avevo commentato, ma il dannato blogger si è mangiato il mio commento >_<

Comunque avevo detto che è bellissimo, e che prima o poi mi verrà voglia di disegnare un samurai e che tu sarai chiamato ad aiutarmi con la documentazione (ormai mi hai viziata e ti becchi le conseguenze!)
Nathan Watt ha detto…
Really brilliant work Luca. You always seem to have some good stuff showing here. Must take quite some time to work on these.
j.d ha detto…
Hola
Gran trabajo
Como siempre me encanta como nos pones en situación contando todo sobre el personajes,incluidos los nombres originales de las partes de la armadura.
Eso de la peana también las pongo yo de los trofeos que encuentro,son muy buenas
un saludo
luca tempesta ha detto…
grazie Fed!
come sempre, sono a tua disposizione.
ciao
luca tempesta ha detto…
many thanks Nathan, i always try to do my best!
all the info in my blog are at your disposal, and feel free to ask more!
bye
luca tempesta ha detto…
many thanks j.d, i try to explain my works and to allow a deeper sharing of the stories behind them, so i'm happy that you like it!
bye
Marco ha detto…
Ciao Luca complimenti per i tuoi lavori!! Mi sto appassionando anche io a miniature e diorami, per ora ne ho colorate alcune del signore degli anelli. Ti volevo chiedere: dove hai preso il Capitan Harlock da colorare? ho guardato un po' in giro ma non riesco a trovarne uno naked per cimentarmi nella pittura, ancora complimenti
luca tempesta ha detto…
ciao Marco, e grazie dei complimenti!
ho acquistato Harlock in fumetteria alcuni anni fa.
spero che il mio blog ti sia di aiuto per il tuo hobby.
se hai bisogno, contattami pure via mail, l'indirizzo è nei contatti.
ciao

Post popolari in questo blog

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…

A'Tuin

"Ho sempre sospettato che gli Dei avessero senso dell'umorismo, altrimenti perchè avrebbero piazzato il nostro mondo sul dorso di quattro elefanti che stanno appoggiati su una tartaruga che nuota nello spazio?"
Moist von Lipwig
La Grande A'Tuin, appartenente alla specie Chelys Galactica, è il personaggio più misterioso di Mondo Disco: nessuno sa quanti anni abbia, dove stia andando e perchè.
Persino il suo sesso è ignoto, anche se almeno una spedizione di astrozoologi ha tentato di svelare il mistero (la vicenda è raccontata nella miniserie The Colour of Magic).
Tra le città più importanti di Mondo Disco è impossibile non citare Ankh Morpork, sede dell'Università Invisibile, il cui computer centrale verrà interogato da Morte nel tentativo di scoprire cosa fosse successo a Hogfather.
Lungo il bordo del disco l'acqua degli oceani si riversa nello spazio, generando la schiuma che si vede tutto intorno.
Una leggenda sostiene che, originariamente, vi fossero cinque…

Apotecario degli Space Marine Primaris

Quando uno Space Marine cade sul campo di battaglia, l'Apotecario interviene con i suoi strumenti e ne estirpa il seme genetico, che diverrà la base per la creazione di nuovi soldati, fedeli all'Imperatore.




Figurino in plastica, in scala 28mm, prodotto dalla Games Workshop.
Interamente dipinto con i colori acrilici Citadel su una base di primer spray bianco; l'effetto sangue e il lucido trasparente usato sulla siringa appartengono alla linea di colori Citadel Technical.

A presto!